Volkswagen Up! 1.0 75 CV 5 porte: la prova su strada

La citycar secondo Volkswagen vanta una grande versatilità e consumi da record.

Volkswagen High up! 1.0 75 CV 5 porte

  • Design7,50
  • Comfort8,00
  • Prestazioni8,00
  • Consumi9,50
  • Prezzo7,00
  • Pro Consumo,finiture, guidabilità
  • Contro Vetri posteriori a compasso, finestrino del passeggero non azionabile dal posto guida
  • Voto Motori.it: 8,00

Volkswagen up!, prova su strada

Altre foto »

Quando è apparsa al Salone di Francoforte 2011, occupando praticamente tutta la città con gazebo dimostrativi, la Volkswagen Up! ha urlato al mondo tutta l'intraprendenza di VW nel segmento delle citycar, da sempre territorio d'elezione di altri marchi europei e giapponesi.

La Casa di Wolfsburg in questa categoria aveva ben figurato con la Lupo, una piccola sofisticata e glamour, poi con la Fox ha accusato una caduta di stile, troppa concretezza e poco spazio all'originalità: adesso, con la up! ha coniugato la praticità della seconda, portandola ai massimi livelli, unendo anche l'originalità della prima. Il risultato è un'auto compatta, versatile, imbattibile nei consumi, ma allo stesso tempo curata e tipicamente tedesca. Certo, non è economica, soprattutto nella versione High up! che abbiamo provato, ma è fatta per durare e per molti aspetti sembra una vettura di categoria superiore.

Esterni: essenziale ma originale

La Volkswagen up! non ha l'appeal retrò di una Fiat 500, né l'intraprendenza stilistica della Renault Twingo prima serie, ma è ordinata, a tratti originale, e ispira simpatia. L'anteriore non presenta la classica calandra, e questo la rende diversa da concorrenti come la nuova Fiat Panda, inoltre, nella vista posteriore spiccano il lunotto in vetro e i fari dal disegno originale. Ad arricchire il tutto ci pensano i cerchi in lega da 16 pollici con pneumatici 185/50, i vetri posteriori oscurati, le cromature presenti sulle fiancate, sugli specchi retrovisori e intorno ai fendinebbia. Equilibrata e distinta, la 5 porte appare più gradevole della versione a 3 porte per via del taglio dei finestrini posteriori. Le ruote collocate agli estremi della carrozzeria liberano spazio per l'abitacolo, garantendo, nel contempo, grande stabilità su strada.

>> Guarda le immagini ufficiali della Volkswagen up! in prova

Interni: non le manca niente

L'abitacolo della up!, studiato per le esigenze di 4 persone, è alto, arioso, nonostante le dimensioni compatte (appena 3,54 m di lunghezza) e grazie all'ampia superficie vetrata offre una buona visibilità in tutte le direzioni. La parte alta della plancia in nero laccato, il volante tagliato in basso e rivestito di pelle ecologica così come la cuffia del cambio e la leva del freno a mano, rendono la up! una piccola premium e richiamano, seppur con le dovute distanze, la nuova Golf 7.

Tutto è sotto controllo grazie ai principali strumenti raggruppati al centro della plancia su cui spicca l'interessante Maps + More, grande come uno smartphone di ultima generazione e capace di racchiudere il navigatore satellitare, la connettività bluetooth al telefono, le informazioni sulla vettura come ad esempio i consumi e i km percorsi, le indicazioni sull'impianto audio e persino un software che aiuta il guidatore a consumare il meno possibile. Ma non è tutto, quando l'auto entra in riserva, fornisce immediatamente le indicazioni sulle stazioni di rifornimento più vicine e aiuta il conducente a raggiungerle attraverso il navigatore. Lo schermo touch screen, è intuitivo e semplice da usare, ma ha una sola spiacevole controindicazione: quando si viaggia con il sole alle spalle, nelle ore più luminose del giorno, la lettura diventa poco agevole.

Comoda per quattro persone, nonostante le dimensioni compatte, la up! consente ai passeggeri posteriori di avere un adeguato spazio per le gambe grazie al passo di 2,42 metri, e vanta un bagagliaio di tutto rispetto, grazie ad una capacità di 251 litri, dotato di un pannello che nasconde la parte inferiore. Come tutte le auto però, anche la up! ha qualche difetto, e così segnaliamo il piccolo contagiri, speculare nelle dimensioni all'indicatore del carburante, l'impossibilità di comandare il finestrino del passeggero dal posto di guida, i vetri posteriori apribili a compasso e la copertura del bagagliaio che non si solleva durante l'apertura.

