Renault Talisman 1.6 dCi VS 1.6 Tce: la prova su strada

Abbiamo provato le motorizzazioni più potenti dell'ammiraglia francese, declinata in versione berlina e wagon.

Renault Talisman 1.6 dCi VS 1.6 Tce

  • Design9,00
  • Comfort8,00
  • Prestazioni7,50
  • Consumi7,00
  • Prezzo6,50
  • Pro Linea, comfort, guida
  • Contro Infotainment poco immediato in alcune funzioni
  • Voto Motori.it: 7,60

Renault Talisman 1.6 dCi VS 1.6 Tce: la prova su strada

Altre foto »

La Renault sostituisce la Laguna con la Talisman, disponibile anche in variante wagon, denominata Sporter, che la rende adatta anche a chi utilizza l'auto per lavoro o nel tempo libero. La variante station è di 2 cm più lunga rispetto alla berlina, ed amplia l'offerta di un'auto che ha nel mirino modelli iconici come la Volkswagen Passat e la Ford Mondeo. Abbiamo provato l'ammiraglia della Renault con le motorizzazioni 1.6 dCi da 160 CV e 1.6 TCe da 200 CV per scoprirne il diverso carattere.

Esterni: elegante anche wagon

Le proporzioni della Renault Talisman sono affascinanti e, vista la lunghezza di quasi 5 m, 4,87 metri per l'esattezza, la vettura si presenta appagante sia per quanto riguarda lo stile del frontale che della vista posteriore. Il primo è caratterizzato da linee del cofano tormentate, oltre che dalla grande calandra che si prolunga nei gruppi ottici dal disegno caratteristico. La seconda si contraddistingue per i fari che quasi si uniscono al centro incastonando il logo della Losanga. Quasi una coupé a 4 porte la berlina, più convenzionale, ma non per questo meno riuscita la Sporter, che punta molto sulla capacità di carico. Cromature, cerchi in lega bicolore e scarichi annegati nel paraurti posteriore completano il quadro in una linea che rompe con la tradizione e riprende gli stilemi attuali della Renault.

Interni: a tutto schermo

L'abitacolo della Talisman è un autentico salotto: sedili dotati di regolazione elettrica, ventilazione e massaggio, spazio ampio sia davanti che dietro, ed uno schermo per l'infotainment di ben 8,7 pollici che si estende in verticale, proprio come nell'Espace. C'è tanto da guardare, ma, soprattutto, ci vuole un attimo di tempo per interagire al meglio con il sistema R-Link 2 e le sue funzioni, che presenta dei tasti touch al posto della classica rotella per gestire il volume. La strumentazione varia a seconda della modalità di guida prescelta, diventando rossa, ad esempio, quando si seleziona quella più sportiva, lo stesso avviene per quanto riguarda le luci interne. Buone le finiture, con qualche plastica sotto tono a livello di bracciolo posteriore, mentre le bocchette d'areazione posteriori non annoverano i comandi per regolare la temperatura. Il bagagliaio è ampio, ben 572 litri (Sporter) con una soglia di carico priva di fastidiosi gradini, e può arrivare fino a 1681 litri abbattendo il divano posteriore (la berlina ha una capacità di carico di 608 litri). C'è anche lo sportellino centrale nel divano posteriore per caricare oggetti molto lunghi come gli sci, mentre i sedili posteriori possono essere abbattuti tramite comode leve presenti nel vano bagagli. Curiosa  la mancanza della possibilità di chiudere automaticamente il baule sulla berlina.

Al volante: downsizing sportivo

Le motorizzazioni della Talisman sono figlie dei nostri tempi, quindi di cilindrata ridotta, 1.6, e sovralimentati, addirittura con 2 turbo il diesel da 160 CV. Ne consegue che, nonostante la mole della vettura, la spinta è sempre brillante, anche a bassi regimi, grazie alla coppia di 260 Nm della versione Tce e di 380 Nm della dCi. D'altra parte, le prestazioni sono importanti, con la benzina da 200 CV che scatta da 0 a 100 km/h in 7,6 s (7,9 s Sporter) e tocca i 237 km/h (231 km/h Sporter), e la diesel da 160 CV che tocca i 215 km/h (213 km/h Sporter) e accelera da 0 a 100 km/h in meno di 10 secondi (9,4 s per la berlina e 9,6 s per la Sporter). Ma l'aspetto più interessante è senza dubbio la presenza delle quattro ruote sterzanti, con quelle posteriori che agiscono in controfase fino ad una certa velocità, per favorire l'agilità, in base anche alla modalità di guida impostata, e poi in fase per migliorare la stabilità quando il ritmo di marcia diventa più spinto. Sul piano del piacere di guida i due propulsori, sostanzialmente, si equivalgono, con il diesel che spunta consumi leggermente inferiori, 8,1 l/100 km, rispetto ai 9l/100 km del benzina. Buono il connubio dei motori con il cambio EDC a doppia frizione, a 7 marce per il 1.6 Tce ed a 6 rapporti per il 1.6 dCi, a patto di non stressarlo troppo, altrimenti perde brillantezza e diventa un filo più ruvido: meglio essere fluidi con il gas, tanto la coppia non manca.

Prezzo: da 34.700 euro

Non è certo un prezzo da saldo quello della Talisman, con la berlina da 200 CV che, nell'allestimento Energy Intens, parte da 34.700 euro, mentre la Sporter Initial Paris dCi da 160 CV, con una dotazione full, arriva a 44.200 euro. Non pochi, in assoluto, e forse più in linea con i listini dei Brand teutonici. Inoltre, considerata la forbice tra benzina e diesel, ed i consumi delle rispettive motorizzazioni, alla fine, la variante da 200 CV potrebbe essere un'alternativa valida alla versione a Gasolio da 160 CV, avvantaggiata più dai pregiudizi che da un reale vantaggio economico. Certo bisogna considerare la dotazione in più dell'allestimento Initial Paris, ma se non si desidera un'auto full optional..

 

 

 

 

 

 

Se vuoi aggiornamenti su RENAULT TALISMAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 20 settembre 2016

Altro su Renault Talisman

Renault Talisman: il test drive è... a cinque stelle
Aziendali

Renault Talisman: il test drive è... a cinque stelle

Una prova innovativa per l’ammiraglia della Losanga, protagonista in sei prestigiosi alberghi della Penisola.

Renault Talisman TCe 200 EDC: la prova su strada
Prove su strada

Renault Talisman Intens in prova

Renault ha inaugurato un nuovo corso per la sua ammiraglia: ecco come va la Talisman.

Renault Talisman Estate: pronta al debutto
Anteprime

Renault Talisman Estate: pronta al debutto

La nuova station wagon di segmento D sarà declinata su tre versioni turbodiesel e tre a benzina, e su quattro allestimenti. prezzi da 29.100 euro.