Bmw Serie 8: il ritorno della supercar atteso a Villa d’Este

C’è fermento, fra gli appassionati di coupé di altissima gamma: rumors dal Web annunciano l’arrivo, al Concorso d’Eleganza, della inedita supersportiva Serie 8.

Fra le novità più attese al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2017 (che apre i battenti venerdì 26 maggio, per concludersi domenica 28), c’è l’inedita Bmw Serie 8. Si tratterebbe di un ritorno alla produzione ultrasportiva di altissima gamma che farà piacere agli enthusiast del marchio bavarese.

Annunciata rivale nei confronti di Mercedes Classe S Coupé, la nuova Bmw Serie 8 che gli appassionati attendono a Villa d’Este (evento patrocinato proprio da Bmw e che, come avviene da diversi anni, ad ogni edizione si arricchisce di novità di alto livello) sembra proporre, adeguatamente aggiornate secondo più moderni dettami di studio aerodinamico, le filanti linee esterne che caratterizzarono la “storica” Serie 8 che rimase in produzione per tutti gli anni 90.

In particolare, l’analisi dell’immagine di anteprima della nuova Bmw Serie 8 permette di osservare uno sviluppo “a cuneo” dell’impronta laterale della vettura: zona posteriore piuttosto alta, particolarmente scolpita e dotata di vistose feritoie (non si sa ancora se effettivamente funzionali all’aerodinamica della vettura: lo vedremo prossimamente), profilo “a squalo” e cofano anteriore decisamente puntato verso la strada, dominato dal “doppio rene” Bmw molto ampio, da una sottile fanaleria Full Led e- anche in questo caso – da due prese d’aria verticali di grandi dimensioni.

Nel complesso, l’identità stilistica della nuova Bmw Serie 8 –  a giudicare dal render “captato” dal Web, e in attesa di una conferma… fotografica – suggerisce una vaga somiglianza con alcune delle supercoupé più recenti prodotte Oltremanica, in particolare il prototipo Bentley EXP10 Speed 6  e la hypercar Aston Martin One-77.

Da confermare anche l’impostazione powertrain: secondo alcune indiscrezioni, la nuova Bmw Serie 8 verrà equipaggiata, fra l’altro, con l’unità V12 da 6,6 litri turbo da 600 CV già “sotto il cofano” della rinnovata Serie 7. Non dovrebbero tuttavia mancare unità più “piccole”, così come una versione ultrasportiva “M”. Staremo a vedere.

Il ritorno di Bmw Serie 8 nei listini del marchio bavarese andrebbe a colmare un lungo periodo di vuoto lasciato dal precedente modello di altissima gamma “E31”, che gli appassionati delle Bmw storiche conoscono bene.

La Bmw Serie 8 E31 venne prodotta in poco più di 30.000 esemplari (per la precisione, il totale produzione ammonta a 30.621 unità) dal 1989 al 1999. “Base di partenza” era la meccanica della Bmw 750i E32. Presentata in anteprima al Salone di Francoforte del 1989, la Serie 8 si caratterizzava per un’impronta estetica volutamente aggressiva, a rappresentare lo stato dell’arte Bmw riguardo ai livelli di tecnologia raggiunti a fine anni 80. Sotto il cofano venne installata l’unità V12 “M70B50” da 5 litri (4.988 cc), che sviluppava una potenza di 300 CV, abbinato ad un cambio ZF manuale a sei rapporti. La telaistica prevedeva sospensioni McPherson all’avantreno e una raffinata geometria a cinque bracci in alluminio per il retrotreno, con effetto sterzante.

Fra gli atout di Bmw Serie 8 E31 – alcuni dei quali all’avanguardia della tecnica del periodo – l’equipaggiamento con il dispositivo elettronico del controllo di stabilità ASC+T (precursore dell’attuale ESP e uno dei primi esempi di impiego di tale sistema per la sicurezza attiva), le sospensioni dotate di smorzamento controllato EDC tramite un comando azionabile dal conducente, i caratteristici fari anteriori a scomparsa arricchiti con l’impianto lavafari.

L’evoluzione della Bmw Serie 8 E31 (che in Italia, al momento del “lancio”, costava 144 milioni di lire) confluì nelle successive versioni 850Ci (1993), 840Ci e 850Csi (la prima equipaggiata con il V8 da 4 litri e 4 valvole per cilindro, potenza 286 CV; la seconda equipaggiata con il V12, “riveduto e corretto” da Bmw Motorsport, portato a 5,6 litri e 381 CV). Nuovi motori arrivarono nel 1996: il 4,4 litri per 840Ci, sviluppato per i mercati di oltreoceano; e un nuovo V12 da 5,4 litri e 326 CV per 850Ci.

BMW Z4 2019: la prova su strada Vedi tutte le immagini
Altri contenuti