Honda: prova totale con sorpresa finale

Jazz, gamma Civic, HR-V e CR-V: le abbiamo provate tutte, ma la ciliegina sulla torta è stata la Type R!

Gamma Honda

Altre foto »

Anche questa volta i vertici della Honda si sono superati, organizzando presso il Circuito di Franciacorta una vera e propria "prova nella prova". In sostanza abbiamo avuto a disposizione tutta la gamma della Casa giapponese, dall'utilitaria alla famiglia Civic, dal crossover al Suv, in un'area di prova che, oltre alla pista, comprendeva un bel tracciato di off road e un centro di guida sicura, dove poter testare con ogni tipo di manovra l'affidabilità, le caratteristiche e la sicurezza di tutti i modelli Honda.

Abbiamo deciso di iniziare con la CR-V, per scaldarci con adrenaliniche emozioni nel fuoristrada. È tra i Suv più venduti al mondo grazie ai suoi 7 milioni di esemplari immatricolati sin dal 1995 e se vogliamo dirla tutta, nel 2012, 2013 e 2014 è risultato il Suv in assoluto più venduto tra la concorrenza. Disponibile sia in 2WD che in 4WD, ha motori sia benzina che diesel. Sul primo fronte è equipaggiato con un 2.0 litri i-VTEC da 155 CV, mentre sul secondo si annovera un 1.600 cc i-DTEC declinato in due potenze, da 120 CV e da 160 CV. Punti di forza della CR-V sono il design imponente, l'elevata tecnologia, lo spazio e il confort di bordo e un'inaspettata attitudine al fuoristrada. Nulla faccia pensare ad un commento negativo, la realtà è che nessuno mai si azzarderebbe a condurre in un off road "pesante" un Suv che ha un range di prezzo che varia da un minimo di 25.500 Euro a un massimo di 40.550 Euro. Eppure il CR-V si è mostrato in tutte le prove di abilità in fuoristrada un Suv sicuro e capace di superare abilmente salite e discese ostiche, guadi, terreni fangosi e tratti che mettono a dura prova la torsione del telaio, il fondo della vettura e le sue sospensioni.

Finita l'avventura "fuori l'asfalto" ci siamo dedicati alla "piccola" Jazz. Oltre ad apprezzarla per la sua "freschezza estetica", siamo rimasti ancora una volta colpiti per la sua ospitalità a bordo. La piccola giapponese ha un abitacolo molto spazioso, che accoglie senza problemi anche cinque adulti ed è arricchito di tanti porta oggetti intelligenti, capienti e tutti al posto giusto. Più spazio a disposizione anche nel vano bagagli (che ha una capacità che varia dai 354 litri ai 1314 litri), nel quale (se si abbattono i sedili posteriori) si possono caricare oggetti lunghi fino anche a 2,40 metri; questo grazie ad una lunghezza della vettura aumentata, rispetto alla precedente generazione, di 10 centimetri (ora poco meno di quattro metri) e il passo di 3 centimetri (ora di 2,53 m). Per quanto riguarda i motori, in gamma dispone di un solo 1.300 cc a iniezione diretta di benzina con potenza di 102 CV e coppia di 123 Nm, abbinato a un cambio meccanico a sei marce. Tuttavia è disponibile, come optional, anche l'automatico CVT sette marce a variazione continua con paddle al volante e tre modalità di marcia: "normale" Drive, la sportiva Drive S e quella manuale. La Jazz ha un costo di acquisto che varia da un minimo di 14.900 Euro a un massimo di 19.200 Euro.

Scesi dalla Jazz ci siamo divertiti con la nuova HR-V e la prima sensazione percepita è che questo Urban Suv ha le dimensioni giuste per conquistare l'apprezzamento di una famiglia che abbia la necessità di guidarlo con agilità sia in città che nel tempo libero, durante i viaggi. Colpisce anche per il suo aspetto da vera off-road, nonostante sia venduta con la sola trazione anteriore; il prezzo tuttavia è invogliante, poiché con un listino che varia dai 20.600 Euro ai 27.900 Euro si inserisce a dovere in un segmento che tra le più apprezzate annovera ad esempio la Fiat 500X, la Jeep Renegade e la Opel Mokka. La sua gamma prevede sia motori benzina che diesel: tra i primi figura soltanto un 1.500 cc i-VTEC da 130 CV, mentre tra i secondi la scelta ricade ugualmente su un solo propulsore, ovvero il collaudato 1.600 cc i-DTEC da 120 CV. Infine siamo rimasti colpiti dalla sua dotazione tecnologica, che comprende la telecamera posteriore, il pacchetto ADAS con frenata automatica d'emergenza, cruise control intelligente e dispositivo di mantenimento in corsia.

