Grenadier: il fuoristrada erede del Defender avrà componenti italiani

L’azienda padovana Carraro realizzerà gli assali anteriori e posteriori per il fuoristrada ispirato al Defender originale.

Grazie ad Ineos Automotive, costola dell’omonima azienda chimica capitanata da Jim Ratcliffe, arriverà entro il 2021 la Grenadier, una vettura adatta all’off-road più duro che è stata annunciata come l’erede naturale della Defender originale.

Assali anteriori e posteriori realizzati dalla Carraro

L’aspetto interessante è che c’è anche un po’ d’Italia in questo progetto che vedrà telaio e carrozzeria costruiti in Portogallo. Infatti, la Carraro con sede a Campodarsego, in provincia di Padova, realizzerà gli assali anteriori e posteriori vista la sua esperienza a livello di produzione di macchine agricole e di veicoli per movimento terra.

L’accordo prevede una fornitura per oltre 10 anni per un costo complessivo di oltre 421 milioni di euro. Si tratta di una collaborazione importante che si somma a quella con la BMW che contribuirà al progetto a livello motoristico con un motore 6 cilindri in linea ed una trasmissione automatica. Ovviamente, la vettura sarà a trazione integrale e sarà capace di superare gli ostacoli più duri.

Sarà costruita in UK

Nello specifico l’assemblaggio avverrà nel sud del Galles con una forza lavoro di 200 persone che potrebbe arrivare a 500 lavoratori nel corso degli anni in caso di incremento della produzione.

In un mercato dove ormai SUV e crossover la fanno da padrone ci sono ancora aziende che credono nelle nicchie specifiche, in veicoli adatti a scopi particolari e capaci di affrontare situazioni precluse alle auto comuni.

I Video di Motori.it

Maserati: il motore elettrico anticipato da un video

Altri contenuti