Peugeot Rifter, versatile MPV che strizza l’occhio ai SUV

Il nuovo MPV targato Peugeot sfoggia un design moderno che nasconde la versatilità di un veicolo dotato di 5 o 7 posti e forte di due lunghezze esterne, senza dimenticare tecnologia e motori efficienti.

Peugeot Rifter, versatile MPV che strizza l’occhio ai SUV

Tutto su: Peugeot

di Redazione

26 giugno 2018

Il nuovo Peugeot Rifter si presenta come un MPV  caratterizzato da tanto spazio e versatilità che però non vuole rinunciare ad uno stile da crossover – molto in voga in questi anni – e ad un ambiente interno curato nei minimi dettagli ed equipaggiato con le più moderne tecnologie.

Erede del Tapee, questo modello si propone come compagno ideale per chi possiede una famiglia numerosa, ma anche per chi ha bisogno di un veicolo spazioso e robusto per esigenze lavorative o per il tempo libero. Il Rifter sfrutta l’ormai nota piattaforma modulare EMP2 ed è frutto del progetto congiunto che ha dato alla luce anche le nuove Citroen Berlingo e Opel Combo. La vettura risulta disponibile con due differenti lunghezze: la versione “standard” misura 4,40 metri e quella “Long” 4,75 metri, a cui si aggiungono le versioni con 5 e 7 posti, quest’ultima variante vanta i due sedili della terza fila scorrevoli ed estraibili. Uno dei punti di forza del Rifter è il grande e versatile vano bagagli che vanta un volume che parte da 775 litri fino alla cappelliera nella versione 5 posti e può raggiungere nella versione passo lungo i 4.000 litri abbattendo il divano posteriore.

Declinato negli allestimenti Active, Allure e GT Line, il Peugeot Rifter offre all’interno del suo abitacolo un ambiente tecnologico e ben rifinito nei dettagli. Seduti al posto di guida si apprezza l’ormai noto i-Cockpit, capace di esaltare il design e la fruibilità degli interni della vettura: non manca il volante compatto e dalla forma sportiva posizionato davanti la strumentazione con head-up display, mentre al centro della plancia spicca  il “touchscreen” da 8 pollici dell’infotainment con cui è possibile controllare la navigazione satellitare GPS e la connettività per smartphone con il sistema mirror screen, compatibile con Mirror Link, Apple CarPlay e Android Auto.

La dotazione dell’MPV francese non lesina nemmeno con gli utilissimi sistemi di assistenza alla guida, come ad esempio il cruise control adattivo, il sistema che controlla i limiti di velocità, quello che permette di mantenere automaticamente la propria corsia, il dispositivo che controlla la stanchezza del guidatore e la frenata automatica d’emergenza.

Dal punto di vista delle motorizzazioni, il Peugeot Rifter può essere equipaggiato con il benzina 1.2 litri PureTech, disponibile nelle versioni 110 S&S e 130 S&S, mentre sul fronte dei diesel troviamo il 1.5 litri BlueHDi proposto nei livelli di potenza da 75, 100 e 130 CV. I prezzi di listino del nuovo Rifter partono da partono da 21.650 euro per la variante entry-level a benzina e da 21.550 euro per la versione d’ingresso diesel.