Bmw X5 M ed X6 M: caratteristiche e dotazioni

La nuova gamma SUV e SUV coupé premium bavaresi dall’immagine racing e 600 (e 625) CV sotto il cofano è pronta ad esordire al Salone di Los Angeles.

La “grande offensiva” Bmw al recentissimo Salone di Francoforte si prepara ad un replica oltreoceano: un primo annuncio viene diramato in queste ore, traducendosi nell’anteprima della nuova generazione di Bmw X5 M e Bmw X6 M, ovvero le varianti high performance della gamma SUV e SUV-coupé “full size” bavarese (ma costruite negli impianti di Spartanburg-South Carolina, insieme all’intera lineup “X” del marchio di Monaco di Baviera), che verranno svelate ufficialmente al Salone di Los Angeles 2019, in programma dal 22 novembre al 2 dicembre.

Nel frattempo, un primo assaggio di ciò che verrà mostrato alla rassegna californiana delle novità automotive arriva attraverso un dettaglio sulle caratteristiche tecniche e sull’appeal estetico di Bmw X5 M e Bmw X6 M in chiave “Model Year 2020”, per le quali si anticipano due varianti di modello ciascuna, e articolate su due livelli di potenza (elevatissima, peraltro, in perfetta corrispondenza con i più recenti dettami di riposizionamento della produzione ultrasportiva Bmw): X5 M e X6 M “standard” vengono accreditate di 600 CV, mentre le relative declinazioni “Competition” mettono sul tavolo ben 625 CV, posizionandosi quindi ai vertici di un segmento – quello degli Sport Utility e Sport Utility Coupé ad altissime prestazioni (o, secondo le denominazioni del marchio bavarese, SAV-Sports Activity Vehicle e SAC-Sports Activity Coupé) – che presenta, fra gli altri, Lamborghini Urus e Porsche Cayenne Turbo S, Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, l’imminente Audi RS Q8 (anch’esso atteso al Salone di Los Angeles 2019) e Mercedes-AMG GLS.

Corpo vettura: il classico stile “M”

Le prime immagini messe a disposizione da Bmw mettono in evidenza i consueti stilemi “racing” da sempre ben conosciuti ed apprezzati dagli enthusiast della gamma più sportiva Bmw: griglie e prese d’aria di generose dimensioni, modanature dedicate, fregi “M”, spoiler (anteriore e posteriore) supplementari e studiati in funzione di un adeguato flusso aerodinamico allo stesso modo dei gusci degli specchi retrovisori, un nuovo e più ampio diffusore inferiore che integra due coppie di terminali di scarico a diametro maggiorato. I gruppi ruota si compongono di cerchi “M” da 21”, abbinati ad un set di pneumatici a sezione differenziata (295/35 R 21 all’avantreno; 315/35 R 21 al retrotreno), mentre per le varianti “Competition” le misure sono di 21” anteriormente e 22” posteriormente (dove gli pneumatici adottati sono da 315/30 R 22). Decisamente “importanti” gli ingombri esterni: 4,94 m di lunghezza, 2,015 m di larghezza e 1,77 di altezza per Bmw X5 M 2020; 4,94 m, 2,02 m e 1,68 m per Bmw X6 M. Il passo è identico per entrambi i modelli: 2.972 mm, così come gli sbalzi anteriori e posteriori (rispettivamente 1.699 mm e 1.688 mm).

Abitacolo e dotazioni di bordo

Ovviamente improntato ad un’immagine sportiva ed hi-tech, il layout degli interni di Bmw X5 M e Bmw X6 M 2020 presenta, fra gli altri, sedili anatomici multifunzione e multiregolazione, volante multifunzione M a diametro ridotto, Head-up Display, climatizzatore automatico “2,5-zone”, rivestimenti in pellami pregiati. Fra le dotazioni ottenibili a richiesta, si segnalano il sistema Bmw Display Key, il tetto panoramico in cristallo Sky Lounge, i “pacchetti” Ambient Air, Heat Comfort, i gruppi ottici anteriori Bmw Laserlight in alternativa all’impianto di illuminazione di serie a tecnologia Adaptive Led. La strumentazione prevede il sistema digitale Bmw Live Cockpit Professional, accanto al quale si colloca il display da 12.3” di visualizzazione e controllo delle funzionalità infotainment: dall’impianto audio al sistema di navigazione, ai servizi Bmw Connected e Bmw ConnectedDrive. Un controller permette di configurare le impostazioni della dinamica veicolo (risposta del motore, regolazione degli ammortizzatori e dello sterzo, trasmissione e impianto frenante), in più, una modalità “M” consente al conducente la configurazione singola per i sistemi di assistenza attiva alla guida, le grafiche della strumentazione digitale e dell’Head-up Display. Fra i programmi di guida, Bmw X5 M ed X6 M 2020 prevedono le modalità “Road” e “Sport”, alle quali si aggiunge la modalità “Track” per le varianti Competition.

Buona, in funzione della versatilità che si richiede a questo tipo di veicoli, la capacità del vano bagagli: il volume di carico utile varia da un minimo di 580 litri (Bmw X6 M) e 650 litri (Bmw X5 M) nel normale assetto di marcia, fino a 1.530 litri (Bmw X6 M) e 1.870 litri (Bmw X5 M) a sedili posteriori (frazionabili nello schema 40 : 20 : 40) totalmente abbattuti. Le operazioni di carico bagagli vengono facilitate con la presenza del sistema di apertura automatica del portellone, arricchito con la funzione Comfort Access.

Motorizzazioni: 600 e 625 CV

Come accennato, la nuova gamma Bmw X5 M ed X6 M “Model Year 2020” prevede due declinazioni per ciascun modello”: le varianti “standard” e le versioni “Competition”. La base di partenza è la medesima: la poderosa unità motrice V8 da 4,4 litri di cilindrata, abbinata al cambio automatico M Steptronic ad otto rapporti provvisto di sistema Drivelogic a tre regolazioni di controllo, ed alla consueta trazione integrale M xDrive a sua volta dotata di modalità 4WD Sport ed equipaggiata con il differenziale a controllo elettronico Active M Differential. Ciò che differisce, fra le due configurazioni di gamma, sono potenza e valori prestazionali dichiarati: 600 CV e 750 Nm di coppia massima per Bmw X5 M e Bmw X6 M, già più che sufficienti per entusiasmarsi. Gli “incontentabili” avranno a disposizione le varianti-evoluzione “Competition”, che sviluppano una potenza di 625 CV. “Da urlo” le performance dichiarate: se la velocità massima è autolimitata a 250 km/h, il tempo di scatto da 0 a 100 km/h richiede fra 3”8 e 3”9. Con il consueto “pacchetto” M Driver’s Package, la velocità di punta sale a 290 km/h.

Le dinamiche veicolo

A trasferire su strada una “cavalleria” così consistente, provvede un assetto – sottoposto ad un articolato programma di re-engineering – che si avvale di un set di sospensioni M adattive, barre antirollio attive e sistema di servosterzo M Servotronic. Allo stesso modo, l’impianto frenante viene corredato di due possibilità di commutazione della risposta, in maniera da fornire al conducente una ulteriore personalizzazione del comportamento veicolo in funzione alle personali esigenze. Da segnalare, infine, la presenza a bordo dei pulsanti “M1” ed “M2”, ereditati dalla berlina ultrasportiva Bmw M5 e anche qui collocati sul volante, utili alla scelta fra due tipologie di regolazione per motore e trasmissione, assetto e freni.

Bmw X5 M 2020: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

BMW M4 2021: coupé sportivo da 480 o 510 CV

Altri contenuti