Porsche 911: edizione limitata per i 50 anni

Questa Porsche celebrativa sarà costruita in 1963 esemplari, come l’anno del debutto della 911.

Porsche 911: edizione limitata per i 50 anni

Tutto su: Porsche 911

di Valerio Verdone

04 giugno 2013

Questa Porsche celebrativa sarà costruita in 1963 esemplari, come l’anno del debutto della 911.

Ci sono auto leggendarie, immortali, che hanno fatto la storia e continuano a segnare l’evoluzione dell’automotive, tra queste, merita sicuramente un posto d’eccezione la Porsche 911 che al salone di Francoforte celebra le sue 50 primavere con l’edizione limitata “50 Anni 911”. Una serie speciale che verrà realizzata in 1963 esemplari, proprio come l’anno in cui la leggenda ha debuttato in società.

>> Guarda la Gallery della Porsche 911 Carrera S

Prevista negli showroom dal 23 settembre, è ordinabile da subito e in Italia ha un costo di 124.163 euro iva inclusa. Ma osserviamola meglio per capire quali sono le sue caratteristiche principali. La base è la Carrera S che conosciamo, ovvero la 3.8 da 400 CV capace di toccare i 100 km/h in 4,5 s (4,3 con PDK) e raggiungere i 300 km/h (298 km/h con PDK) accontentandosi di 9,5 litri di benzina per percorrere 100 km (8,7 l/100 km PDK). Però questa 911 speciale presenta una [glossario:carreggiata] posteriore più larga, come le versioni dotate di trazione integrale, il PASM (Porsche Active Suspension Management, i fari Bi-Xenon a regolazione dinamica della luce in curva, i cerchi da 20 pollici, che strizzano l’occhio agli adorabili “Fuchs” di una volta, e le cromature sulle prese d’aria anteriori, sulla griglia del vano motore e tra i gruppi ottici posteriori.

Disponibile nei colori speciali grigio grafite e grigio scuro metallizzato o nel nero di serie, è riconoscibile anche per la scritta “911 50” presente tra i fari posteriori, nel contagiri, sui poggiatesta e sui listelli sotto porta. Ma il look vintage è stato ripreso anche nell’abitacolo grazie alla strumentazione verde con lancette bianche ed alla parte centrale dei sedili realizzata nel tessuto a quadretti “Pepita”. Ovviamente, non mancano le comodità come i sedili sportivi con regolazione a 14 vie.

Non rimane che attendere settembre, quando al salone di Francoforte potremo osservarla dal vivo con tutta la suggestione che l’operazione comporta.