Suzuki lancia la prima gamma di modelli ibridi a GPL

La Casa di Hamamatsu propone per la prima volta nella storia dell’automotive una gamma di vetture ibride con impianto GPL.

Suzuki lancia la prima gamma di modelli ibridi a GPL

Tutto su: Suzuki

di Francesco Donnici

20 novembre 2017

Suzuki propone innovative soluzioni dedicate alla mobilità ecosostenibile seguendo costantemente un percorso di ricerca e sviluppo che ha recentemente portato la Casa di Hamamatsu a proporre una gamma di vetture dall’impostazione tecnica rivoluzionaria.

Il costruttore giapponese ha infatti deciso di arricchire i suoi modelli equipaggiati con la tecnologia Suzuki Hybrid con l’alimentazione bi-fuel (benzina-GPL). Suzuki è la prima casa automobilistica a proporre una soluzione di questo tipo e lo fa sui modelli mild hybrid, tra cui troviamo Ignis, Swift e Baleno, equipaggiati per l’occasione con  l’impianto bi-fuel a benzina e GPL realizzato dai professionisti della BRC. L’offerta GPL del marchio Suzuki comprende i modello Celerio, Vitara e Jimny, anche se questi ultimi non supportano la tecnologia ibrida della Casa nipponica.

Ricordiamo che il sistema Suzuki Hybrid non risulta di tipo “full hybrid”, ma utilizza una batteria dalle dimensioni molto compatte – posizionata sotto il sedile guidatore – collegata ad un motore elettrico che non fornisce la spinta direttamente alle ruote, ma offre una maggiore potenza al motore a benzina.

Tra i numerosi vantaggi offerti dal sistema ibrido di Suzuki e dall’alimentazione GPL troviamo emissioni ridotte, costi di gestione sensibilmente più contenuti, possibilità di parcheggiare gratis sulle strisce blu e di entrare nelle zone ZTL di alcuni comuni italiani e a seconda della Regione in cui si risiede permette anche di non pagare il bollo, ovvero la tassa di possesso.

Grazie alla collaborazione tra Suzuki e la BRC, azienda leader del settore degli impianti bi-fuel, la Casa giapponese garantisce un’altissima affidabilità delle sue vetture alimentata a GPL, come sottolinea la garanzia di 3 anni o 100.000 km offerta dalla Casa che resta immutata anche su questo tipo di vetture.

Il sistema bifuel (benzina-GPL) viene offerto con un sovrapprezzo di 1.600 euro sulla Celerio e sulla Baleno 1.2, mentre i  modelli VITARA 1.6, JIMNY, IGNIS 1.2 e SWIFT 1.2 vengono offerti con un sovrapprezzo di 1.700 euro. Facendo un paio di calcoli scopriamo che la Suzuki Ignis 1.2 Hybrid 2WD iTop GPL viene offerta a 14.983 euro, la Swift 1.2 Hybrid 2WD Top a 15.713 euro e la Baleno 1.2 Hybrid B-Top a di 15.539 euro. Non bisogna dimenticare che oltre ad abbinare motorizzazione ibrida all’impianto GPL, i modelli Ingnis e Swift  possono essere equipaggiati con la trazione integrale sulle varianti Allgrip.