Nissan Micra 1.2 80 cv N-TEC VS 1.2 98 cv N-TEC DIG-S

Confronto su strada tra le motorizzazioni aspirata e sovralimentata della gamma Nissan Micra.

Nissan Micra 1.2 80 cv N-TEC

  • Design7,50
  • Comfort7,50
  • Prestazioni7,00
  • Consumi8,00
  • Prezzo8,00
  • Pro Spaziosità dell’abitacolo, raggio di sterzata contenuto
  • Contro Sottosterzo accentuato, finiture migliorabili
  • Voto Motori.it: 7,60

Nissan Micra 1.2 98 cv N-TEC DIG-S

  • Design7,50
  • Comfort7,50
  • Prestazioni7,00
  • Consumi7,00
  • Prezzo6,50
  • Pro Spaziosità dell’abitacolo, raggio di sterzata contenuto
  • Contro Sottosterzo accentuato, finiture migliorabili, rapporto prezzo prestazioni
  • Voto Motori.it: 7,10

Nissan Micra a confronto: N-Tec vs N-Tec Dig-S

Altre foto »

Abbiamo messo alla prova la quinta evoluzione della fortunata Nissan Micra nella ricca versione N-Tec, sia con il tre cilindri benzina da 80 Cv che con il sovralimentato da 98 Cv.

Esterni: la citycar di sempre

Nulla di sostanzialmente nuovo nelle due vetture provate che ripropongono ancora le forme note della Micra ormai in listino da qualche anno. Frontale classico dalla forma rassicurante dove trovano posto i grandi fari monopezzo, con funzione di controllo automatico diurno e notturno di serie, purtroppo ancora privi delle luci diurne a led, tecnologia che rinnova la sua presenza nei fanalini posteriori a led molto ben visibili in frenata anche di giorno. Sostanzialmente identiche le due vetture dal punto di vista estetico se non fosse per la diversa scelta cromatica, l'aggiunta di una piccola appendice nera con funzione Aerodinamica sotto il fascione anteriore e le scritte sul portellone aggiuntive per identificare il modello DIG-S. Nessuna caratterizzazione sportiva evidente a far emergere la differenza di cavalli e la presenza del motore sovralimentato. Dal punto di vista estetico l'allestimento in prova N-TEC prevede comunque la dotazione dei cristalli posteriori oscurati, degli specchietti e delle maniglie colorate in "silver satin", delle finiture cromate intorno ai faretti fendinebbia anteriori e dei sensori di parcheggio sul paraurti posteriore istallati anche lateralmente sull'anteriore per far funzionare il sistema di misurazione del parcheggio. Tra le due scelte cromatiche proposte sulle vetture in prova, la più adeguata a far risaltare forme e finiture ci è sembrata la Tungsten Grey della vettura meno sportiva, un accessorio il metallizzato che incide sul conto finale il doppio rispetto al bianco opzionale Pale Moon della DIG-S.

Interni: ricca di contenuti

La versione N-Tec si distingue per la presenza di serie di un adeguato comparto tecnologico. In particolare il display centrale a colori touchscreen da 5,8" integra il sistema di navigazione Nissan Connect di seconda generazione, la tecnologia premium sviluppata per i crossover della Casa nipponica completa di utilissime app come Google Search e Trip Advisor. Per interfacciare il proprio smartphone con la vettura basta scaricare l'app gratuita Nissan Mobile App con la quale ci si può registrare ed avere un uso continuativo o effettuare anche un accesso ai servizi rapido e temporaneo senza registrazione. Le prese Aux e Usb si trovano sempre a portata di mano sul cruscotto di fronte al passeggero così come la presa accendisigari che mantiene la sua posizione in basso vicino al passeggero, poco pratica da usare per il guidatore che vuole mettere in carica il proprio telefonino se non si dispone di un caricabatterie dal filo estremamente lungo. Gli interni dello stesso tipo sulle due vetture, presentano di serie il volante rivestito in pelle con impunture in filo blu, le stesse che bordano i sedili. Questi ultimi confermano la loro scarsa propensione ad essere contenitivi nell'uso sportivo ma ci permettono comunque di stare comodi nel capiente abitacolo di Micra. Lo spazio a bordo si conferma adeguato sia davanti che dietro, nonostante le ridotte dimensioni esterne della vettura, facile l'accesso a bordo grazie al notevole grado di apertura delle portiere. Nella norma la capacità di carico del vano posteriore, facilitata dalla sua forma regolare che sconta però l'avere il piano di carico non a filo con la battuta del portellone. Pratico e ben leggibile il quadro strumenti così come i comandi dell'efficace climatizzatore automatico raggruppati in modo circolare nella consolle centrale con finitura nero lucido. Impianto audio di serie dalla risposta sonora ben proporzionata ai volumi dell'abitacolo e presenza di una quantità adeguata di vani per riporre oggetti di tutti i tipi contribuiscono senza ombra di dubbio al comfort degli occupanti. Mancano purtroppo i vetri elettrici al posteriore, non indispensabili se si pensa al ridotto uso che di solito se ne fa, ma la ricca dotazione della vettura perde comunque punti senza questo accessorio.