Da veri furbi, ci siamo lasciati alla fine la "ciliegina sulla torta" di una due giorni di prove ben strutturate. La pista di Franciacorta a nostra disposizione e una Civic Type R che ci aspettava in pit lane. Già a vederla, ti lascia provare sensazioni da brivido, perché il suo aspetto ruba lo spazio a qualsiasi parola saremmo in grado di mettere insieme per raccontarvi il suo design. Apriamo lo sportello, entriamo in abitacolo e, lasciandolo aperto, accendiamo il motore: il suo 4 cilindri da 2.0 litri di cilindrata sviluppa 310CV e 400 Nm tra i 2.500 e 4.500 giri/min. e allunga fino a 7.000 giri/min. Non male...così come ci allieta il sound di questo sovralimentato, che pensate un po'...negli ultimi due mesi si è preso la soddisfazione di far segnare in cinque circuiti europei il record sul giro per auto a trazione anteriore. Abbiamo pensato proprio a questo dato mentre assecondavamo la nostra seduta tra sedile e volante. Ci dicono che possiamo andare...finalmente si esce dalla corsia box e possiamo iniziare a fare sul serio! Ha il turbo e si sente: in Honda ci hanno detto che per loro questa è una vettura da corsa ma che si può guidare anche su strada e hanno ragione. Ci bastano un paio di giri per capirne il potenziale, soprattutto la bontà. Tra i cordoli è a suo agio, fin troppo e scivola tra una parte e l'altra della Carreggiata che è una meraviglia, merito di sospensioni a controllo elettromagnetico e a un'aerodinamica molto curata, con fondo piatto, estrattore, ala e speciali sfoghi dell'aria che gestiscono i flussi d'aria in modo da creare Deportanza ad alta velocità. Guidandola viene da pensare "che telaio!!" poi mentre continuiamo la nostra "guerra" tra velocità e cordoli, tra una scalata e un inserimento di marcia, viene da pensare "che cambio"! Proprio così, deciso, onesto, puoi "far di lui ciò che vuoi" e questo aiuta ad entrare bene in curva, ad uscirne veloci (grazie anche al differenziale autobloccante) e a sfruttare bene ogni dose di potenza e coppia. La prima staccata che si fa alla curva 1 di Franciacorta arriva dopo un bel rettilineo e proprio qui si riconosce un equilibrio perfetto dell'impianto frenante. Giù il pedale e la Type R frena precisa, senza scomporsi troppo, così ad ogni curva si può lavorare bene sul volante senza troppa fatica. Il trasferimento di carico non pesa mai tanto e mai tanto incide sulla precisione di guida e dietro la Type R gira benissimo, grazie a un retrotreno omogeneo che asseconda il pilota anche nei cambi di direzione più "maldestri". Giro dopo giro la Type R ti calza a pennello e il guidatore si sente in completa sintonia con le sue capacità. Basta per farvi capire quanto va bene e forte la nuova Civic "racing"? Forse in parte...perché è un'automobile che va assolutamente guidata!

Se vuoi aggiornamenti su HONDA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Parente | 23 giugno 2016

Altro su Honda

Honda Civic Type R: a Ginevra il modello definitivo
Anteprime

Honda Civic Type R: a Ginevra il modello definitivo

Presenta un motore 2 litri sovralimentato da circa 300 CV ed una grande cura aerodinamica

Nuova Honda Civic Type R, 2.0 turbo da 320 cavalli
Anteprime

Nuova Honda Civic Type R, 2.0 turbo da 320 CV

La nuova Honda Civic Type R sfoggia un’aerodinamica ancora più curata e un motore turbo da 320 CV.

Honda HR-V 1.6 i-DTEC: la prova su strada
Prove su strada

Honda HR-V 1.6 i-DTEC: la prova su strada

Al volante del crossover giapponese dinamico e versatile