Suzuki SX4 1.6 GLX Navi+: prova su strada

Comodo in città, spazioso per i viaggi e con la trazione integrale: il suv giapponese eccelle in versatilità d'impiego. E costa poco.

Suzuki SX4 1.6 GLX Navi+

  • Design6,50
  • Comfort6,50
  • Prestazioni6,50
  • Consumi7,00
  • Prezzo7,50
  • Pro Prezzo competitivo, versatilità d'impiego, affidabilità
  • Contro Rumorosità alle alte velocità, motore poco brillante ai bassi regimi
  • Voto Motori.it: 6,80

Suzuki SX4 1.6 GLX Navi+ prova su strada

Altre foto »

"El ga el suv" è il simpatico rap di Dj Ice che pubblicizza la Skoda Yeti e ironizza sugli ingombranti suv da città. In realtà, il merito di avere inventato fuoristrada in formato small è di Suzuki con la SJ degli anni Ottanta. Tradizione proseguita con diversi modelli, come Vitara, Jimny, Ignis e, in collaborazione con Fiat, la SX4 introdotta sul mercato nel 2006 e ristilizzata nel 2009, che abbiamo provato nella versione top di gamma benzina, la 1.6 4WD GLX Navi+.

Un mini suv per tutte le esigenze

Disegnata con la consulenza della Italdesign di Giorgetto Giugiaro, la Suzuki SX4 ha linee gradevoli enfatizzate dal frontale con i gruppi ottici avvolgenti e dal taglio ascendente della fiancata che le conferisce una forma a cuneo. A fornirle un'aria da suv sono la maggiore altezza da terra (190 mm) rispetto alla norma, le modanature nere lungo il perimetro inferiore della carrozzeria, le protezioni laterali nere e quelle metalliche alla base dei paraurti. Elementi che hanno pure il vantaggio di preservare le lamiere da piccoli danni. E che confermano l'essenza pratica della SX4. Che ha ingombri da utilitaria (è lunga 412 cm, 5 in più della Fiat Punto) ideali per la città, un'abitabilità da compatta comoda per escursioni fuori porta in compagnia e la trazione integrale per muoversi sicuri su fondi scivolosi e nell'off road leggero.

Abitacolo spazioso, meno il bagagliaio

All'interno niente orpelli. Il design è all'insegna della funzionalità con minime concessioni estetiche high tech date dagli inserti in metallo. Buona la qualità dei materiali, in particolare dei dispositivi dal frequente contatto tattile, quali il volante in pelle o il pomello della leva del cambio. Meno pregevoli le plastiche "nascoste", come quella al centro dei sedili o nella parte inferiore delle portiere. Lo spazio, in relazione agli ingombri esterni, è notevole e offre centimetri in abbondanza per tutti i passeggeri. A farne le spese è il bagagliaio, ben rifinito ma non troppo ampio: 270 litri (5 in meno della Punto) non sono molti per la categoria. Abbattendo gli schienali dei sedili posteriori si arriva a 645 litri (1.100 fino al tetto), ma senza ottenere una superficie piana. Per averla si deve ribaltare pure la seduta.

La posizione di guida ideale si trova con facilità, malgrado il volante regolabile solo in altezza. La seduta, più alta ed eretta della norma, è comoda e offre buona visibilità in tutte le direzioni, grazie pure all'ausilio degli specchietti delle giuste dimensioni. I comandi sono posizionati dove te l'aspetti e la strumentazione è facile da tenere sotto controllo senza distogliere lo sguardo dalla strada. Peccato solo che la parte alta della consolle è dominata dalle bocchette di aerazione, lasciando un po' troppo in basso i comandi del climatizzatore automatico e lo schermo del navigatore. Che è piccolo (5"), ma di buona definizione, con azionamento touchscreen e abbastanza preciso nelle indicazioni stradali.

Un 1.6 placido e parsimonioso

Il 4 cilindri 16 valvole di 1.586 cc è accreditato di 120 CV a 6000 giri e di 156 Nm di coppia massima a 4400 giri/minuto. Numeri che sono sufficienti per muovere la Suzuki SX4 fino a 175 km/h e a spostare la lancetta del tachimetro da 0 a 100 km/h in 11,5". Nella pratica il suv giapponese si fa guidare docilmente senza offrire molta brillantezza ai regimi inferiori dei 2500 giri. Fattore, che in caso di necessità, richiede di affondare il pedale sull'acceleratore. Pratica poco conveniente in certe condizioni (ad esempio in salita con fondo nevoso) e che, con i cavalli, fa crescere pure la rumorosità. E i consumi, che per fortuna non sono da cardiopalma al momento del conto dal distributore. Nella nostra prova abbiamo percorso in media 14,2 km/l (15,4 il dato ufficiale nel ciclo misto), con punte di 19,8 km/l in statale e di 10,5 in città. Proporzionali alla sete di carburante sono le emissioni di CO2, che secondo l'omologazione europea ammontano a 149 grammi/km. Un valore alto in assoluto in un periodo di crisi climatica, ma buono per un suv a trazione integrale.