Su strada: il suo regno è la città

Inutile ripetere, come già fatto nella nostra precedente prova della versione Tekna, che l'ambiente naturale di Micra è la città. L'impostazione semplice e razionale della vettura, il contenuto raggio di sterzata e l'adozione del motore tre cilindri le permettono di "navigare con disinvoltura prevalentemente sotto costa". Il motore più prestazionale non migliora di molto la situazione, l'eccedenza di cavalli serve a poco se la vettura è sostanzialmente la stessa classica citycar di sempre. Con i 18 cavalli in più del tre cilindri sovralimentato da compressore volumetrico non si fanno i numeri e non si rimane appagati dall'esubero di prestazioni come si converrebbe ad una versione sportiva. Già l'estetica della vettura che non si avvale di specifici richiami alla sportività ci aveva anticipato quanto abbiamo potuto confermare mettendo le due auto a confronto. Sulla carta, a vantaggio della sovralimentata possiamo rilevare 37 Nm di coppia in più, un'accelerazione più rapida di 2,3 secondi, una velocità massima superiore di 10Km/h e un consumo leggermente inferiore. Nella realtà, la Coppia motrice spostata leggermente più in alto (che rende più vuoto il motore sovralimentato ai bassi regimi) e l'intervento del limitatore di giri ad un regime inferiore che nell'aspirato, non ci hanno fornito le soddisfazioni sperate. I consumi complessivi sono stati leggermente più alti utilizzando la vettura sui percorsi extraurbani dove non si beneficia mai dello start&stop, disponibile solo sulla motorizzazione DIG-S, e l'esubero prestazionale è risultato poco soddisfacente rispetto alla differenza di listino da pagare al momento dell'acquisto. La Micra N-Tec ci ha confermato di avere ancora il classico assetto troppo rigido sullo sconnesso e sulle asperità del manto stradale e diventa cedevole in curva favorendo un eccessivo coricamento del corpo vettura. La taratura delle sospensioni di tipo tradizionale, MacPherson anteriori e ponte interconnesso al posteriore, risulta troppo rigida anche a bassa velocità e troppo cedevole nel misto, quando invece dovrebbe dimostrare la giusta consistenza per assecondare le ferme richieste del guidatore. Frenata pronta e ben modulabile sulla 80 Cv un po' più lunga e meno efficace sulla 98 Cv, mentre lo sterzo e il cambio sono ovviamente tarati per la città. Per contro la versione meno potente ci ha appagato maggiormente dimostrando una buona dose di equilibrio prestazionale, decisamente più confacente al tipo di vettura provata. Rassegnati a prestazioni più limitate siamo riusciti con maggiore disinvoltura a contenere i consumi, nonostante avessimo comunque a disposizione un allungo di tutto rispetto nell'erogazione del motore.

Prezzi: le prestazioni fanno la differenza

La più abbordabile N-Tec ha un listino base di 13.915 euro, mentre la DIG-S di 15.665 euro. L'allestimento comprende molto di serie ma secondo noi il risultato delle differenze prestazionali non avvantaggia la versione più potente nei confronti della più equilibrata con motore aspirato. Sulla DIG-S è stata scelta una tinta opzionale, il Pale Moon, che costa la metà del metallizzato tradizionale contenendo il divario tra le due vetture finite. Il prezzo delle vetture esclusa IPT ha così raggiunto i 14.515 euro per la 80 Cv e I 15.965 euro per la 98 Cv. Inoltre, fino al 30 aprile sarà in atto una promozione che avvantaggia ulteriormente la meno potente delle Micra. Sugli esemplari presenti in stock, Nissan applicherà un prezzo promozionale pari a 10.750 euro, aumentando in maniera esponenziale la convenienza di portare a casa la piccola tre cilindri nipponica.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN MICRA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Yves D'Alessandro | 15 aprile 2016

Altro su Nissan Micra

Nissan Micra 2017, teaser prima del debutto a Parigi
Anteprime

Nissan Micra 2017, teaser prima del debutto a Parigi

La nuova generazione della Nissan Micra viene anticipata da due immagini che mostrano una parte del frontale e della zona posteriore dell’auto.

Nissan Micra N-Tec: in anteprima al Salone di Francoforte
Anteprime

Nissan Micra N-Tec: in anteprima al Salone di Francoforte

Una inedita edizione studiata per facilitare la mobilità urbana: è la Micra N - Tec, illustrata in queste ore nelle immagini e nelle caratteristiche.

Nissan Micra: tante novità per la piccola giapponese
Ultimi arrivi

Nissan Micra: tante novità per la piccola giapponese

La nota citycar nipponica guadagna motori euro 6, il nuovo allestimento Comfort e propone la versione GPL allo stesso prezzo del benzina.