Hyundai i40 sw: primo contatto con la wagon coreana

Sulle strade norvegesi abbiamo provato la nuova Hyundai i40 wagon, che arriverà sul mercato italiano a settembre con prezzi da 23.500 euro.

Hyundai i40 berlina: prime foto ufficiali

Altre foto »

I coreani fanno sul serio e la Hyundai i40 sw è la nuova arma per lanciare l'assalto totale al mercato europeo. La nuova wagon completa una gamma capace di spaziare in ogni segmento e si distingue per una linea inconfondibile e contenuti tecnici importanti. Siamo andati a Larvik, in Norvegia per guidarla in anteprima e carpire le prime impressioni di questa vettura che si annuncia una diretta concorrente della Volkswagen Passat e della Opel Insignia

Proposta con propulsori a benzina 1.6 e 2.0, con potenze di 135 CV e 177 CV e con due motori diesel entrambe 1.7 da 115 CV e 136 CV, la Hyundai i40 wagon ha un listino prezzi che parte dai 23.490 euro della 1.6 GDi Classic ai 31.100 euro della 1.7 CRDi da 136 CV Style.

Design: una familiare dal DNA sportivo

Sia nella colorazione azzurra che in un più comune grigio o in un elegante nero, la Hyundai i40 sw è un'auto piacevole da vedere, essenzialmente indovinata con quell'aria da wagon un po' coupé che dissimula con maestria una lunghezza vicina ai 5 metri. La calandra esagonale, i montanti posteriori inclinati e la caratterizzazione della fiancata sono i suoi punti di forza che però non si tramutano in un'abitabilità sacrificata, ma offrono un abitacolo ampio e spazioso ai vertici della categoria.

Infatti, all'interno c'è tanto spazio sia davanti che dietro dove le prese d'aria centrali disturbano un po' il passeggero che siede al centro del divano, ma i sedili riscaldabili e gli schinali con possibilità d'inclinazione sopperiscono a questo particolare. La strumentazione completa e facile da consultare riprende la grafica già vista in altri modelli di successo come la ix35, mentre la consolle centrale con il display del navigatore touch screen è innovativa e presenta una disposizione dei comandi ordinata. Le plastiche sono morbide e gli assemblaggi appagano l'occhio ed evitano fastidiosi scricchiolii. Anche il bagagliaio è molto capiente (553 litri) e presenta una pratica barra divisoria da posizionare in base alle esigenze del caso e una soglia di carico molto bassa.

Allestimento: completo già per la entry level

Ovviamente le vetture che abbiamo provato erano delle auto top di gamma complete di tutto: dai cerchi in lega da 18 pollici ai sistemi di avviso per il superamento della propria corsia di marcia, fino ad arrivare all'assistenza al parcheggio e allo scenografico tetto apribile panoramico.

Ma già dalla versione entry level per l'Italia, in allestimento Classic e cambio manuale a sei marce (sia con motore benzina 1.6 GDI che con propulsore 1.7 diesel CRDi da 115 CV), la dotazione davvero completa e spazia dai 9 airbag con tutti i dispositivi di sicurezza attiva come ABS + EBD, TCS, ESP, ed arriva a comprendere anche i cerchi in lega da 16 pollici, i fari di proiezione con illuminazione direzionale, i fendinebbia anteriori, la presa AUX+USB, il sistema audio integrato CD+MP3 con comandi al volante e altri accessori come i retrovisori ripiegabili e riscaldabili elettricamente.

Su strada: il diesel 1.7 non ha complessi d'inferiorità

Sulle strade della Norvegia, tra alberi ad alto fusto e case di legno, abbiamo apprezzato la fluidità del motore 2 litri a benzina da 177 CV, capace di dimostrarsi silenzioso senza subire troppo la massa di circa 1.500 kg quando gira a bassi regimi di rotazione. Ma è chiaro che le nostre attenzioni si sono soffermate sul propulsore diesel da 1.7 litri 136 CV che sarà il più richiesto del mercato. Nonostante la cilindrata ridotta rispetto alcune concorrenti, questo motore si abbina perfettamente alla i40 e le consente di viaggiare anche con un piglio deciso grazie ad una coppia di 325 Nm. Per valutarlo al meglio abbiamo guidato sia la versione con cambio manuale che quella dotata dell'automatico a 6 marce con convertitore di coppia.

Ebbene, se il manuale convince per la sua fluidità negli innesti e la sua capacità di lavorare insieme al motore, l'automatico consente alla i40 di affrontare il traffico senza remore e di divertirsi con i paddles dietro al volante sulle strade piene di curve come quelle norvegesi. Certo, il software non consente di tirare troppo le marce, ma le levette solidali con il volante permettono di cambiare anche in curva e questo è un grande vantaggio quando si è concentrati nella guida.

Se vuoi aggiornamenti su HYUNDAI I40 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 21 giugno 2011

Altro su Hyundai i40

Hyundai i40 Wagon 1.7 CRDi: la prova su strada
Prove su strada

Hyundai i40 Wagon 1.7 CRDi: la prova su strada

Rappresenta l'alto di gamma della famiglia coreana. Comoda, spaziosa, in grado di minare lo strapotere delle rivali tedesche.

Hyundai i40 Business: dedicata ai professionisti
Aziendali

Hyundai i40 Business: dedicata ai professionisti

Hyundai arricchisce la gamma della i40 con la nuova versione Business pensata soprattutto per i professionisti. Novità anche per la i40 Style.

Hyundai i40: prezzi da 23.490 euro
Ultimi arrivi

Hyundai i40: prezzi da 23.490 euro

Con un prezzo d'attacco di 23.490 la Hyundai i40 è pronta a sfidare la concorrenza europea.