Nuova Skoda Octavia 2020: ecco la quarta generazione

La nuova Skoda Octavia migliora sotto ogni punto di vista e porta in dote le più sofisticate tecnologie del Gruppo Volkswagen.

La nuova Skoda Octavia, giunta alla quarta generazione e con alle spalle una storia lunga 60 anni, è stata presentata in anteprima mondiale in occasione di un evento dedicato che si è tenuto nella suggestiva cornice della National Gallery di Praga, in Repubblica Ceca.

Svelata sia in versione berlina che nella variante station wagon, la nuova Octavia debutterà sul mercato italiano all’inizio della prossima primavera, mentre i prezzi di listino ufficiali verranno comunicati nel prossimo futuro. Questa inedita generazione sfoggia un design moderno e personale che nasconde contenuti tecnici e tecnologici avanzatissimi, molti dei quali condividi con la “cugina” Volkswagen Golf 8, recentemente presentata

Design e abitabilità

Rispetto alla versione che sostituisce, la Octavia cresce in lunghezza 15 mm in versione berlina e 22 cm nella variante familiare, toccando così quota 4,68 metri, mentre larghezza e passo risultano rispettivamente pari a 1,82 e 2,68 metri, con quest’ultima misura che ricalca quella della precedente generazione. La maggiore lunghezza ha invece permesso di ottenere un vano bagagli più capiente che sulla berlina raggiunge i 600 litri, mentre sulla station tocca quota 640 litri.

Osservando la vettura si apprezza una fiancata muscolosa e scolpita che vanta generosi passaruota in grado di ospitare cerchi in lega che possono misurare fino a 19 pollici. La parte estetica di maggior impatto visivo resta però quella frontale, dove troviamo una inedita mascherina cromata che si distingue per le sue maggiori dimensioni e che separa i proiettori full LED (optional quelli a matrice LED). Nuovi anche i proiettori posteriori che si sviluppano in senso orizzontale e sfruttano anch’essi la tecnologia LED. L’ottimo lavoro effettuato dagli uomini della Skoda ha permesso di migliorare sensibilmente l’aerodinamica della vettura che risulta pari a 0,24 e 0,26 Cx, rispettivamente sulla tre volumi e sulla station, a tutto vantaggio dei consumi delle emissioni e della rumorosità.

Abitacolo minimal e tecnologico

Quello che stupisce di più sulla nuova Octavia è senza ombra di dubbio l’abitacolo, capace di convincere grazie alle sue forme minimalistiche e nello stesso tempo accattivanti che non rinunciano ad elementi di stile ricercati come l’inserto centrale ondulato che divide la plancia in due parti distinte o il volante a due razze dotato di comandi multimediali che permettono di gestire tantissime funzioni messe a disposizione da questo modello. Il volante, che risulta anche riscaldabile, permette di gestire i due display che caratterizzano gli interni della Skoda. Il primo, ampio ben 10,25 pollici, si trova proprio dietro il volante: parliamo della strumentazione 100% digitale che risulta ampiamente settabile e permette di visualizzare numerose informazioni, comprese quelle relative alla navigazione GPS.

Il secondo display è quello dedicato al sistema di infotainment e risulta incastonato al centro della plancia, sopra le bocchette centrali dedicate al sistema di climatizzazione a controllo elettronico. Questo schermo di tipo “touch” misura 10 pollici e permette di gestire un sistema multimediale completamente inedito, forte di una grafica rivista ed in grado di offrire un livello di connettività elevatissimo, grazie alla e-sim integrata capace di offrire nuove funzioni, comprese quelle gestibili in remoto, oltre a promettere nel prossimo futuro un ulteriore ampiamente delle funzionalità tramite aggiornamenti software mirati. Degno di nota anche l’head up display a colori, ora visibile anche dal passeggero.

Le sedute promettono la massima comodità grazie alla certificazione AGR, mentre sul tunnel centrale appare la piccola leva by wire (che sfrutta l’elettronica al posto degli organi meccanici) dedicata alla gestione del cambio automatico DSG a 7 rapporti (disponibile a richiesta al posto del manuale a sei marce). La versatilità dell’auto e il suo spirito “Simply Clever” sono sottolineati da alcune soluzioni intelligenti tra cui segnaliamo lo spazio per bottiglie da 1,5 litri nelle tasche delle portiere, l’ombrello estraibile e il raschia giaccio per il parabrezza posizionato nello sportellino del serbatoio carburante.

Sicurezza al Top

L’iniezione di tecnologia dedicata all’Octavia ha riguardato ovviamente anche la sua dotazione di sistemi di assistenza alla guida (ADAS) che risultano di Livello 2. Non mancano dispositivi come la frenata d’emergenza con riconoscimento pedoni, il side assist, il lane assist, il dispositivo che distingue la segnaletica e il cruise contro adattivo e predittivo, capace di gestire automaticamente la velocità della vettura quando ci si trova nei pressi di rotonde e curve, grazie all’analisi dei dati raccolti dalla camera frontale e dal sistema di navigazione GPS.

Motorizzazioni

La quarta generazione della Octavia porta in dote numerose ed interessanti novità dal punto di vista della gamma e delle motorizzazioni, infatti per la prima volta su questo modello vengono introdotte unità elettrificate che affiancheranno quelle “tradizionali”. L’offerta si apre con il benzina 1.0 TSI EVO da 110 CV e 200 Nm di coppia massima, seguito dal 1.5 litri TSI EVO da 150 Cv e 250 Nm di coppia, mentre al top di gamma si posiziona il 2.0 litri TSI da 190 CV e 320 Nm di coppia, dotato di trazione integrale e cambio DSG.

Sul fronte dei diesel troviamo invece il nuovo 2.0 litri TDI declinato negli step di potenza da 115, 150 e 200 CV, con queste ultime due versioni dotate di trazione integrale (optional sulla 150 CV e di serie sulla 200 CV). L’offerta viene completata dalla motorizzazione a metano 1.5 litri TSI G-TEC da 130 CV, capace di offrire costi di gestione bassissimi e un’autonomia di oltre 800 km, ma per contro scende leggermente la capacità di carico.

Non mancano le a cui varianti mild hybrid 1.0 litri TSI e-TEC da 110 CV e 1.5 litri TSI e-TEC da 150 CV che sfruttano il sistema elettrico a 48V che offre la funzione di veleggiamento per ottimizzare consumi ed emissioni inquinanti. Concludiamo la Octavia plug-in hybrid 1.4 TSI iV da 204 CV e 350 Nm di coppia massima, equipaggiata da un 1.4 benzina da 156 CV abbinato ad una unità elettrica da 75 kW. Quest’ultimo risulta alimentato da un pacco batterie da 13 kWh che permette di percorrere 55 km in modalità elettrica, senza emissioni nocive. Anche in questo caso la capacità di carico viene leggermente compromessa.

Nuova Skoda Octavia 2020: foto ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Skoda Citigo: video e scheda tecnica

Altri contenuti