Ford Focus 1.0 Ecoboost: 3 cilindri per risparmiare

Grazie al turbo ha 125 CV, la Ford Focus 1.0 Ecoboost consuma solo 5 litri per 100 km ed emette 114 g/km di Co2.

Ford Focus 1.0 Ecoboost

Altre foto »

Per fare i conti con il caro carburante e le restrizioni relative alle emissioni inquinanti la parola d'ordine è downsizing. Ultima interprete di questa filosofia progettuale è la nuova Ford Focus 1.0 Ecoboost. Sì, avete capito bene, un motore 1.0 su una berlina compatta: roba da far storcere il naso a chiunque, ma non alla Casa dell'Ovale Blu. Infatti, con un cilindro in meno si ottengono tante cose, ma soprattutto si consuma poco.

In effetti, visti i dati dichiarati, 5 litri di benzina per percorrere 100 km, alla Ford sembrano aver trovato l'idea giusta, considerato anche il livello di emissioni inquinanti: appena 114 g/km di Co2. Ma queste sono le informazioni del motore da 125 CV, più tardi ne arriverà uno da 100 CV capace di consumare 4,8 litri di benzina per 100 km e di emettere appena 109 g/km di Co2.

Si tratta di cifre interessanti che, dicono alla Ford, riportano il consumo di carburante a livello del 2008, quando fare benzina costava il 30% in meno. Grazie anche alla tecnologia e all'adozione dello Start&Stop, che spegne il motore ai semafori abbassando il consumo nel ciclo urbano, vero tallone d'Achille per ogni autovettura, ibride escluse.

Ma veniamo alla presa di contatto con questa Focus 1.0, che arriva dopo il nostro test con la 2.0 TDCi da 163 CV: se non si sapesse della cilindrata ridotta che alberga sotto il cofano si potrebbe tranquillamente scambiarla per una Focus qualsiasi. Infatti, la linea è figlia del kinetic design con le grandi aperture sul frontale e i tagli che si uniscono alle superfici curve per suscitare l'idea di dinamismo anche a vettura ferma. L'unico particolare che la contraddistingue è il badge ECOnetic Technology, di cui possono fregiarsi solo le Ford più parche nei consumi. All'interno si ritrova l'atmosfera futuristica e la strumentazione moderna della sorella a 4 cilindri, con quel design che toglie qualche centimetro all'abitabilità, ma le vere differenze emergono quando si accende il motore e ci si mette in marcia.

In questi frangenti, la Focus si muove in maniera più disinvolta di quanto si possa pensare, merito dei 170 Nm di coppia disponibile già a 1.400 giri che possono salire fino a 200 Nm con l'overboost e dei 125 CV che non fanno rimpiangere un classico 1.6 a benzina da 1.600cc con 4 cilindri. La spinta del motore appare sufficiente a muovere con tranquillità la massa della Focus ed i kg in meno che gravano sull'avantreno offrono persino un vantaggio nell'inserimento in curva. Da qui a definirla sportiva ce ne passa; certo la prestazioni dichiarate non sono male, 193 km/h di velocità massima e un'accelerazione da 0 a 100 km/h coperta in 11,3 secondi, ma per ottenere una guida brillante bisogna sfruttare in pieno il cambio manuale a 6 marce. La versione da 100 CV invece, dotata di cambio manuale a 5 rapporti non andrà oltre i 185 km/h e impiegherà 12,5 secondi per raggiungere i 100 km/h.

Semmai, è il confort di marcia a offrire le sensazioni migliori visto che il tipico rumore da "frullino" dei motori a 3 cilindri è stemperato dal turbocompressore e fa capolino da sotto il cofano solamente quando si tira il collo al piccolo Ecoboost. Un dato interessante, che consente a questo propulsore di rappresentare una reale alternativa ai consueti 4 cilindri e ai diesel dai costi di gestione nettamente superiori.

La Ford ha lavorato tanto su questo propulsore dotato di un monoblocco così compatto da fare invidia ad un foglio A4. Infatti, vanta un albero motore offset ad attriti ridotti; una soluzione avanzata, sviluppata da Ford, per il raffreddamento a due vie del motore, che permette al blocco dei cilindri di entrare in temperatura prima della testata, consentendo di risparmiare carburante durante il riscaldamento del motore, soprattutto alle basse temperature; un collettore di scarico integrato nella testata e le tecnologie EcoBoost, come il turbocompressore, l'iniezione diretta, e i doppi alberi a camme indipendenti a fasatura variabile (Ti-VCT).

Disponibile a partire da 19.000 euro, la Ford Focus 1.0 Ecoboost nasconde un cuore piccolo ma molto generoso e si rivolge a chi vuole sfidare i luoghi comuni e cerca un'auto dalle dimensioni medie con dei costi di gestione da utilitaria. Più conveniente di un diesel, la 1.6 TDCi da 115 CV costa esattamente 1.500 euro in più, ha un prezzo d'acquisto di 750 euro più basso della 1.6 a GPL da 125 CV. Ma non è tutto, se ci si accontenta di 100 CV e di un cambio a 5 marce diventa molto più accessibile e il suo costo iniziale scende a 18.250 euro.

Se vuoi aggiornamenti su FORD FOCUS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 10 aprile 2012

Altro su Ford Focus

Nuova Ford Focus ST: si svela a Goodwood
Anteprime

Nuova Ford Focus ST: si svela a Goodwood

La compatta sportiva di Ford sarà anche turbodiesel con un 2 litri da 185 CV.

Nuova Ford Focus ST al Goodwood Festival of Speed
Anteprime

Nuova Ford Focus ST al Goodwood Festival of Speed

All'imminente kermesse inglese parteciperà anche Ford, che porta al debutto la nuova Focus St. Con una novità: sarà anche turbodiesel.

Ford Focus: confermato il primato di auto più venduta al mondo
Mercato

Ford Focus: confermato il primato di auto più venduta al mondo

La media della Casa dell’Ovale blu conferma per il secondo anno consecutivo la propria leadership mondiale di vendite.