Fiat Panda 2012: porte aperte il 28 e 29 gennaio

La nuova Fiat Panda 2012 sarà protagonista del porte aperte in programma questo week-end, quando la vettura si potrà provare e vedere da vicino.

Fiat Panda 2012: porte aperte il 28 e 29 gennaio

Tutto su: FIAT Panda

di Giuseppe Cutrone

25 gennaio 2012

La nuova Fiat Panda 2012 sarà protagonista del porte aperte in programma questo week-end, quando la vettura si potrà provare e vedere da vicino.

Inizierà con il porte aperte in programma il 28 e 29 gennaio l’avventura commerciale della nuova Fiat Panda 2012, la terza generazione della citycar già apprezzata al Salone di Francoforte e adesso chiamata a tenere alto il nome del Lingotto nel segmento delle utilitarie compatte, quello che da sempre è stato uno dei cavalli di battaglia del gruppo italiano.

Della nuova Fiat Panda si conosce già la gamma, organizzata in tre diversi allestimenti, come il basilare Pop, l’intermedio Easy e il più ricco Lounge, e in un’offerta motoristica che comprende il compatto bicilindrico TwinAir Turbo di 900 cc e 85 cavalli con sistema Start&Stop di serie, il collaudato benzina 1.2 Fire da 69 cavalli e il turbodiesel 1.3 Multijiet da 75 cavalli, anch’esso dotato del sistema di spegnimento e accensione automatici del motore durante le soste ai semafori o in coda.

La nuova Fiat Panda 2012 sarà costruita a Pomigliano d’Arco e non più nella fabbrica polacca di Tychy come avveniva con la precedente generazione (la quale peraltro rimarrà ancora a listino con il nome di Panda Classic) inizierà la commercializzazione presso i 685 punti vendita Fiat in Italia con un listino che partirà da 10.200 euro per la Panda Pop 1.2, per salire fino ai 14.000 euro netti della Panda Lounge 1.3 Multijet.

Per la prima fase di lancio Fiat ha preparato inoltre alcune iniziative che potrebbero agevolare l’acquisto, come ad esempio il finanziamento “Panda 100 x 100” nato grazie alla collaborazione con Sava, che consente di accedere alla piccola citycar torinese pagando solo 100 euro al mese per 100 mesi a fronte di un piccolo anticipo. Per il cliente c’è anche la possibilità di ridurre la durata del finanziamento fino a 24 mesi, mentre il TAN è al 2,75%.