Citroen DS4 2.0 HDi Sport Chic: prova su strada

Appena nominata Auto Europa 2012, la Citroen DS4 lancia la sfida alle tedesche con la sua linea modaiola e compatta.

Citroen DS4 2.0 HDi Sport Chic

  • Design8,50
  • Comfort8,00
  • Prestazioni8,00
  • Consumi7,50
  • Prezzo7,00
  • Pro Abitacolo curato, motore silenzioso
  • Contro Finestrini posteriori non apribili
  • Voto Motori.it: 7,80

Citroen DS4

Altre foto »

La Citroen DS4 amplia la famiglia DS e si propone nel segmento delle compatte premium puntando sullo stile e sul comportamento dinamico, elementi hanno convinto i giurati dell'Uiga (Unione Italiana Giornalisti dell'Automotive) a nominarla Auto Europa 2012. Nella versione 2.0 Hdi da 163 CV abbina prestazioni vivaci a consumi ragionevoli e rende più cool il classico percorso casa-ufficio.

Esterno: audace ed originale

Difficile tentare di comprendere a quale categoria appartenga la Citroen DS4 guardandola dall'esterno, non è SUV, ma conserva una notevole altezza da terra, non è una classica due volumi e nemmeno una coupé, però con le sue 5 porte e il lunotto piccolo e sfuggente sembra appartenere ad entrambe i generi di vetture. Di sicuro non passa inosservata e attira l'attenzione da tutte le prospettive; il frontale con la grande bocca che incorpora il Double Chevron allungato è, nel contempo, elegante ed aggressivo per via del cofano motore bombato, della fascia nera che ingloba il porta targa e delle cromature. Quest'ultime circondano anche le superfici vetrate della fiancata e impreziosiscono la vista posteriore. Di notevole effetto i passaruota muscolosi con quelli posteriori che donano dinamismo alla linea e i grandi cerchi diamantati da 19 pollici (optional). Completano il quadro i due terminali di scarico fittizi e il piccolo lunotto posteriore.

Interno: ti seduce con la pelle

L'abitacolo della Citroen DS4 ti accoglie in un ambiente caldo e ricercato con dei sedili anteriori comodi e sportivi e una plancia completa e d'effetto. La plancia con lo schermo multifunzione, i comandi del clima e dell'impianto audio, appare ordinata anche se ci vuole un po' di affiatamento per trovare subito il pulsante giusto, così come avviene per il volante con tanti tasti. Quello che appare meno convincente è il sacrificio che il design ha imposto ai passeggeri posteriori: quest'ultimi non hanno la possibilità di aprire i vetri e anche salire a bordo per loro non è un'operazione semplicissima per via delle portiere che terminano a punta e costringono ad allontanarsi prima di entrare. A parte questo neo, si viaggia comodi in quattro persone e solo i più alti possono risentire del tetto spiovente. Buona la capacità di carico di 385 dm3 ampliabili a 1021 dm3, meno convincente l'accesso al bagagliaio per via del dislivello con il pavimento dello stesso.

Su strada: carattere sportivo

Nella guida di tutti i giorni la Citroen DS4 2.0 HDi è una valida compagna di viaggio per via della seduta alta che aiuta a guardare lontano, dei sedili in pelle che ti coccolano con la funzione massaggio e ti scaldano nelle giornate più fredde, e del motore che garantisce una prontezza sin dai regimi più bassi ed ha un allungo importante. La tenuta di strada è rassicurante, grazie ad un assetto più rigido rispetto alla C4 e ai grandi cerchi da 19 pollici che, con la loro impronta a terra, tengono ferma la vettura.

I 163 CV del 2 litri diesel con sistema Common Rail di terza generazione e la coppia di 340 Nm si fanno sentire sulle ruote anteriori e nelle accelerazioni causano qualche vibrazione sullo sterzo, niente di preoccupante comunque, l'elettronica stempera sul nascere eventuali pattinamenti, ma è bene tenerne conto prima di spalancare il gas. Il cambio si manovra velocemente e non è soggetto ad impuntamenti, anche lo sterzo è ben calibrato per questo tipo di vettura ed abbina precisione e leggerezza. Nella Citroen DS4 si viaggia isolati dal mondo esterno in pieno relax e anche le asperità dell'asfalto vengono digerite dignitosamente, con l'unico scotto da pagare sulle giunture autostradali e sul pavè dove i cerchi da 19 restituiscono in maniera fedele le sollecitazioni del corpo vettura.

Interessante il sistema che avvisa il conducente del superamento della Carreggiata (optional) e richiama l'attenzione facendo vibrare il sedile, è uno strumento molto valido che però non entra in funzione nei percorsi in cui la segnaletica orizzontale non è evidenziata in maniera efficace. Molto utile anche il dispositivo che segnala la presenza dei veicoli nell'angolo morto, uno strumento che può scongiurare una tipologia d'incidenti che si verifica in autostrada.

Prezzo premium: a partire da 28.851 euro

La Citroen DS4 è un'auto ricca, appariscente e ben fatta e il suo prezzo è commisurato ai contenuti. Per averla nella versione top, la Sport Chic, con il propulsore 2 litri HDi, sono necessari 28.851 euro, ma questa cifra può aumentare se si rimane ingolositi dalla lista degli optional che comprende persino un pacchetto con la plancia interamente rivestita in pelle.

Se vuoi aggiornamenti su DS DS 4 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 17 ottobre 2011

Altro su DS DS 4

DS4 180 CrossBack vs DS4 120 Sport Chic: prova su strada
Prove su strada

DS4 180 CrossBack vs DS4 120 Sport Chic: prova su strada

Asfalto o sterrato? DS4 offre sempre una soluzione, grazie alla nuova versione CrossBack.

DS4 E DS4 Crossback: debuttano a Francoforte 2015
Ultimi arrivi

DS4 E DS4 Crossback: debuttano a Francoforte 2015

La Casa del Double Chevron arricchisce il brand premium DS con la rinnovata DS 4, declinata anche in versione crossover.

DS4 2.0 BlueHDI 180, la prova su strada
Prove su strada

DS4 2.0 BlueHDI 180, la prova su strada

Al volante della versione di punta del crossover francese, spinto dal motore 2.0 turbodiesel Euro 6 da 180 cavalli abbinato al cambio automatico.