Citroen Grand C4 Picasso 2.0 BlueHDi, prova su strada

Long test al volante della monovolume a sette posti del marchio francese.

Citroen Grand C4 Picasso 2.0 BlueHDi, prova su strada

Citroen Grand C4 Picasso 2.0 BlueHDi EAT6

Design

8.00

Comfort

9.00

Prestazioni

8.00

Consumi

7.50

Prezzo

6.50

VOTO Motori.it: 7.80

Pro

Funzionalità, dinamica, consumi

Contro

Prezzo, qualità di alcune plastiche

di Simonluca Pini

30 giugno 2015

Long test al volante della monovolume a sette posti del marchio francese.

Vi serve una monovolume in grado di fare un trasloco e che allo stesso tempo sia piacevole su su strada? La Citroen Grand C4 Picasso è quello che cercate. La versione a sette posti del Citroen C4 Picasso ci ha stupito giorno dopo giorno durante il lungo test drive effettuato. Negli oltre 5000 chilometri percorsi abbiamo apprezzato la grande funzionalità, la dotazione di serie, il comfort e la dinamica di guida grazie alla piattaforma EMP2.

Citroen Grand C4 Picasso, le dimensioni

Esteticamente la Grand C4 Picasso riprende dalla versione a cinque posti la parte anteriore, con il caratteristico frontale con doppia fari a led in grado di rendere dinamica anche la linea di una monovolume. Al posteriore invece troviamo gruppi ottici diversificati, con tecnologia 3D. Il punto di forza arriva dalle dimensioni esterne in rapporto allo spazio disponibile a bordo. La Citroen Grand C4 Picasso è lunga 4.60 metri, larga 1,83 e alta 1.64, con un passo di 284 cm. Grazie al posteriore a taglio verticale, all’ampia vetratura ma soprattutto alle telecamere presenti in grado di assicurare una visuale a 360 gradi, siamo riusciti a realizzare parcheggi al centimetro. In oltre la monovolume del Double Chevron monta uno dei sistemi di ausilio al parcheggio più efficienti sul mercato, già apprezzato quando abbiamo provato la Citroen C4 Picasso.

Interni Citroen Grand C4 Picasso

Salendo a bordo della sette posti francesi si viene accolti dal maxi schermo da 12 pollici nella parte alta della plancia, completamente personalizzabile utilizzando lo schermo sottostante da 7 pollici. Nonostante preferissimo qualche tasto in meno sul volante, dal “ponte di comando” della Grand C4 Picasso si possono impostare un lungo elenco di impostazioni, scegliere la rotta e decidere la foto di sfondo. Altro punto a favore della francese è la quantità di prese USB, AUX e la comodissima presa 220 volt, perfetta per ricaricare il computer. Tutto a bordo è studiato per migliorare la funzionalità, come i tre sedili separati della seconda fila, in grado di scorrere fino a 15 centimetri per migliorare lo spazio della terza fila di sedili; abbiamo testato il sesto e settimo posto in un viaggio autostradale e i due passeggeri hanno apprezzato lo spazio a bordo. Naturalmente il vano di carico è pronto ad ogni esigenza, merito di una capacità a partire da 645 litri, espandibile fino a 1817 litri. Oggetti lunghi da caricare?  Nessun problema: abbattendo il sedile anteriore abbiamo caricato oggetti di oltre 2.80 metri, mantenendo due posti sulla fila centrale.

Citroen Grand C4 Picasso

Normalmente non si hanno molte aspettative dinamiche da un monovolume, sacrificando il piacere di guida “sull’altare” della funzionalità. Con la Grand C4 Picasso invece percorrere un un passo alpino non sarà un supplizio. Ovviamente non aspettatevi le performance di una coupé ma siamo rimasti stupiti dell’efficienza tra le curve. Il merito va alla piattaforma che si nasconde sotto la carrozzeria, ovvero l’EMP2 montata anche sulla Peugeot 308, punto di riferimento nel suo segmento per quando riguarda il piacere di guida. Aprendo il cofano invece troviamo la motorizzazione 2.0 BlueHDI Euro 6 in abbinamento alla trasmissione automatica EAT6. I 150 cavalli e i 370 Nm a disposizione, assicurano una velocità massima di 207 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h coperto in 10.2 secondi. Promossi anche i consumi, con percorrenze reali di oltre 17 km/h al litro in autostrada e una media di circa 15 km/h. La Citroen Grand C4 Picasso protagonista della nostra prova è proposta ad un prezzo di listino pari a 35.450 euro. Prima di reputare la monovolume transalpina, bisogna ricordare la dotazione degna delle migliori premium tedesche e tutti i contenuti tecnici presenti. A chi consiglieremo la Citroen Grand C4 Picasso? Non solo a padri di famiglia, ma anche a chi cerca una macchina funzionale capace di caricare una tavola da surf o andare in montagna con gli amici.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...