Toyota Auris Touring Sports Hybrid MY2017: la prova su strada

Più sicura in tutti gli allestimenti si conferma confortevole e parsimoniosa

Toyota Auris Touring Sports Hybrid MY2017: la prova su strada

Tutto su: Toyota Auris

Toyota Auris Touring Sports Hybrid MY2017

Design

7.5

Comfort

8

Prestazioni

7

Consumi

8

Prezzo

7.5

VOTO Motori.it: 7.6

Pro

comfort di marcia, consumi, dotazione

Contro

accessibilità posteriore

di Valerio Verdone

21 settembre 2017

La Toyota Auris affronta con concretezza e qualità la sfida commerciale nel segmento C dove la concorrenza è sempre più agguerrita. Per essere al passo con i tempi diventa ancora più sicura in tutte le versioni e rende più ricca la variante Style. L’abbiamo provata nella configurazione wagon, denominata Touring Sports, con la motorizzazione ibrida che agevola la vita in città.

Esterno: beneficia ancora dell’effetto restyling

Con il restyling del 2015 la Toyota Auris è cambiata divenendo più raffinata nel look grazie ad un’importante rivisitazione del frontale, ma è stata modificata anche nel posteriore con i nuovi gruppi ottici. Il MY 2017 quindi ha potuto contare su questi cambiamenti arricchendo la variante Style con i cerchi in lega da 17 pollici di nuovo disegno ed i vetri posteriori oscurati. Per il resto ritroviamo la linea equilibrata da station wagon che può contare su 27 cm in più rispetto alla sorella a 5 porte per offrire un bagagliaio più capiente.

Interno: comoda e spaziosa

La sensazione di spazio a bordo della Toyota Auris viene amplificata dalla plancia a sviluppo orizzontale dove spicca il grande display per l’infotainment che annega i tasti fisici al di sotto dello schermo per un grande effetto scenico. La strumentazione è analogica, ma il display centrale aiuta ad avere tutte le informazioni sull’auto durante la guida. Rispetto alla versione a 5 porte la wagon guadagna 170 litri di bagagliaio che può essere ampliato a 1.658 litri, mentre i passeggeri posteriori godono del medesimo confort considerando che il passo è rimasto invariato. Sulla Style arrivano anche i rivestimenti in Alcantara che rendono l’auto ancora più ricca.

Al volante: sicurezza attiva per tutti

La Auris MY 2017 guadagna, di serie, su tutte le versioni il Safety Sense di Toyota, che annovera il sistema deputato ad evitare le collisioni con tanto di assistenza alla frenata d’emergenza; il dispositivo che riporta sul display interno la segnaletica stradale; l’avviso di superamento involontario della corsia di marcia; e gli abbaglianti automatici. Mentre sottopelle ritroviamo, per la vettura del nostro test, un grande classico: il sistema ibrido che abbina un motore elettrico sincrono a magneti permanenti ad un’unità termica da 1,8 litri per una potenza complessiva di 136 CV. Le prestazioni non sono niente male, considerando che lo scatto da 0 a 100 km/h viene coperto in 10,9 secondi, mentre i consumi si esaltano in città, dove si percorrono anche più di 20 km/l. Con un corpo vettura più lungo, la wagon è soggetta a trasferimenti di carico più evidenti rispetto alla 5 porte durante le manovre d’emergenza, ma sostanzialmente l’auto è stabile e invita ad una guida pulita per sfruttare al meglio il sistema ibrido. In questo modo si apprezza la silenziosità di marcia, assoluta nelle partenze, e si assecondano le cambiate fluide di una trasmissione che  non è stata pensata per l’uso sportivo, rispecchiando l’indole dell’auto.

Prezzo: da 27.500 euro

La Toyota Auris MY 2017 anche nella variante wagon punta su un favorevole rapporto prezzo/contenuti, infatti, parlando della Hybrid, la Style, che ha già tutto quello che serve su un’auto del genere (navigatore escluso), ha un prezzo di 27.500 euro, mentre la versione più costosa in listino, denominata Lounge, ha un costo di 29.300 euro.