Mitsubishi Outlander 2013: prezzi da 27.750 euro

Rinnovato nella linea, il nuovo Mitsubishi Outlander 2013 vanta una tecnologia all’avanguardia.

Mitsubishi Outlander 2013

Altre foto »

La Mitsubishi, nonostante il momento difficile del mercato, vuole crescere, tornare a guadagnare le quote di vendita che le competono attraverso un nuovo piano industriale nel quale sono previsti modelli adatti a soddisfare le esigenze degli automobilisti di tutto il mondo, automobili adatte sia ai mercati maturi che a quelli emergenti e vetture ibride ed elettriche.

Insomma, un progetto ambizioso che parte con il Mitsubishi Outlander 2013, giunto alla terza generazione e forte di circa 1 milione di esemplari venduti dal suo esordio. Ma scopriamola, osservandola da vicino, prima di metterla alla frusta nell'impianto ASC di Vairano sia nel circuito handling di 2.560 m che nell'impianto dedicato all'off-road.

Linea: equilibrata e sobria

Il nuovo Outlander non ha un estetica vistosa, ma presenta un design equilibrato, sobrio e meno urlato di quello di altre concorrenti. Rispetto al modello precedente cambia radicalmente il frontale con la calandra sottile che sovrasta la griglia trapezoidale e si evolve il terzo finestrino laterale che sottolinea l'inclinazione del montante posteriore. Nella vista laterale inoltre, una nervatura unisce i gruppi ottici anteriori con quelli posteriori, la linea di cintura è piatta lineare, a tutto vantaggio della visibilità. Anche dietro cambia molto per via di una fascia cromata che unisce i gruppi ottici. Le dimensioni non sono variate rispetto al modello che sostituisce, anche se l'altezza è diminuita per favorire un'aerodinamica migliorata del 7% grazie ad un Cx di 0,33. Inoltre, il peso è sceso di 100 kg grazie all'utilizzo di acciai ad alta resistenza.

Interni: assemblaggi curati

L'abitacolo del nuovo Mitsubishi Outlander è comodo, ampio e presenta una plancia curata rifinita con materiali soft-touch che ben si abbinano con la parte laccata della console centrale e con le finiture silver o carbon-look. Il display al centro dell'abitacolo è del tipo touch screen e presenta anche un'utilissima retrocamera per le manovre. Ma non è tutto, la seconda fila, nella variante a 7 posti è scorrevole e consente di raggiungere meglio la terza fila di sedili che adesso è composta da due unità distinte. Per i passeggeri posteriori c'è uno spazio più ampio per le gambe, visto che ci sono 80 mm di spazio in più tra le sedute della seconda e della terza fila, mentre il vano di carico è più ampio di quello della versione precedente: 591 litri in luogo di 541 litri in configurazione a 5 posti e fino a 1.022 litri rispetto a 989 litri utilizzando i soli sedili anteriori. 

In pista: sicura anche sul bagnato

È un po' insolito guidare un SUV in pista, ma alla Mitsubishi sono consapevoli delle qualità dinamiche del nuovo Outlander per cui hanno pensato bene di prenotare l'impianto ASC di Vairano per mettere alla prova il loro nuovo SUV. Così, nonostante il tempo inclemente, piove e c'è molta umidità, per usare un eufemismo, saliamo sulla variante 2.2 DiD da 150 CV abbinato al cambio manuale a 6 marce e alla nuova trazione integrale a controllo elettronico. Mettiamo il sistema in Auto, che migliora il comportamento in curva e partiamo: il tracciato è insidioso e annovera tratti misti uniti ad una sessione veloce con curve ampie da fare a tavoletta, ci vuole fiducia per lanciare l'Outlander a gran velocità, ma il SUV nipponico è sincero e, tranne i trasferimenti di carico inevitabili, con la trazione integrale ci tira fuori dalle curve in tutta sicurezza. L'auto risulta composta e, complice un'elettronica guardinga, non mette mai in apprensione nemmeno in queste situazioni proibitive. Il diesel è un motore piacevole, silenzioso e, con un rapporto di compressione di 14.9:1 tra i più bassi della categoria, spinge bene sin dai bassi regimi e sposta con disinvoltura un'auto dalle dimensioni non proprio contenute.

