Parrot Asteroid: l'autoradio diventa open source

Il nuovo sistema hi-fi costruito dalla Parrot supporta il sistema operativo Android e si connette ad internet per offrire nuove funzionalità.

Parrot Asteroid

Altre foto »

La Parrot ha presentato una innovativa autoradio che, per la prima volta, utilizza il sistema operativo open source Android. La "Asteroid" non è solito lettore Mp3, ma un sistema hi-fi molto più sofisticato.

Tanto per cominciare è connesso ad un modulo GPS e ad una chiavetta 3G da acquistare separatamente, solo così può esprimere le sue grandi potenzialità, e permettervi di conoscere la stazione di servizio più vicina, le condizioni del traffico in tempo reale, le posizioni dell'autovelox e perché no, di vedere attraverso il display tft a colori da 3,2" le foto di chi vi sta chiamando in vivavoce (dopo tutto è un prodotto Parrot) o le copertine degli album che state ascoltando.

Ma non è tutto perché Android consente di connettersi con un quantitativo infinito di web radio e di caricare musica dalla Usb, dall'iPhone, dall'iPod, dal lettore Mp3 e dalla scheda Sd. Per ascoltare il proprio brano preferito non deve far altro che  chiamarlo per voce e il sistema lo cercherà automaticamente tra tutte le sorgenti connesse. L'autoradio Parrot Asteroid sarà disponibile da maggio con quattro applicazioni comprese nel prezzo di 299 euro.

Se vuoi aggiornamenti su PARROT ASTEROID: L'AUTORADIO DIVENTA OPEN SOURCE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 22 aprile 2011

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.