Renault Scenic dCi 130 CV vs Renault Grand Scenic dCi 160 CV: la prova su strada

La vettura tuttofare della Losanga si rinnova nel segno del design, mantenendo inalterate le solite doti di automobile fortemente versatile e ricca di comfort.

Renault Scenic dCi 130 CV vs Renault Grand Scenic dCi 160 CV: la prova su strada

Renault Scenic e Grand Scenic dCi 130 e 160 CV

Design

8.00

Comfort

7.50

Prestazioni

7.50

Consumi

7.00

Prezzo

7.00

VOTO Motori.it: 7.40

Pro

Design, comfort, versatilità

Contro

Alcune plastiche dure in abitacolo, cerchi da 20 pollici

di Valerio Verdone

17 febbraio 2017

La vettura tuttofare della Losanga si rinnova nel segno del design, mantenendo inalterate le solite doti di automobile fortemente versatile e ricca di comfort.

Con la Scenic la Renault è stata pioniera nel segmento delle MPV compatte, un colpo non da poco se si pensa la riuscita dell’Espace negli anni precedenti. Adesso, questa vettura, pensata per soddisfare le esigenze delle famiglie, tanto che esiste anche una variante a 7 posti, denominata Grand Scenic, si presenta in una veste totalmente rinnovata con una linea da crossover che può ammaliare anche gli amanti dei SUV. L’abbiamo provata sia nella variante a 5 posti che in quella a 7 posti, con il motore 1.6 dCi da 131 CV e 160 CV.

Esterno: più fashion con i cerchi da 20 pollici

La Scenic è cresciuta poco rispetto al modello precedente, 5 cm in lunghezza, 3 cm in larghezza ed altri 3 cm nel passo. Ma il corpo vettura è totalmente cambiato; infatti, spicca il parabrezza avanzato e spiovente, il frontale, che riprende le ultime tendenze stilistiche della Casa della Losanga, ed una linea di cintura tormentata. Dietro il design cambia tra il modello a 5 posti, la Scenic, e quello a 7 posti, la Grand Scenic, più lunga di 22 cm, e con parabrezza e gruppi ottici dal disegno differente. L’aspetto più caratteristico comunque, è la presenza dei cerchi da 20 pollici, l’unico diametro disponibile, nella misura di 195/55, quindi con spalla alta, per riempire al meglio i passaruota senza obbligare i passeggeri a fare delle rinunce sul confort.

Interno: abitacolo spaziale

Come è già avvenuto sull’Espace, sulla Talisman e sulla Megane, la parte centrale della plancia è dominata dal display centrale da 8,7 pollici che si estende in verticale e consente di risparmiare numerosi tasti fisici. Il sistema R-Link 2 è facile da utilizzare ma sulle prime necessita di un minimo di assuefazione visto che sono tante le voci a cui concede di accedere. Consente persino di regolare la funzione massaggio e di abbattere stando comodamente al posto guida le file dei sedili posteriori. Purtroppo i passeggeri che si accomodano sul divano della Scenic hanno meno spazio per la testa e per le gambe rispetto al modello precedente, questo per la presenza dei tavolini dietro i sedili anteriori e per il design accattivante. Meglio puntare sulla Grand Scenic se si vuole una maggiore comodità, soprattutto se può capitare di viaggiare in 6 o in 7 o se chi siede dietro presenta una statura sopra la media. Il bagagliaio della Scenic ha una capienza che va dai 572 litri fino ai 2618 litri, con un volume modulabile grazie ai posti della zona posteriore scorrevoli, mentre quello della Grand Scenic, più lunga di 22 cm e con 7 cm di passo in più, è ampliabile da 189 litri fino a ben 2.100 litri.

Al volante: 1.6 dCi turbo e biturbo

Il comportamento dinamico della Scenic risente anche delle dimensioni, per cui è chiaro che la versione a 5 posti è più agile tra le curve, mentre la variante a 7 posti risulta più morbida e impacciata nei tornanti. Entrambe sono equipaggiate con i validi turbodiesel da 1,6 litri, con la Scenic della nostra prova spinta dall’unità da 131 CV e 320 Nm e la Grand Scenic del confronto mossa dal propulsore biturbo da 160 CV e 380 Nm di coppia massima. Chiaramente, il motore più potente garantisce anche maggiore accelerazione, con uno 0-100 km/h coperto in 10,7 s (11,4 Scenic 131 CV) ed una velocità di punta superiore: 200 km/h VS 190 km/h della Scenic. Tutto questo, unito al peso più importante e all’utilizzo della trasmissione automatica, comporta però consumi più elevati, visto che in media si percorrono 19 km/l con la Scenic da 131 CV e 13 km/l con la Grand Scenic da 160 CV.

Prezzi: da 29.050 Euro

Le Scenic e Grand Scenic con le motorizzazioni provate sono disponibili solamente con gli allestimenti top di gamma, per la precisione, la Scenic nelle varianti Energy Intens ed Energy Bose, la Grand Scenic da 160 CV in quella Energy Bose. Per cui è chiaro che i costi siano mediamente più alti di quelli delle altre versioni con motorizzazioni differenti. La Scenic 1.6 dCi da 131 CV parte dai 29.050 Euro della Energy Intens ed arriva ai 30.750 Euro della Energy Bose, mentre la Grand Scenic Energy Bose ha un costo di 34.850 Euro.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...