Un assetto senza compromessi

L'aspetto della Suzuki che ci ha colpito più favorevolmente è l'assetto, ottimo compromesso tra comfort e tenuta di strada. La taratura di sospensioni e ammortizzatori è morbida e consente un efficace assorbimento delle asperità stradali. Ma è altrettanto efficiente nella guida sportiva e sui percorsi tortuosi, dove la SX4 sembra difficile da mandare in crisi di aderenza. Merito pure dello sterzo preciso con servoassistenza elettrica con rigidità progressiva in base alla velocità, della massa contenuta (1.275 kg) con giusta distribuzione dei pesi e dei consueti dispositivi elettronici di sicurezza attiva, quali i controlli di stabilità (ESP) e della trazione (TCS). Proporzionata a massa e prestazioni l'impianto frenante, con dischi ventilati davanti e tamburi nelle ruote dietro.

Si può bloccare il differenziale

Trazione e dinamica di guida migliorano sensibilmente se si attiva il sistema i-AWB che trasforma la SX4 da trazione anteriore a integrale. Due le modalità disponibili, Auto e Lock, azionabili dal comando accanto al freno a mano. Con la prima la coppia è trasferita in modo automatico sull'asse posteriore con percentuali variabili (fino al 50%) a seconda delle condizioni del fondo stradale e alle esigenze di trazione. Con la seconda si blocca il differenziale centrale per avere le massime prestazioni in off road o nella guida su neve con velocità inferiori ai 60 km/h. Superati i quali il dispositivo si disinserisce in automatico. Il risultato, come abbiamo costatato viaggiando sulle strade innevate, è notevole. Pur disponendo di pneumatici estivi, la SX4 non ha mai registrato problemi in accelerazione e ripresa e non ha evidenziato particolari tendenze a "scodare" o "perdere" l'anteriore. Viceversa, l'assenza di gomme termiche ha reso critica qualche frenata che ha richiesto un certo impegno per evitare il pericoloso bloccaggio delle ruote.

Per prezzo non ha rivali

La Suzuki SX4 1.6 4WD GLX Navi+ è il listino a 20.559 euro. Un prezzo competitivo che, di fatto, la rende la 4x4 più economica sul mercato se si escludono modelli più piccoli, come Fiat Panda o la sorella minore Jimny, o low cost quale la Dacia Duster. Suv, quest'ultimo, molto più economico (la top benzina Lauréate costa 16.000 euro), ma più grande, e quindi meno pratico in città, meno potente (110 CV), con prestazioni inferiori e consumi più alti (12 km/l la 4WD). Inoltre, la Suzuki provata ha una dotazione davvero completa. Sono di serie, tra l'altro, sei airbag, sistema automatico di chiusura e avviamento senza chiave, impianto hi-fi con CD, lettore mp3, presa Usb, Bluetooth e comandi al volante, quattro alzacristalli elettrici, specchietti riscaldabili, cerchi in lega e fendinebbia. Per chi vuole spendere di meno ci sono comunque le versioni 4WD GL (19.249 euro) e GLX (19.753 euro).

 

Se vuoi aggiornamenti su SUZUKI SX4 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Stefano Panzeri | 27 febbraio 2012

Altro su Suzuki SX4

Suzuki SX4 2013: prezzi da 18.590 euro
Ultimi arrivi

Suzuki SX4 2013: prezzi da 18.590 euro

Arrivano le nuove versioni Evolution ed Evolution+ della Suzuki SX4 2013.

Suzuki SX4, in arrivo la nuova 2.0 DDiS 2WD GL
Ultimi arrivi

Suzuki SX4, in arrivo la nuova 2.0 DDiS 2WD GL

Il SUV giapponese si arricchisce di un interessante versione capace di costi di gestione contenuti.

Pikes Peak 2011 a Nobuhiro Tajima, con record
Motorsport

Pikes Peak 2011 a Nobuhiro Tajima, con record

Il veterano della Pikes Peak Nobuhiro Tajima ha vinto l'edizione 2011 della corsa in salita, scendendo sotto i 10 minuti e ottenendo un nuovo record.