Mercedes CLS 63 AMG by Brabus

Al Salone di Ginevra la potentissima CLS 63 AMG rivista dai tecnici di Brabus.

Mercedes CLS 63 AMG by Brabus

Tutto su: Mercedes-Benz Classe CLS

di Valerio Verdone

01 marzo 2013

Al Salone di Ginevra la potentissima CLS 63 AMG rivista dai tecnici di Brabus.

Se la Mercedes CLS 63 AMG non è potente e maschia abbastanza per i vostri gusti, potete sempre prendere in considerazione l’interpretazione di questa coupè a 4 porte di Brabus, lo specialista della Stella a Tre Punte. Potentissima e veloce come poche auto al mondo, la CLS di Brabus è come un razzo con i sedili, solamente che ha tutti gli ammennicoli di un’auto di classe.

L’estetica presenta un assetto rivisto, i cerchi da 20 pollici, un nuovo splitter anteriore, l’estrattore posteriore, 4 scarichi che scoraggerebbero chiunque ad accennare un sorpasso, e la tipica mascherina con la B di Brabus, tanto per far capire che non è una Mercedes, seppur AMG, “convenzionale”. L’interno è opulento, come deve essere per una sportiva di classe, e accoglie i passeggeri con il battitacco illuminato che mette in luce, è proprio il caso di dirlo, il nome del tuner tedesco.

>> Guarda la gallery della Mercedes CLS 63 AMG by Brabus

Ma è sotto il cofano che si nasconde la “belva”, un V8 con doppio turbocompressore, rimappato, dotato di turbine Brabus per una pressione del turbo superiore e di un ulteriore intercooler per raffreddare il tutto. Non è la tipica elaborazione esagerata, c’è anche la garanzia di 3 anni o 100.000 km, ma la potenza che questo propulsore da 5,5 litri è capace di erogare è impressionante: 730 CV. Altrettanto spaventose sono le prestazioni che parlano di uno 0-100 km/h polverizzato in appena 3,8 s e di uno 0-200 km/h coperto in poco più di 10 s, ma è la velocità a far tremare qualsiasi concorrente sulle autobahn: ben 350 km/h (300 km/h per la variante shooting brake).

A Ginevra, questa muscolosa coupè a 4 quattroporte dall’indole cattivissima farà la sua comparsa nello stand Brabus e, almeno da ferma, non farà l’effetto inquietante di quando appare negli specchietti retrovisori…