Abarth Cinquone by Romeo Ferraris

Romeo Ferraris ha realizzato il suo Cinquone partendo dalla Abarth 500: ha 300 CV che la spingono a 250 km orari.

Abarth Cinquone by Romeo Ferraris

di Luca Gastaldi

10 ottobre 2011

Romeo Ferraris ha realizzato il suo Cinquone partendo dalla Abarth 500: ha 300 CV che la spingono a 250 km orari.

Il preparatore milanese Romeo Ferraris ne ha combinata un’altra delle sue. Per la serie “power on demand” (come recita l’efficace slogan dell’officina Romeo Ferraris) ecco l’ultima bomba da 300 CV e 250 km orari. Si tratta di una Abarth 500 rivista e corretta dalla Romeo Ferraris che l’ha battezzata Cinquone. È stata presentata sul circuito di Vallelunga in occasione dell’ultimo appuntamento del Campionato Superstars, serie nella quale ha militato la versione corsa della stessa vettura firmata da Ferraris.

Per domare i 300 CV dei quali ora dispone la piccola di casa Abarth, Romeo Ferraris l’ha dotata di spalle larghe (nuovi paraurti e passaruota molto allargati), di enormi prese d’aria sul cofano anteriore, cerchi ruota da 17 pollici e impianto di scarico completo con doppio terminale al centro dell’estrattore dell’aria posteriore. Tutto qui? No, questo è solo quello che si vede da fuori.

Sotto il cofano, infatti, il motore 1.4 turbo Multiair del Cinquone di Romeo Ferraris è dotato di nuovi pistoni e bielle (tutto alleggerito) ed una turbina più generosa messa a punto dallo stesso preparatore. Doverosa, infine, una nuova mappatura dell’elettronica per gestire il miglior rendimento del propulsore.

La versione corsa del Cinquone è dotata di 360 CV e circa 900 kg di peso. Sulla gemella stradale c’è qualche chilo in più che hanno portato la massa complessiva a superare quota 1000 nonostante una minuziosa opera di alleggerimento che ha portato fino all’asportazione del divano posteriore. Qui, al suo posto, spicca un bel intreccio di tubi che dà vita al roll-bar, utile per la sicurezza dei passeggeri e per irrigidire la scocca della vettura. Il resto dell’abitacolo è ben rifinito. I sedili sono anatomici, rivestiti in pelle e alcantara trapuntata. Il cruscotto è in carbonio. Naturalmente il Cinquone è in vendita e il suo prezzo si aggira intorno agli 80mila euro.