Peugeot 308 restyling, a giugno da 17.390 euro

Debutterà a inizio giugno la rinnovata Peugeot 308, che si presenta con una linea più dinamica e con la risparmiosa versione VBC.

Peugeot 308 restyling, a giugno da 17.390 euro

Tutto su: Peugeot 308

di Giuseppe Cutrone

12 maggio 2011

Debutterà a inizio giugno la rinnovata Peugeot 308, che si presenta con una linea più dinamica e con la risparmiosa versione VBC.

È tutto pronto per l’arrivo sul mercato della rinnovata Peugeot 308, la compatta della casa del Leone che debutterà nelle concessionarie la prima settimana di giugno, con l’obiettivo di mantenere alto il nome di Peugeot nell’affollato segmento C, dove finora la 308 si è distinta degnamente accanto ad avversarie quotate e di grande richiamo.

Per mantenere alto il suo appeal la nuova compatta francese punta su qualche discreto ritocco alla linea, ora più moderna e attuale in diversi dettagli, come la parte anteriore rivista che si caratterizza per la nuova calandra e i proiettori modificati, mentre le linee della fiancata, compresa la linea di cintura ascendente, un taglio più netto e deciso, regalando un certo dinamismo all’insieme.

Oltre alla linea però cambiano anche i contenuti. In questo caso la nuova Peugeot 308 si distingue per il debutto delle versioni VBC, cioè Versioni Bassi Consumi, varianti particolarmente attente al contenimento dei consumi e delle emissioni inquinanti, dotate della tecnologia micro-ibrida e-HDi già vista sulla Peugeot 508, a cui si somma il sistema Start&Stop di nuova generazione che provvede a spegnere e riavviare il motore (in 400 millisecondi) automaticamente durante le soste.

Il propulsore scelto per questi nuovi allestimenti è il 1.6 HDi FAP da 112 cavalli disponibile dall’estate e in regola con le normative Euro 5, associato a un cambio manuale robotizzato o a un cambio manuale tradizionale. Lo schema di funzionamento prevede che l’energia accumulata in fase di frenata venga conservata in una batteria, in modo da essere poi utilizzata per fornire della potenza supplementare al turbodiesel nelle fasi di partenza, agevolando in tal modo l’accelerazione senza far aumentare il consumo di carburante, aspetto utile anche e soprattutto nell’uso urbano e nelle numerose fermate e ripartenze tipiche della guida in mezzo al traffico. Così equipaggiata, la 308 consente di raggiungere valori di emissioni (dichiarati) di 98 g/km di CO2.

La gamma della rinnovata 308 offre complessivamente quattro unità a benzina, con potenze comprese tra 98 e 200 cavalli, così come sono quattro anche i diesel, con potenze che partono da 93 cavalli per arrivare a 163 cavalli.

Notevole, come ci si aspetta da un’auto francese, è il comfort di marcia promesso, sottolineato dall’ottima insonorizzazione e da un assetto in grado di filtrare buona parte delle asperità stradali senza far pervenire eccessive vibrazioni all’interno dell’abitacolo.

La capacità di carico raggiunge invece i 430 litri per la variante berlina, che può arrivare a 1.398 litri se si sfrutta tutta la volumetria disponibile abbattendo i sedili, mentre si sale a 674 litri per la più pratica versione SW, la quale raggiunge una capienza massima 2.149 litri in caso si scelga una configurazione che predilige il carico.

Il listino della 308 presenta un prezzo d’ingresso di 17.390 euro per la versione Access con il 1.3 a6v VTi da 98 cavalli, mentre il top di gamma è rappresentato dalla 308 CC con il 1.6 a6v THP da 200 cavalli, che costa 32.750 euro. Sono necessari infine 21.000 euro per la berlina con il 1.6 HDi da 112 CV “Stop and Start” VBC.