Porsche 911 Ruf: la versione targa che mancava

L’atelier tedesco Ruf presenta una rivisitazione in chiave retrò della 911, ispirata alla mitica Porsche 911 Targa del 1967

Porsche 911 Ruf: la versione targa che mancava

Tutto su: Porsche 911

di Francesco Donnici

20 ottobre 2010

L’atelier tedesco Ruf presenta una rivisitazione in chiave retrò della 911, ispirata alla mitica Porsche 911 Targa del 1967

Lo storico preparatore Ruf, specializzato in radicali trasformazione dei modelli Porsche, ha realizzato sulla base della moderna 911 (progetto 997) la Ruf Roadster 3.8, una rivisitazione in chiave retrò ispirata alla Porsche 911 Targa del 1967, lo storico modello dotato di un particolare tetto rigido rimovibile che trasformava la sportiva di Zuffenhausen da coupé in spider.

La Ruf Roadster, proprio come la 911 targa prodotta dal 1967 (dopo il ’92 le versioni Targa hanno sostituito i tettucci asportabili con un grande tetto retrattile in cristallo), vanta un particolare roll-bar fisso ad arco posizionato sopra i poggiatesta e due pannelli asportabili e riponibili nel bagagliaio, mentre il lunotto è integrato in una piccola capote in materiale plastico ripiegabile elettricamente. Il resto dell’allestimento è composto dai tipici accessori dell’atelier di Pfaffenhausen come il set di cerchi in lega da 19 pollici a stella, i dettagli aerodinamici sul frontale della vettura e il grande spoiler posteriore.[!BANNER]

La Ruf Roadster è disponibile con il propulsore 6 cilindri 3.8 litri da 400 CV e 430 Nm di coppia massima, in grado di raggiungere i 295 km/h e di toccare i 100 km/h da fermo in 4,6 secondi. Per gli incontentabili c’è anche una versione sovralimentata, in grado di sviluppare ben 560 CV.

La Porsche Ruf Roadster viene venduta ad un prezzo di partenza di 195.000 euro, tasse escluse. Nel 2011 il telaio della vettura verrà utilizzato anche per la realizzazione dell’attesissima versione elettrica eRuf.