Passiamo al motore a benzina 2.0 MIVEC da 150 CV abbinato per l'occasione al cambio CVT, trasmissione non disponibile per la diesel che invece potrà avere un automatico tradizionale. Il motore gira più in alto, è ovvio, ma il cambio è piacevole da utilizzare e, con i paddles al volante, è anche divertente. Non ci sono i temuti slittamenti di questa tipologia di trasmissione e, anche se rispetto al diesel non si va più veloci, la guida è più coinvolgente anche per via della diversa colonna sonora. La variante 2WD, sempre a benzina, ma con cambio manuale a 5 marce, mette in luce i limiti della trazione anteriore, con qualche sottosterzo più marcato e una tendenza a scomporsi maggiore della sorella 4WD, ma mai preoccupante. 

Off-road: efficace nel fuoristrada leggero

Il nuovo Outlander 2013 con la trazione integrale 4WD in posizione Lock trasferisce più velocemente la potenza all'assale posteriore e consente di cavarsela in situazioni piuttosto complicate, come l'attraversamento di un tratto completamente coperto di fango. L'auto lavora bene e si esce velocemente dal pantano in maniera disinvolta, anche le salite impervie e piene di terra bagnata non sono un problema, a patto di stare attenti in discesa e di non esagerare nell'approccio, perché la vettura potrebbe toccare con i paraurti. Insomma, l'auto è sicura, consente di superare agevolmente ostacoli naturali e strade dissestate o innevate, ma non è un fuoristrada puro, certe manovre meglio lasciarle a vetture più specialistiche. Tutto sommato però il nuovo Outlander se l'è cavata bene anche nel Twist e questo la dice lunga sulle sue potenzialità.

Prezzi: a partire da 27.750 euro

Posizionato tra i SUV generalisti e quelli premium, il nuovo Mitsubishi Outlander è disponibile in due allestimenti, Intense e Instyle (versione a 7 posti), e presenta una dotazione di serie completa che annovera il clima bi-zona, il bluetooth, i sensori di parcheggio posteriori e i cerchi in lega da 16 pollici. Un insieme di dotazioni a cui si aggiungono elementi interessanti come i fari allo xenon, lo stereo con 9 altoparlanti, i cerchi da 18 pollici e la retrocamera nella variante instyle.

Per avere la trasmissione automatica bisogna mettere in conto altri 1.750 euro, la vernice metallizzata altri 700 euro, mentre con 4.950 euro si può avere il Diamond Pack che annovera gli interni in pelle con sedili anteriori riscaldati e il sedile di guida regolabile elettronicamente, il navigatore satellitare, il tetto apribile, il portellone elettrico, e un insieme di dispositivi, molto interessanti come l'Adaptive Cruise Control, il Forward Collision Mitigation e il Lane Departure Warning.  

I prezzi vanno dai 27.750 euro della 2.0 MIVEC intense a 5 posti 2WD con cambio manuale a 5 marce, ai 33.750 euro della 2.2 DiD 4WD instyle con cambio manuale a 6 rapporti. La versione diesel 5 posti intense con trasmissione manuale e trazione integrale ha un costo di 31.750 euro. Per avere le stesse auto con trasmissione automatica invece è necessario un esborso di altri 1.750 euro. 

Se vuoi aggiornamenti su MITSUBISHI OUTLANDER inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 30 ottobre 2012

Altro su Mitsubishi Outlander

Mitsubishi: ben 4 concept per il Salone di Tokyo
Concept

Mitsubishi: ben 4 concept per il Salone di Tokyo

La Outlander PHEV e la Delica 5 si vestono per il tempo libero

Mitsubishi Outlander 2016: primo contatto
Ultimi arrivi

Mitsubishi Outlander 2016: primo contatto

Il suv del Sol Levante si offre in una veste rinnovata. Aggiornamenti sia sotto il profilo estetico sia sotto quello meccanico. Gamma motori Euro 6

Mitsubishi Outlander PHEV: la prova su strada
Prove su strada

Mitsubishi Outlander PHEV: la prova su strada

Il suv nipponico si presenta nella sua edizione più ecologica. Tre motori a difesa dei consumi e delle basse emissioni.