Mercedes E63 AMG, debutta il nuovo V8 biturbo

La berlina sportiva Mercedes E 63 AMG è spinta da un V8 biturbo di 5,5 litri di 525 CV e 557 CV.

Mercedes E63 AMG Station Wagon

Altre foto »

Anche la Classe E63 AMG passa dal motore aspirato ad un propulsore sovralimentato che respira meglio per via di due turbocompressori e garantisce performance eccezionali a fronte di consumi ridotti del 22%. Una bella svolta in casa Mercedes che mira a diminuire le emissioni dei suoi modelli attraverso il downsizing abbinato all'utilizzo del turbocompressore.

Il nuovo cuore della E63 AMG è un V8 con basamento in alluminio,  con regolazione variabile dell'albero a camme, intercooler aria-acqua, iniezione diretta a getto guidato con iniettori piezoelettrici e sistema start/stop. Il suo codice di progetto è M 157 ed è capace di erogare una potenza di 525 CV e 700 Nm di coppia motrice, questi valori salgono a 557 CV e 800 Nm nella versione con il pacchetto AMG Performance. Con questa cavalleria l'accelerazione da 0-100 km/h viene bruciata in appena 4,2 secondi (berlina con pacchetto AMG Performance), mentre la velocità massima è autolimitata a 250 km/h.

Si tratta di numeri importanti che necessitano di interventi tecnici profondi per garantire un'adeguata dinamica di marcia, per questo la Mercedes ha allargato la carreggiata di 56 mm ed ha dotato le sospensioni di un sistema di regolazione automatica del livello. Ma non è tutto, la E 63 AMG dispone, inoltre, del nuovo sterzo parametrico sportivo AMG ad azionamento elettromeccanico che offre un rapporto di trasmissione più diretto (14: 1) ed una servoassistenza variabile in funzione dello stile di guida.

Per frenare i bollenti spiriti della sportiva da famiglia, la AMG ha adottato un impianto frenante specifico con freni in materiale composito sull'asse anteriore ed ha predisposto la possibilità di montare dei freni di materiale ceramico. Non mancano dispositivi di nuova generazione per ridurre al minimo il rischio d'incidenti come l'Active Blind Spot Assist che, grazie agli appositi sensori radar a corto raggio di cui dispone segnala al guidatore i casi in cui il cambio di corsia provochi il rischio di collisione con altri veicoli ed interviene azionando leggermente i freni sulle ruote del lato opposto della vettura mediante il programma di stabilità elettronico nel caso in cui il guidatore ignori le sue segnalazioni.

Se vuoi aggiornamenti su MERCEDES-BENZ CLASSE E inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 21 aprile 2011

Altro su Mercedes-Benz Classe E

Mercedes-Benz Classe E 220d Auto AMG Line: la prova su strada
Prove su strada

Mercedes-Benz Classe E 220d Auto AMG Line: la prova su strada

La grande berlina tedesca è migliorata in tutto, con uno stile meno "ingessato" dell’ultima generazione, con tecnologie di livello e un motore diesel vero "cuore" di gamma.

Mercedes Classe E Station Wagon 2016: primo contatto
Ultimi arrivi

Mercedes Classe E Station Wagon 2016: primo contatto

La nuova wagon tedesca convince per il suo stile accattivante e stupisce per l’iniezione di sistemi elettronici dedicati alla guida autonoma.

Mercedes-AMG Classe E 63: fino a 612 CV
Anteprime

Mercedes-AMG Classe E 63: fino a 612 CV

La berlina sportiva della Stella a Tre Punte sarà solo integrale per un’accelerazione da supercar