Mazda MX-5 RF: il fascino retrò incontra la sportività

In 13 secondi si trasforma da coupé a spider, ma la sua vocazione non cambia mai. E' bella e sa regalare vere emozioni di guida.

Mazda MX-5 RF: primo contatto

Altre foto »

Arrivata alla quarta generazione, la Mazda MX-5 rimane il punto di riferimento tra le spider dure e pure, grazie alla sua formula perfetta che coniuga sapientemente dimensioni compatte e trazione posteriore, distribuzione dei pesi ideale e motori scattanti. Ora questa iconica "due posti" convertibile viene declinata nella nuova variante Mazda MX-5 RF, dove la sigla "RF" significa Retractable Fastback, infatti la vettura vanta un tetto rigido retrattile che scompare nel bagagliaio.

RF, il nuovo piacere per la MX-5

La MX-5 RF, sia chiusa che aperta, sfoggia un fascino senza tempo che strizza l'occhio alle sportive anni '50 e '60, senza ovviamente disdegnare tratti di design moderni e accattivanti che esprimono agilità e dinamismo. Abbiamo avuto l'occasione di provare in anteprima la MX-5 RF che proprio in questi giorni debutta nelle concessionarie italiane. Dopo la versione di lancio "Limited Edition" (50 esemplari full-optional destinati al mercato italiano), la vettura viene proposta negli allestimenti Evolve, Exceed e Sport. La gamma si apre con la MX-5 RF Evolve 1.5 litri a benzina da 131 CV, proposta a 28.000 Euro, ovvero 2.500 Euro in più rispetto alla variante con capote in tela, mentre al top di gamma troviamo la 2.0 litri a benzina da 160 CV in allestimento Sport.

Tante buone qualità!

L'oggetto del nostro primo contatto è stata proprio la grintosa versione 2.0 litri che abbiamo potuto testare in differenti situazioni di guida. Calandosi nell'abitacolo della vettura l'attenzione cade ovviamente per prima cosa sul tetto retrattile. Quando si effettuano le operazioni di apertura e di chiusura, solo la parte centrale del tetto e il lunotto vengono riposti automaticamente nel vano bagagli mentre le pinne si sollevano durante le suddette operazioni per poi ritornare nella loro posizione originale. La sicurezza in caso di ribaltamento è offerta da due roll-bar che inglobano il frangivento fisso, mentre il confort acustico e l'isolamento termico con il tetto chiuso è paragonabile a quello di una coupé. L'apertura e la chiusura del tetto viene effettuata tramite un comando elettrico che permette di effettuare l'operazione in soli 13 secondi, anche con l'auto in movimento fino ad una velocità - seppur limitata - di 10 km/h. Il tetto aggiunge alla massa dell'auto solo 45 kg, mentre la capacità del bagagliaio risulta di 137 litri, ovvero appena 3 litri in meno rispetto alla versione con copertura in tela.

Per il guidatore è facile trovare la posizione  più adatta alla guida sportiva, mentre il passeggero paga lo scotto di un rigonfiamento sul pavimento vicino il tunnel centrale, causato dalla presenza nel sottoscocca del catalizzatore. Pochi i vani porta oggetti: ne troviamo uno sotto il bracciolo centrale dotato di serratura e tre dietro i sedili, anche se questi ultimi risultano piuttosto scomodi. Ad ogni modo non è questo che cerchiamo da un "gioiello" come la MX-5 RF. La versione Sport 2.0 litri da 160 CV che abbiamo provato vanta di serie i sedili sportivi Recaro riscaldabili elettricamente e rivestiti in pelle e Alcantara, non mancano inoltre il sistema multimediale con navigatore abbinato ad uno schermo da 7 pollici e l'impianto audio ad alta fedeltà della Bose con ben 9 diffusori (quattro dietro i poggiatesta).

La guidi e provi cosa significa "Jinba Ittai"

La 2.0 litri Sport è l'unica versione che vanta l'uso dei sofisticati ammortizzatori sportivi Bilstein e del differenziale posteriore autobloccante capaci di aumentare in modo esponenziale tenuta di strada e piacere di guida. Mentre stai per entarre nel suo abitacolo ti risaltano in mente le caratteristiche principali, come la sua leggerezza raggiunta grazie a un ampio uso di materiali super leggeri, l'equilibrata distribuzione dei pesi sui due assali e una posizione di guida che ti ancora tra volante e sedile, dal quale non vorresti mai più scendere. Passano i chilometri e si capisce perfettamente cosa vuole raccontare l'antica filosofia orientale "Jinba Ittai", alla base di tutti i progetti Mazda: il cavaliere e il suo cavallo come un corpo solo, una fusione di intenti che portano verso un solo desiderio, il piacere di guida. La MX-5 RF ne è la massima espressione: il motore da 160 CV spinge abbastanza bene fin dai bassi regimi e non ti lascia mai solo, accompagnato da un cambio con rapporti molto ravvicinati tra loro, che ti assistono in ogni fase dinamica di guida. Tra i tornanti la RF "guizza" via che è un piacere, lo fa in scioltezza, in leggerezza, con una tenacia impressionante e con uno spostamento impercettibile, come una foglia che cade dal suo ramo ma che legiadra evita ogni altro arbusto. Lo sterzo è rapido, reattivo, perfetto per le caratteristiche di questa MX-5, mentre il differenziale autobloccante consente di uscire sempre forte da ogni curva, senza sprecare mai la bontà della RF. Una bontà piena di equilibrio e di armonia, di bellezza e generosità... Mazda ha colpito ancora, con quel segreto tutto suo di saper costruire automobili belle e che vanno bene, con l'umiltà di chi vuole offrire affidabilità e piacere di guida.

Se vuoi aggiornamenti su MAZDA MX-5 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Altro su Mazda MX-5

Mazda MX-5 RF Limited Edition: in vendita online a 36.500 euro
Ultimi arrivi

Mazda MX-5 RF Limited Edition: in vendita online a 36.500 euro

La nuova versione targa Mazda MX-5 RF Limited Edition arriva sul mercato portando con sé una particolare vena artistica.

Mazda MX-5: due edizioni speciali al SEMA 2016
Tuning

Mazda MX-5: due edizioni speciali al SEMA 2016

Speedster Evolution e Kuro Concept: una derivata dalla Speedster 2015, l'altra allestita sulla nuova RF. Sono le proposte Mazda per Las Vegas.

Mazda: iniziata la produzione della MX-5 RF
Mercato

Mazda: iniziata la produzione della MX-5 RF

Il primo esemplare è stato realizzato nell’impianto di Ujina