Bmw 335i F30 by Schmidt Revolution: tuning di sostanza

Nessuna modifica al corpo vettura, ma interventi a ruote, assetto e motore. La nuova Bmw 335i, grazie a Schmidt Revolution, raggiunge 336 o 365 CV.

Bmw 335i F30 by Schmidt Revolution: tuning di sostanza

Tutto su: BMW Serie 3

di Francesco Giorgi

14 giugno 2013

Nessuna modifica al corpo vettura, ma interventi a ruote, assetto e motore. La nuova Bmw 335i, grazie a Schmidt Revolution, raggiunge 336 o 365 CV.

Se i 72.000 euro per accaparrarsi un esemplare di M3 sono tanti per molte tasche, ecco come avvicinare le performance della nuova Serie 3 F30 alla leggendaria coupé di Monaco di Baviera, senza svenarsi. E’ quanto propone Schmidt Revolution, azienda di Bad Segeberg celebre per i suoi cerchi in lega, per la Bmw 335i F30, che fa parte dell’ultima evoluzione (in ordine di tempo) di Bmw Serie 3.

Grazie all’impiego di un set di ruote specifico e all’adozione di un nuovo assetto e un kit centralina e scarico, il 6 cilindri della 335i è in grado, secondo quanto indicato dai tecnici Schmidt, di erogare 336 o 365 CV, in base al livello di elaborazione scelto dal cliente.

>> Guarda le immagini ufficiali della Bmw 335i F30 by Schmidt Revolution

Il corpo vettura rimane quello di serie: nessuna concessione estetica né [glossario:aerodinamica] per la nuova 335i (le decorazioni che compaiono nella gallery sono state messe per motivi di immagine). Le differenze sostanziali si incontrano a livello di ruote, sospensioni e powertrain. Schmidt, infatti, propone un kit di cerchi in lega da 20″ scomponibili, in tre pezzi, realizzati appositamente per questa preparazione, costruiti in una speciale “lega di acciaio inox” e chiamati “FS Line“, disponibili nella misura 8.5×20 all’anteriore e 10×20 al posteriore, predisposti al montaggio di un set pneumatici Continental 5P da 235/35-20 all’avantreno e 265/30-20 al retrotreno.

Sotto il cofano, il 6 cilindri 3.0 da 306 CV e 4.000 Nm di coppia della Bmw 335i F30 può ricevere, a scelta del cliente, due livelli di preparazione. Il primo step, più blando, richiede soltanto la rimappatura della centralina, e consente già di raggiungere 336 CV e 460 nm di coppia a 5.700 giri/min; il passo successivo, con un’elaborazione ancora più “spinta” all’elettronica di gestione e il montaggio di un nuovo doppio terminale di scarico in titanio, “regala” alla 335i 365 CV e 480 Nm a 5.600 giri/min.

Per ottimizzare la dinamica di guida in base all’aumentata potenza e alle nuove ruote, è possibile ordinare un kit [glossario:ammortizzatori] Bilstein B12, con barre stabilizzatrici specifiche Eibach, e la riprogrammazione del dispositivo Edc – Electronic Damper Control.

Per concludere, un occhio ai prezzi: il set ruote Schmidt Revolution viene proposto a 6.499 euro; per il primo livello di elaborazione motore, la richiesta è di 799 euro, che salgono a 1.399 euro per lo step 2; il terminale di scarico in titanio richiede 399 euro; [glossario:ammortizzatori] e barre stabilizzatrici costano 1.999 euro. 1.500 euro in più se si sceglie il nuovo software Edc.