Mercedes C63 AMG Coupé e Cabriolet by Vath: Classe C da 700 CV

C’è tanta sostanza nel programma di elaborazione messo a punto dal tuner di Hosbach per le versioni sportive alto di gamma di Classe C: con un sapiente intervento powertrain, guadagnano il 20% di potenza.

Mercedes C63 AMG Coupé e Cabriolet by Vath: Classe C da 700 CV

Tutto su: Mercedes-Benz Classe C

di Francesco Giorgi

05 febbraio 2018

Per molti appassionati di vetture dalla “potenza bruta”, il mercato offre un’ampia varietà di modelli fra i quali scegliere: varianti ad alte prestazioni più che sufficienti per divertirsi già in configurazione “di serie” in quanto sviluppate dalle rispettive Case costruttrici sulla base di precisi aggiornamenti nell’engineering, assetti studiati in funzione dell’upgrade meccatronico, appendici aerodinamiche progettate ad hoc ad indicare che, spesso, non è necessario aggiungere nulla a quanto impostato dal costruttore. Esiste tuttavia il prolifico settore aftermarket, che non si ferma di fronte a modelli da 300, 400, 500 CV ed anche oltre, ed offre agli enthusiast quel livello superiore di immagine ed aggressività che, all’atto pratico, si concretizza in nuovi studi sull’aerodinamica del veicolo, sull’assetto, sul rendimento del motore.

Uno dei “brand” fra i più gettonati dagli specialisti di elaborazioni è Mercedes; in particolare, le declinazioni high performance AMG sono le preferite dai “tuner”. Un esempio (l’ultimo, in ordine di tempo) arriva ha Hosbach, dove ha sede Vath, factory da sempre rivolta alla produzione della Stella a Tre Punte. Si tratta di una “versione – monstre” su base Mercedes C63 AMG nelle due varianti Coupé e Cabriolet, e che segue di alcune settimane una precedente realizzazione che aveva come oggetto Mercedes C63 Amg S Station Wagon.

L’obiettivo dei tecnici Vath è, sostanzialmente, il medesimo espresso nella preparazione sulla station wagon high performance di Classe C: dimostrare come sia del tutto possibile provvedere ad un preciso affinamento alle caratteristiche-base di una vettura già sapientemente “riveduta e corretta” dalla Casa costruttrice. In effetti, appare interessante, nell’analisi delle immagini messe a disposizione dal tuner tedesco per Mercedes C63 AMG Coupé e Cabriolet ed a conferma dell’elevato engineering impiegato dai tecnici del tandem Stoccarda-Affalterbach, come l’estetica e l’aerodinamica dei corpi vettura non appaiano “stravolti” in relazione ai modelli regolarmente in listino. Se si escludono alcuni particolari, Mercedes C63 AMG Coupé e Cabriolet by Vath mettono in evidenza, soprattutto, un set di cerchi in lega (modello “V2-GT”) da 8.5×20” all’anteriore e 10×20” al posteriore, abbinati a pneumatici da, rispettivamente, 255 – 20 e 285 – 20.

Modificato anche l’assetto, che prevede un sistema di sospensioni “home made” regolabili (l’abbassamento del corpo vettura può essere determinato fra 20 e 40 mm) abbinabile al dispositivo di controllo AMG Ride Control. In alternativa, Vath propone agli appassionati un più articolato kit di sospensioni totalmente regolabili, che comprende specifici ammortizzatori idraulici e sospensioni a doppia molla. Conseguentemente alle aumentate prestazioni, l’impianto frenante di serie può essere sostituito con un kit formato da nuovi cerchi da 390 mm con pinze a sei pistoncini per l’avantreno, tubi in acciaio inox, pastiglie racing e liquido specifico per impieghi agonistici.

Nessun aggiornamento di rilievo all’impostazione dell’abitacolo, nel quale già di serie spiccano i sedili semianatomici e il volante multifunzione: Vath si limita ad aggiungere un kit di tappetini in velluto nero e un nuovo tachimetro con fondoscala portato a 360 km/h.

Sotto il cofano, l’elaborazione operata dai tecnici della factory di Hosbach al motore di Mercedes C63 AMG Coupé e Cabriolet (l’unità 4.0 V8 che, nella versione più potente, eroga 510 CV) prevede l’adozione di uno specifico kit di rimappatura della centralina, un nuovo impianto di sovralimentazione e un esclusivo radiatore per l’olio motore e trasmissione. Questo intervento, abbinato all’adozione di un impianto di scarico con elettrovalvola per il controllo del “sound” sprigionato dal 4.0 V8, permette alle sportive di Classe C di raggiungere una potenza di 700 CV e 900 Nm di coppia massima e su strada una velocità massima nell’ordine di 340 km/h e i 100 km/h con partenza da fermo in appena 3”3.