Ford Focus 2.0 TDCi 163 CV: la prova su strada

Con il cambio automatico Powershift e un due litri da 163 CV è nata per viaggiare.

Ford Focus 2.0 TDCi 163 CV Powershift Individual

  • Design7,50
  • Comfort8,50
  • Prestazioni7,50
  • Consumi7,00
  • Prezzo7,00
  • Pro Confort di marcia, cambio automatico
  • Contro Abitabilità posteriore
  • Voto Motori.it: 7,50

Ford Focus 2.0 TDCi 163 CV: prova su strada

Altre foto »

La nuova Ford Focus si presenta con una linea pensata per soddisfare i gusti di tutti gli appassionati riproponendo il design che ha avuto un enorme successo con la Fiesta. Proviamo la versione turbodiesel più potente, con un 2.0 TDCi da 163 CV ed il cambio automatico Powershift, pensato sia per i lunghi viaggi sia per la guida in città.

Esterno: personalità audace

Se c'è una cosa che balza subito all'occhio confrontando la nuova Focus con la versione precedente, è la ricerca di una personalità spiccata, anche sportiva, mirata a conquistare il cuore degli automobilisti più dinamici. Nessuna concessione a linee troppo semplici dunque ma un insieme di superfici che si intersecano dando vita ad un corpo vettura dai tratti spigliati ed aggressivi. L'elemento che spicca su tutto è il frontale caratterizzato dalla grane griglia inferiore che trasmette un'idea di potenza e dinamismo, la fiancata ricorda, in grande quella della Fiesta, quindi è ben proporzionata, mentre la vista posteriore è quella più convenzionale eccezion fatta per lo spoiler per la forma dei gruppi ottici allungati, una soluzione quest'ultima che non convince pienamente. Completano il quadro i cerchi in lega da 17 pollici che calzano coperture 215/50.

Interno: il trionfo del design moderno

La Ford Focus ha una plancia "spaziale", dal design interessante con la strumentazione annegata nei grandi quadranti che circondano il computer di bordo. Massiccia la consolle centrale che ingloba i comandi del sistema multimediale e del climatizzatore automatico. Poco più in basso troviamo la leva del cambio automatico e due pratici porta bicchieri. Gli interni in pelle Individual arricchiscono l'ambiente grazie e lo rendono più intrigante grazie alle cuciture bianche in contrasto con i sedili neri. Lo spazio anteriore è buono ma alcuni centimetri sono stati sacrificati in nome del design, stesso discorso anche per i posti posteriori dove l'abitabilità paga dazio per le scelte stilistiche che sottraggono centimetri preziosi alle gambe dei passeggeri. Il bagagliaio è nella media della categoria con 363 dm3 che possono diventare 1148 dm3 abbattendo i sedili posteriori.

Su strada: composta e confortevole

La Focus è un'auto pensata per tutta la famiglia e questa 2.0 TDCi non fa eccezione, pur avendo 163 CV il suo carattere è sempre confidenziale e rassicurante e consente a tutti di guidarla in scioltezza. In questo, un valido contributo arriva dal cambio automatico a doppia frizione Powershift che assicura passaggi di marcia fluidi e vellutati. Se si vuole cercare di tirare fuori un po' di grinta dal motore è consigliabile passare alla modalità sport per avere risposte più pronte quando si spinge sull'acceleratore. Così facendo l'accelerazione da 0 a 100 km/h dichiarata in 8,9 secondi appare veritiera, così come i 215 km/h di velocità massima.

Ovviamente, quando si insiste sul gas i consumi calano, ma normalmente il computer di bordo registra una media di 8,2 l/100 km nel ciclo combinato. Certo, ci sono concorrenti che assicurano percorrenze più elevate, ma siamo comunque su valori più che dignitosi considerata la potenza in gioco. Grazie ad una taratura delle sospensioni non troppo rigida il confort di marcia rimane elevato in ogni condizione e consente di percorrere molti chilometri senza affaticarsi. In caso di manovre d'emergenza l'elettronica vigila sulle perdite d'aderenza e interviene puntualmente per rimettere le cose a posto qualora l'auto dovesse scomporsi più del dovuto. Pratica, sicura e confortevole, la Focus della nostra prova aveva anche il sistema semiautomatico di parcheggio, denominato Active Park Assist che, nonostante l'intento di semplificare le manovre, necessita comunque di un grande spazio per posteggiare in maniera quasi del tutto autonoma.

Per mettere in garage la Ford Focus 2.0 TDCi con cambio automatico e allestimento Individual occorrono 28.000 euro, ma l'esemplare del nostro test, oltre alla vernice metallizzata Candy Red, aveva anche il Titanium Pack, che annovera optional come i vetri oscurati, i cerchi da 17 pollici, il sensore pioggia e la chiave intelligente, il City Pack Premium, comprensivo di retrovisori ripiegabili elettricamente, sensori di parcheggio anteriori e posteriori e Active Park Assist e, infine, i fari bixeno e il navigatore satellitare.

Se vuoi aggiornamenti su FORD FOCUS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 27 marzo 2012

Altro su Ford Focus

Ford Focus RS: la prova su strada e in pista
Prove su strada

Ford Focus RS: la prova su strada e in pista

Con il Drift Mode per guidare alla Ken Block: abbiamo provato la nuova Ford Focus RS in pista.

Ford Focus RS HPE400 by Hennessey: tuning da 405 CV
Tuning

Ford Focus RS HPE400 by Hennessey: tuning da 405 CV

Una nuova elaborazione per la versione high performance di Focus: la factory texana aggiunge 40 CV al 2.3 EcoBoost di Ford Focus RS.

Focus RS500: sarà ancora più estrema
Anteprime

Focus RS500: sarà ancora più estrema

La vettura, derivata dalla Focus RS, dovrebbe avere circa 400 CV.