Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011

Appena presentato a Ginevra, questo crossover sarà il primo modello ad inaugurare il matrimonio Fiat-Chrysler. In vendita da maggio

Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011

Altre foto »

Terminata la passerella al Salone di Ginevra 2011, la nuova Fiat Freemont dovrà iniziare la scalata del mercato. A lei l'onore e l'onere di inaugurare concretamente il matrimonio di Fiat e Chrysler. Una sorta di "ius primae noctis" per capire se questa santa alleanza di cui tanto si parla funzionerà o meno. "I nuovi modelli realizzati grazie alla collaborazione di Fiat e Chrysler ci danno ottimismo e carica", ha detto il presidente della Fiat John Elkann al Salone elvetico. Speriamo che le sensazioni si trasformino nei 4 milioni di esemplari prodotti preventivati da Sergio Marchionne per il 2011. Una sorta di antipasto prima dei 6 milioni 'della salvezza' auspicati per il 2014".

Tornando alla Freemont - crossover nato sulla base della Dodge Journey - si può anticipare che sarà sul mercato a partire dal prossimo mese di maggio. All'inizio sarà disponibile nella sola versione a trazione anteriore, perché la 4x4 non arriverà prima di ottobre. Viene prodotto nello stabilimento messicano di Toluca, lo stesso che sfornerà le Fiat 500 che rimarranno Oltreoceano.

Effettivamente un prodotto come il Freemont mancava nella gamma Fiat. La Sedici, nonostante le sue doti fuoristradistiche di alto livello, non offre dimensioni adeguate - da prima auto - alle esigenze di una intera famiglia, oppure per quanti sono alla ricerca di un veicolo spazioso, comodo e versatile per il lavoro o per il tempo libero.

In quasi 5 metri di lunghezza (4,89 per la precisione, poi 1,88 m di larghezza e 1,72 di altezza), il Freemont ospita fino a 7 persone già nella versione standard. La terza fila di sedili può essere comunque abbattuta per scomparire completamente sotto il pavimento e creare un vano di carico regolare. Inoltre, la seconda fila ha a disposizione il sistema "child booster" che, grazie a cuscini di rialzo, consente la corretta seduta dei bambini a bordo ottimizzando la geometria della cintura di sicurezza e garantendo al contempo maggiore protezione, praticità a comfort.

La posizione di guida è elevata, l'abitacolo è decisamente americaneggiante con sedili spaziosi, numerosi vani portaoggetti (per 140 litri totali di capienza...) e un bagagliaio dotato di capacità complessiva fino a 1.461 litri. Spiccano la plancia avvolgente con elementi cromati, l'inedito quadro strumenti, la console centrale di impatto con l'ampio schermo touch screen a colori del sistema infotainment.

Il design esterno non si discosta molto da quello già metabolizzato del Dodge Journey: linee muscolose e decise, anche se non troppo armoniche, che si traducono nel frontale con nuovo paraurti dalle linee più morbide e dalla calandra con logo Fiat. Anche il posteriore è stato rivisitato con l'adozione di un nuovo paraurti e fanali a LED.

Solo due gli allestimenti disponibili, entrambi con 7 posti, cerchi in lega da 17", climatizzatore automatico a tre zone, sistema keyless entry, cruise control, trip computer avanzato, sistema di monitoraggio della pressione pneumatici (TMPS), fendinebbia e radio touch screen con schermo a colori e comandi al volante. Nella versione più "cittadina" si aggiungeranno la radio touch screen con schermo da 8,4", lettore DVD e SD card, il sistema bluetooth, i sensori di parcheggio posteriori, gli specchietti retrovisori ripiegabili, l'accensione automatica dei fari, i vetri posteriori oscurati e le barre sul tetto.

I propulsori saranno turbodiesel (2.0 Multijet da 140 CV o 170 CV) abbinati a un cambio manuale. In seguito saranno proposte le motorizzazioni 2.0 Multijet da 170 CV e 3.6 benzina V6 da 276 CV, entrambe con cambio automatico. Ad eccezione del potente motore 3,6 litri della famiglia Pentastar del Gruppo Chrysler e relativo cambio automatico, tutti i gruppi motopropulsori sono prodotti e sviluppati da FPT- Fiat PowerTrain.

Per quanto riguarda la sicurezza, si contano con 7 airbag, il sistema antibloccaggio (ABS) completo di Brake Assist, l'Electronic Stability Program (ESP) con Hill-Holder e il sistema antiribaltamento (ERM). Elementi standard su tutti i veicoli.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT FREEMONT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 02 marzo 2011

Altro su FIAT Freemont

Fiat Freemont Black Code, la prova di acquisto
Prove di acquisto

Fiat Freemont Black Code, la prova di acquisto

Quanto costa realmente il nuovo Freemont Black Code? Per scoprirlo siamo entrati in una concessionaria Fiat.

Fiat Freemont Cross al Salone di Ginevra 2014
Anteprime

Fiat Freemont Cross al Salone di Ginevra 2014

Esordio ufficiale al Salone di Ginevra 2014 per la nuova Fiat Freemont Cross, inedita versione che strizza l'occhio ai fuoristrada puri.

Fiat Freemont Black Code: prezzo da 33.300 euro
Ultimi arrivi

Fiat Freemont Black Code: prezzo da 33.300 euro

Fiat lancia sul mercato italiano la Freemont Black Code, allestimento top di gamma offerto da 33.300 euro.