Citroen C5 CrossTourer, la prova su strada

Grande comfort di marcia, tanto spazio a bordo e buone doti fuori dall'asfalto, sono i punti di forza della station wagon francese.

Citroen C5 Tourer XTR BlueHDI 180 cv EAT6 Hydr.

  • Design7,50
  • Comfort9,50
  • Prestazioni8,00
  • Consumi8,00
  • Prezzo8,00
  • Pro Vano di carico, comfort
  • Contro Carrozzeria esposta agli urti
  • Voto Motori.it: 8,20

Citroen C5 Tourer XTR BlueHDI 180 Executive

Altre foto »

Citroen C5 CrossTourer è la proposta del marchio del Double Chevron nella nicchia di mercato delle station wagon "all-terrain". Dopo il grande successo dell'Audi A6 Allroad diversi costruttori hanno scelto di produrre delle alternative ai suv, proponendo auto dalla grande capacità di carico e da una maggiore dinamicità su fondi aderenza. A differenza della concorrenza tedesca, la proposta di Citroen non offre la trazione integrale ma promette di cavarsela anche fuori dall'asfalto grazie alle sospensioni idrauliche Hydractive III abbinate ad un differenziale elettronico che simula un sistema autobloccante. Protagonista della nostra prova la Citroen C5 CrossTourer, spinta dalla motorizzazione 2.0 BlueHDI da 180 cavalli e abbinata alla trasmissione automatica EAT6.

Citroen C5 Cross Tourer, dimensioni 

Avete bisogno di spazio ma vi siete stancati dei suv? La Citroen C5 CrossTourer potrebbe fare al caso vostro. La familiare transalpina, grazie alle dimensioni generose (lunghezza 4, 83 metri, larghezza 1,83 e altezza 1.50 metri), assicura un vano di carico ai vertici della categoria, con uno spazio a partire da 505 litri ed espandibile fino a 1462 litri. Il valore aggiunto del baule della C5 CrossTourer è la forma regolare e l'abbondante altezza perfetta per caricare oggetti voluminosi. Piacevole anche l'aspetto estetico, grazie ai dettagli "offroad" come le protezioni dei passaruota e gli scivoli anteriore e posteriore.

Interni Citroen C5 CrossTourer

Salendo a bordo apprezziamo le novità arrivate con il restyling, a partire dallo schermo touchsreen e dai materiali utilizzati. Nonostante non voglia essere un modello "premium", la C5 CrossTourer presenta materiali di qualità e attenzione negli accoppiamenti. Qualche dubbio sulla scelta del volante, con la parte centrale fissa dove troviamo molti tasti di controllo. Promossi anche i sedili anteriori, che nella versione provata sono dotati di regolazione completamente elettrica. Tanto spazio anche per i passeggeri posteriori, merito della seduta profonda.

Citroen C5 CrossTourer, motorizzazione

Sotto al cofano della "nostra" C5 CrossTourer troviamo la motorizzazione più potente in gamma, ovvero 2.0 l BlueHDI da 180 cavalli abbinato al cambio automatico EAT6. Sul fronte delle prestazioni, il propulsore montato sulla station wagon francese dichiara una coppia massima di 400 Nm a 2000 giri/min, una velocità massima di 219 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h coperto in 8.9 secondi. Ottimi i dati anche alla voce consumi, dove abbiamo registrato ai 130 km/h costanti una percorrenza di 17 km/l e un ciclo medio (tra autostrada e città) di 14 km/l.

Citroen C5 CrossTourer, come va su strada

La Citroen C5 CrossTourer è uno di quei modelli che ti conquista chilometro dopo chilometro. Il motivo? Perché è un modello nato per macinare chilometri, per far invidia ad un furgone per la capacità di carico e per portarvi vicino alle piste da sci senza il timore di restare impantanati. Partendo dal "macinare chilometri", la station francese ti permette di percorrere lunghe distanze in pieno comfort, merito anche dei sedili e dell'ottimo isolamento acustico. Ci saremmo aspettati qualcosa di più invece sul fronte delle tecnologia di assistenza alla guida, a partire dalla mancanza di un cruise control adattativo e dal controllo dell'angolo cieco. Passando alla capacità di carico, siamo riusciti a caricare un armadio a quattro ante (ovviamente smontato), creando stupore nei passanti per la quantità di materiale che siamo riusciti a stivare. Terzo aspetto è la capacità di guida fuori dall'asfalto; la mancanza della trazione integrale non permette passaggi molto impegnativi ma grazie alle sospensioni Hydractive III + si può alzare la vettura di 40 mm fino ai 40 km/h; in caso di una ruota non in presa le sospensioni livellano gli Ammortizzatori e il differenziale elettronico sposta la forza motrice in base alla presa al suolo. Le sospensioni Hydractive III + migliorano anche le prestazioni su strada, dove - scegliendo l'opzione Sport - la C5 CrossTourer si dimostra decisamente efficace tra le curve. Naturalmente tutto ha un prezzo, come dimostrano gli oltre 40.000 euro necessari per acquistare la Citroen C5 CrossTourer.

 

Se vuoi aggiornamenti su CITROËN C5 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Simonluca Pini | 26 gennaio 2016

Altro su Citroën C5

Citroen C5 e C5 Tourer: al debutto nuovi motori
Ultimi arrivi

Citroen C5 e C5 Tourer: al debutto nuovi motori

La Citroen C5 berlina e la versione Tourer vantano due nuove motorizzazioni che ben si adattano ad una "stradista".

La nuova Citroen C5 sarà costruita da Opel
Anteprime

La nuova Citroen C5 sarà costruita da Opel

La prossima generazione della Citroen C5 potrebbe essere costruita da Opel come conseguenza dell'unione tra PSA e Geeneral Motors.

Citroen C5 1.6 e-HDi Airdream CMP-6: votata al comfort
Prove su strada

Citroen C5 1.6 e-HDi Airdream in prova

Grazie ad un assetto morbido, al piccolo motore 1.6 e al cambio pilotato, la media francese è nata per i viaggi.