Smart Elettrica, si risparmia ma l’autonomia è bassa

In primavera 100 italiani potranno noleggiarla per 2 anni a 480 euro al mese. In attesa della produzione su larga scala noi l’abbiamo già guidata

Smart Elettrica, si risparmia ma l'autonomia è bassa

Smart fortwo Electric Drive

Design

8.00

Comfort

6.50

Prestazioni

6.50

Consumi

10.00

Prezzo

6.00

VOTO Motori.it: 7.40

Pro

Dimensioni ridotte, economia d'esercizio, silenziosità

Contro

Autonomia limitata, frenata poco modulabile, velocità massima ridotta

di Andrea Barbieri Carones

15 febbraio 2010

In primavera 100 italiani potranno noleggiarla per 2 anni a 480 euro al mese. In attesa della produzione su larga scala noi l’abbiamo già guidata

Con il mare in burrasca e il vento, così si presentava la giornata sul litorale romano, la Smart Electric Drive può passare del tutto inosservata. Ma probabilmente anche nel rumore del traffico cittadino è impossibile sentirla. Vedere una Smart fortwo electric drive che circola sul lungomare di Ostia durante una giornata che si potrebbe vivere sulle spiagge della Manica è incredibile: non si sente. Zero emissioni, zero rumore, insieme alle tipiche dimensioni ridotte della piccola vettura in costruzione presso lo stabilimento francese di Hambach danno l’impressione di qualche cosa di unico, di nuovo, appunto, di… mai sentito. E in effetti è unica, visto che qui da noi ancora non è ancora in circolazione nè lo sarà prima del 2012, quando entrerà a far parte della gamma Fortwo.

Nel frattempo, la casa costruttrice si appresta a produrre 1.000 esemplari elettrici di questa piccola city car in produzione (nella versione a benzina) dal 1998. Questi prototipi saranno destinati ad altrettanti selezionati clienti di 6 paesi europei oltre che di Stati Uniti e Canada.

La Smart Fortwo electric drive è un’evoluzione del modello a benzina, della quale eredita tutto eccetto la parte più importante, costituita dal motore. Uguale sicurezza, comfort e abitabilità anche per gli automobilisti di alta statura. Queste sono le principali caratteristiche di questa small, che anche nel posizionare la batteria ricaricabile dove solitamente è situato il serbatoio dela benzina non ha provocato stravolgimenti né ha richiesto una diminuzione di volume interno.

La propulsione di questa Smart è solo elettrica

Il motore a magnete permanente da 30 kW è caratterizzato da una prontezza immediata di risposta che rende disponibile una coppia di 120 Nm. Da qui ne deriva un’accelerazione incredibile, che permette di raggiungere 60 km/h (partendo da fermo) in appena 6,5 secondi. Proprio come la “sorella” a benzina. Visto che questa smart è stata progettata per un uso prevalentemente urbano, la velocità è stata limitata a 100 km/h.

Ricarica in 8 ore e autonomia di 135 km

La Smart ED può essere ricaricata o in una comune presa elettrica domestica o in una apposita colonnina. Una ricarica completa (8 ore) permette di percorrere fino a 135 chilometri mentre si può scegliere per una parziale – della durata di un paio d’ore – per perocrrerne una quarantina.

Grazie a un software sofisticato, i proprietari di smart electric potranno controllare la temperatura all’interno della loro vettura prima di salire a bordo, mentre sono ancora in casa o in una stazione di ricarica.[!BANNER]

Bassi i costi di esercizio: per percorrere un centinaio di chilometri, i costi di ricarica si aggirano sui 2 euro (se si ricarica di notte, quando l’energia costa meno, si risparmia). Minori anche i costi di manutenzione, vista la semplicità del motore. Il prezzo di vendita non è ancora stato comunicato. Nell’ambito del progetto pilota e-mobility Italy, 100 fortunati italiani potranno testare la vettura a un canone mensile di 400 euro più Iva, per 2 anni.