Mazda MX-5 Roadster Coupè Powershift: l'automatica che mancava

La bestseller della Casa di Hiroshima si rinnova e acquista un cambio automatico con i comandi al volante che esalta il piacere di guida

Mazda MX-5 2.0 Fire Powershift Roadster Coupè

  • Design9,00
  • Comfort7,00
  • Prestazioni8,00
  • Consumi6,00
  • Prezzo7,50
  • Pro Tenuta di strada, interni curati, prestazioni
  • Contro visibilità posteriore, bagagliaio, consumi
  • Voto Motori.it: 7,50

Alchimia ben bilanciata fra divertimento e praticità, la MX-5 Roadster Coupè unisce la comodità di una vettura coperta alla stravaganza di una spider per una sportività senza compromessi. Giunta al primo Facelift, è stata rivista nelle linee e ha guadagnato una trasmissione automatica che consente di guidare senza staccare le mani dal volante.

E' la naturale evoluzione della spider giapponese: la biposto che ha rilanciato il mercato delle scoperte ispirandosi alle mitica Lotus Elan degli anni '60. Certo, i puristi storceranno un po' il naso come nel 2006, quando la Mazda propose un'alternativa alla capote in tela, ma dovranno accettare un'innovazione al passo con i tempi e le nuove tendenze del mercato.

La MX-5 s'ispira a Saetta McQueen di Cars

Rivisitata nello stile, la MX-5 ha ricevuto nuovi paraurti, eleganti cromature e gruppi ottici più accattivanti. Si tratta di particolari che accentuano il carattere sportivo della vettura, rendendola nel contempo più elegante. La vista anteriore inoltre, sprigiona una certa simpatia per via di un'innegabile somiglianza con Saetta McQeen, la vettura protagonista della pellicola d'animazione Cars.

Bassa e compatta, la MX-5 appare schiacciata sui grandi cerchi da 18" e il tetto rigido risulta ben inserito nell'insieme. La coda, compatta e raccolta, appare come il proseguimento ideale del lungo cofano motore che mostra i muscoli attraverso la parte centrale in rilievo. Ogni particolare è curato con precisione e regala un immediato appagamento visivo. Insomma, la sportiva giapponese è una vettura che non passa inosservata e sia aperta che chiusa cattura l'attenzione dei passanti.

Seduti a una spanna da terra, a bordo della MX-5 ci si sente un tutt'uno con la vettura e si ha la sensazione di essere al volante di una sportiva d'altri tempi. I sedili in pelle, studiati per garantire un adeguato contenimento laterale, risultano persino comodi e la plancia mostra un design pulito ed accattivante. Il volante a tre razze con i paddles per cambiare marcia incornicia una ricca strumentazione che di notte s'illumina di rosso, mentre il tunnel centrale attraversa l'abitacolo e nasconde pratici portaoggetti.

Ogni centimetro è stato studiato per garantire la massima abitabilità, come si evince dai portabicchieri inseriti nelle portiere. Semplici e funzionali i comandi della climatizzazione e quelli per l'apertura del tetto. Quest'ultimo pesa solamente 37 kg e, una volta ripiegato, non sottrae spazio al bagagliaio. Infatti, come nella versione soft top, la capienza è di 150 litri: quanto basta per caricare comodamente una borsa da viaggio prima di un week-end.

Altro su Mazda MX-5

Mazda MX-5 RF Limited Edition: in vendita online a 36.500 euro
Ultimi arrivi

Mazda MX-5 RF Limited Edition: in vendita online a 36.500 euro

La nuova versione targa Mazda MX-5 RF Limited Edition arriva sul mercato portando con sé una particolare vena artistica.

Mazda MX-5: due edizioni speciali al SEMA 2016
Tuning

Mazda MX-5: due edizioni speciali al SEMA 2016

Speedster Evolution e Kuro Concept: una derivata dalla Speedster 2015, l'altra allestita sulla nuova RF. Sono le proposte Mazda per Las Vegas.

Mazda: iniziata la produzione della MX-5 RF
Mercato

Mazda: iniziata la produzione della MX-5 RF

Il primo esemplare è stato realizzato nell’impianto di Ujina