MINI Cooper Cabrio: la prova su strada

Al volante della scoperta inglese si può guidare il fascino e il carisma della "piccola" sportiva, cresciuta molto rispetto al passato.

MINI Cooper Cabrio

  • Design9,00
  • Comfort8,00
  • Prestazioni7,50
  • Consumi7,00
  • Prezzo6,50
  • Pro Design, finiture, motore, handling
  • Contro Visibilità posteriore a capote chiusa, capacità bagagliaio
  • Voto Motori.it: 7,60

Mini Cooper Cabrio - prova su strada

Altre foto »

Ci sono auto che non hanno età, una di queste è la MINI Cooper, che ormai è divenuta un classico e che, allo stesso tempo, piace a tutti, giovani e adulti, poichè unisce diverse generazioni. L'abbiamo provata nella variante Cabrio, che la rende ancora più esclusiva e affascinante, abbinata alla motorizzazione 3 cilindri di 1,5 litri da 136 CV.

Esterno: "sempre più british"

Già la MINI Cooper ha un aspetto caratteristico, se poi presenta la livrea Vulcanic Orange dell'esemplare del nostro test, con tanto di stripes sul cofano e la bandiera inglese riproposta sulla capote nera, allora diventa a dir poco originale. In effetti, rispetto alla versione a 3 porte, è proprio il soft top a fare la differenza, visto che in 18 secondi la rende una quattro posti da vivere all'aria aperta, attraverso un'operazione che può essere compiuta fino a 30 km/h. Volendo, si può aprire anche solo la parte superiore della copertura, in modo da riprodurre il classico tetto apribile. Per il resto ritroviamo i grandi gruppi ottici, caratteristici del nuovo modello, mentre la vettura della nostra prova è impreziosita anche dai cerchi da 18 pollici.

Interno: abitacolo "tondeggiante"

Il motivo tondeggiante la fa da padrone nell'abitacolo della MINI Cooper Cabrio, dove spicca il volante sportivo ed il navigatore con lo schermo da 8,8" che presenta un'app molto interessante, attraverso la quale il conducente può sapere, entro una decina di minuti, se arriverà la pioggia. Ma non è tutto: ci sono anche gli interni in pelle e tanti particolari che riprendono il motivo della bandiera britannica che fanno la differenza. Certo, la luce interna che cambia colore in base alle tonalità prescelte dal guidatore è affascinante, ma il led che circonda lo schermo del sistema multimediale nella guida notturna può creare qualche fastidio. Oltre tutto, lo spazio per i posti posteriori non è molto ampio e il bagagliaio è di piccole dimensioni anche se è cresciuto di 35 litri: 215 litri e 160 litri a capote aperta. Dopo tutto stiamo parlando di una MINI e i suoi punti di forza sono altri, come dimostra anche la possibilità di scegliere diverse modalità di guida.

Al volante: go-kart feeling

A bordo della MINI Cooper Cabrio ci si ritrova a guidare anche per il solo gusto di farlo, senza badare troppo alla meta. Merito dello sterzo diretto, dell'assetto rigido, ma comunque efficace, e del cambio manuale a 6 marce molto divertente da utilizzare. La scocca è stata rinforzata con due traverse a forma di X all'interno del pianale e la vettura mantiene una buona stabilità in curva. Oltre tutto, con i cerchi da 18", le gomme offrono un'ampia impronta a terra e il 1.500 cc a 3 cilindri spinge bene grazie al turbo, senza farsi sentire troppo, nemmeno in accelerazione. E' difficile capire che manca il quarto Cilindro e questo è sicuramente merito degli uomini della BMW, che hanno realizzato un motore moderno e decisamente riuscito. Un propulsore che, forte di 136 CV e 220 Nm di coppia spinge la Cooper Cabrio fino a 208 km/h, facendola scattare da 0 a 100 km/h in 8,8 secondi. Insomma, una vera sportivetta da guidare con il vento tra i capelli e senza pensare troppo alle soste dal benzinaio, visto che i 13-14 km/l non rappresentano una chimera. Nella guida sui percorsi misti è appagante e anche in autostrada risulta ben insonorizzata, ma in città la visibilità di ¾ posteriore può mettere in difficoltà, soprattutto negli incroci più impegnativi.

Prezzo: da 29.500 Euro

La MINI Cooper Cabrio è un'auto particolare, rifinita con una cura dedicata di solito alle ammiraglie più prestigiose ed ha un'immagine e dei contenuti che la rendono alquanto desiderabile. Così, non c'è da stupirsi se il prezzo dell'auto in prova, nell'allestimento Hype (quello più costoso) sia di 29.500 euro. Attenzione però alla lista degli optional, perché la MINI è una di quelle auto che è possibile cucirsi addosso, anche se l'operazione può essere dispendiosa.

Se vuoi aggiornamenti su MINI MINI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 03 novembre 2016

Altro su MINI MINI

Mini Seven: nuova serie speciale al Salone di Parigi
Anteprime

Mini Seven: nuova serie speciale al Salone di Parigi

Ispirata alla storica Austin Seven del 1959, la nuova Mini Seven sarà esposta a Parigi insieme alle altre novità del marchio di Oxford.

Mini John Cooper Works Cabrio by AC Schnitzer
Tuning

Mini John Cooper Works Cabrio by AC Schnitzer

Dopo la JCW esposta all'Essen Motor Show 2015, AC Schnitzer presenta la "sorella" Cabrio di recente debutto: immagine più aggressiva e 35 CV in più.

Mini John Cooper Works Challenge: solo 100 esemplari
Anteprime

Mini John Cooper Works Challenge: solo 100 esemplari

Realizzata solo per il mercato inglese, la Mini John Cooper Works Challeng vanta un carattere ispirato alle competizioni.