Alla guida: go-kart da città

Semplice ed intuitiva, la Volkswagen up! è una vettura facile, un'auto con cui si entra subito in confidenza perchè si gira in un fazzoletto e si parcheggia in un attimo. In città è un'assoluta protagonista, cambia rapidamente direzione, è pronta in accelerazione e sguscia via dagli ingorghi. Il 1.0 a 3 cilindri da 75 CV è piacevole, ben raccordato al cambio manuale a 5 marce e la frizione è leggera, per cui non si esce affaticati dal tipico ingorgo dell'ora di punta. Ben assettata, la up! si appoggia bene sulle quattro ruote e non si alleggerisce di retrotreno neanche nelle manovre d'emergenza, è un piccolo go-kart e, a modo suo, riesce persino a divertire.

Nel contempo le sospensioni assorbono bene buche e asperità, e la schiena è salva anche dopo un viaggio accidentato nella giungla cittadina. Quando si lascia il centro per dirigersi sulle strade extraurbane o in autostrada poi, la piccola di Casa Volkswagen sfoggia una silenziosità a velocità costante che non ti aspetteresti da un 3 cilindri e anche a velocità di crociera di 130 km/h (in autostrada) fila via fluida e senza sforzo apparente. Insomma, è una citycar ma non è detto che debba rimanere confinata entro le mura cittadine. Oltretutto, vanta una velocità massima più che dignitosa, 171 km/h, e consuma veramente poco, per cui è l'ideale per le gite fuori porta o per un uso quotidiano. Ad ogni viaggio il computer di bordo, consultabile dal display sopra la plancia riporta il consumo medio, i km percorsi e altre informazioni; guidando senza badare troppo al risparmio, abbiamo ottenuto tranquillamente medie di 20 km/l. Inoltre, quando abbiamo provato il programma che consente di stare particolarmente attenti al consumo e ci siamo concentrati per usare meno gas possibile, siamo riusciti a percorrere ben 26 km/l! Merito del peso contenuto, di poco superiore a 900 kg, che contribuisce a migliorare anche la dinamica dell'auto.

Prezzo da 13.650 euro

La Volkswagen up!, nonostante sia il modello di accesso alla gamma, non è certo a buon mercato, soprattutto nella versione High up!, la più accessoriata, che nella variante a 5 porte costa l'equivalente di 13.650 euro. Un prezzo che però è giustificato dalla qualità costruttiva e da una dotazione corposa che annovera il clima manuale, il navigatore satellitare, i cerchi in lega da 16 pollici, i fendinebbia, e persino le cromature della carrozzeria. L'esemplare in prova inoltre, poteva contare anche sulla vernice metallizzata (400 euro), sulla ruota di scorta in acciaio (48 euro) e sul Safety Pack (227 euro) che comprende il sistema di frenata d'emergenza City e l'airbag anteriore passeggero disattivabile. Insomma, una vera e propria ammiraglia in miniatura.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN UP! inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 11 febbraio 2013

Altro su Volkswagen Up!

Volkswagen Up! restyling 2016: primo contatto
Ultimi arrivi

Volkswagen Up! restyling 2016: primo contatto

Abbiamo guidato la rinnovata citycar tedesca in abbinamento alla motorizzazione 1.0 TSI da 90 CV. Prezzi da 11.000 euro.

Volkswagen Up!: a Ginevra debutta il restyling 2016
Anteprime

Volkswagen Up!: a Ginevra debutta il restyling 2016

Leggero aggiornamento al corpo vettura e, novità di rilievo, il debutto del 1.0 TSI turbo da 90 CV per la "piccola" di Wolfsburg svelata al Palaexpo.

Volkswagen Up! MY 2016: in anteprima al Salone di Ginevra
Anteprime

Volkswagen Up! MY 2016: in anteprima al Salone di Ginevra

Prime immagini e informazioni tecniche sulla rinnovata VW up!, che sarà svelata all'imminente Salone di Ginevra e in Italia debutterà dopo l'estate.