Toyota Verso 2.0 D-4D: la prova su strada

Rinnovata nella linea, la Toyota Verso 2.0 D-4D vanta una versatilità da primato.

Toyota Verso 2.0 D-4D: la prova su strada

Toyota Verso 2.0 D-4D

Design

8.00

Comfort

8.50

Prestazioni

9.00

Consumi

7.50

Prezzo

8.00

VOTO Motori.it: 8.20

Pro

Versatilità abitacolo, motore, tenuta di strada

Contro

Gamma diesel limitata

di Valerio Verdone

22 novembre 2013

Rinnovata nella linea, la Toyota Verso 2.0 D-4D vanta una versatilità da primato.

Nella gamma delle Tre Ellissi, dove le vetture ibride fanno la parte del leone, ci sono prodotti ben fatti, ideali per il mercato europeo e per gli automobilisti italiani, che meritano una particolare attenzione per via delle loro caratteristiche. Tra questi la Verso è di sicuro uno dei più riusciti per via di un abitacolo versatile e di un piacevole comportamento stradale. Così, abbiamo testato la versione diesel, equipaggiata con un 2 litri da 124 CV che rappresenta la variante più idonea alla piazza italiana.

Esterno: sulla scia della Auris

Non c’è dubbio che la Verso sia una Toyota, lo capisci subito dalle linee di stampo giapponese e da quei particolari che fanno parte della nuova filosofia stilistica del marchio. Come il frontale ad esempio, che riprende le soluzioni già viste sulla Auris e guadagna in dinamicità grazie alla presa d’aria inferiore di grandi dimensioni e alla piccola mascherina superiore che si inserisce nei gruppi ottici attraverso le cromature. Rivisto anche il posteriore che adesso vanta un nuovo paraurti, ma nel complesso questa MPV rimane fedele alle proporzioni di questa categoria che impongono una certa forma esterna per garantire un grande spazio interno.

Interno: ampio e modulabile

Proprio l’abitacolo è l’elemento più interessante di questa vettura per via di una versatilità da primato e di uno spazio veramente ampio capace di ospitare ben 7 persone. Certo, la terza fila di sedili è dedicata maggiormente a due bambini perché arrivarci comporta una buona agilità, ma anche in 5 si viaggia benissimo visto che i sedili posteriori sono scorrevoli a vantaggio delle ginocchia dei passeggeri. Ma non è tutto, le poltrone singole della Verso possono essere ripiegate senza dover togliere i poggiatesta e così l’ambiente interno può essere modulato in base alle proprie esigenze, persino i 2 sedili della terza fila sono ripiegabili. Questo vuol dire ampia versatilità anche nel momento in cui si decidono di caricare oggetti ingombranti, con una capacità del bagagliaio che varia dai 155 litri con le tre file di sedili alzate, ad un piano di carico che raggiunge i 1575 mm di lunghezza e i 1.430 mm di larghezza con la seconda e terza fila di sedili abbattute. Nella classica configurazione a 5 posti invece si hanno a disposizione 440 litri. La cosa interessante è che per far scomparire una fila di sedili o per tirarla su ci vuole poco e bastano semplici gesti anche a chi non è avvezzo a questo genere di veicoli. Per il resto ritroviamo una posizione di guida comoda che consente un’ampia visibilità, un buon posizionamento dei comandi, con la strumentazione principale al centro della plancia ma rivolta verso il guidatore e la leva del cambio manuale a 6 marce sempre a portata di mano.

Su strada: sicura senza sorprese

Più rigida e con un [glossario:servosterzo] elettrico che privilegia la precisione più che la prontezza, come deve essere su un’auto del genere, la Verso si muove con una buona agilità e su strada vanta una sicurezza di marcia che mette al riparo da reazioni inaspettate. Il motore spinge bene con i suoi 124 CV e consente di ricorrere poco al cambio manuale a 6 marce grazie ad una coppia di 310 Nm. Quest’unità, che rispetta la normativa Euro 5, è stata rivista attraverso un nuovo turbocompressore e ad un sistema di lubrificazione rivisitato, insieme al circuito di raffreddamento, e adesso è più leggera e vanta emissioni di Co2 ridotte che si attestano sui 129 g/km. Sempre pronta a salire di giri e a prendere velocità, la MPV delle Tre Ellissi è comoda e silenziosa in autostrada, ma con le sue dimensioni compatte, la lunghezza è inferiore ai 4 metri e mezzo, se la cava bene anche in città dove fa sfoggio di un’ottima visibilità in tutte le direzioni. Buoni anche i consumi, considerando il genere di auto, che si attestano sui 15 km/l in autostrada e sulle statali per scendere a 13 km/l in città.

Prezzo: a partire da 26.350 euro

La Verso Active con il 2 litri diesel da 124 CV ha un costo di 26.350 euro, una cifra onesta se si considera la dotazione di serie che annovera accessori come il bluetooth, la retrocamera posteriore, il limitatore di velocità, il clima automatico e i fendinebbia. Anche aggiungendo il sistema multimediale e di navigazione Touch&Go il prezzo cresce solamente di 650 euro. 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...