Sicurezza, l'airbag festeggia 30 anni

La Mercedes-Benz è stata la prima Casa a dotare di questo dispositivo una vettura di serie nel 1981. I primi brevetti risalgono agli anni '50.

Al Salone di Ginevra del 1981 Marcedes-Benz ha presentato la prima automobile costruita in serie dotata di airbag e cinture di sicurezza con pretensionatore (fondamentali per la corretta efficacia del cuscino gonfiabile). La vettura era la Classe S dell'epoca e dal 1982 questi importanti dispositivi per la sicurezza attiva sono entrati nella lista degli optional per l'intera gamma.

Il brevetto dell'airbag risale però a molti anni prima. È, infatti, un sistema brevettato già negli anni Cinquanta, prima dal tedesco Walter Linderer (6 ottobre 1951) e poi dall'americano John W. Hedrik (18 agosto 1953). Per oltre dieci anni questo dispositivo ha avuto poche installazioni pratiche. Mercedes-Benz ne ha poi intrapreso la ricerca approfondita a partire dal 1966, con i primi test effettuati nel 1967.

Tra le tappe principali del suo sviluppo c'è il successivo brevetto del 23 ottobre 1971 (depositato direttamente dalla Daimler-Benz) che contiene il principio operativo del sistema: alcuni sensori registrano la violenta decelerazione che si avverte in caso di collisione e attiva il meccanismo dell'airbag azionato da una carica esplosiva che genera i gas necessari a gonfiare il cuscino.

Se vuoi aggiornamenti su SICUREZZA, L'AIRBAG FESTEGGIA 30 ANNI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 11 aprile 2011

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.