Ford: dieta al cioccolato per la nuova Focus

Per alleggerire le proprie auto (a partire dalla nuova Focus) Ford utilizza una tecnologia ispirata alle barrette di cioccolato Nestlé.

Ford: dieta al cioccolato per la nuova Focus

di Andrea Barbieri Carones

11 aprile 2011

Per alleggerire le proprie auto (a partire dalla nuova Focus) Ford utilizza una tecnologia ispirata alle barrette di cioccolato Nestlé.

Cos’hanno in comune la cioccolata e la riduzione del peso? In apparenza, nulla. Andando a vedere quando ha fatto Ford, invece, si capisce che qualche cosa di simile c’è, visto che gli ingegneri dell’azienda del Michigan si sono ispirati alle barrette Aero Nestlé per produrre delle componenti per i propri veicoli, rendendoli così particolarmente leggeri senza per questo inficiare sulla loro robustezza.

La tecnologia si chiama MuCell e non è nemmeno particolarmente nuova, visto che è stata sperimentata una decina di anni fa dal Massachussets Institut of Technology: delle bollicine di gas d’azoto vengono miscelate con le parti in plastica (durante la fase di stampo) con la conseguenza di creare dei prodotti più leggeri del 20%, pur con lo stesso volume e la stessa resistenza agli urti. Senza contare che si impiega meno plastica, con conseguente risparmio sul materiale e in fase di smaltimento del veicolo.

La prima auto Ford a essere equipaggiata con questo sistema sarà la nuova Focus, la cui commercializzazione è prevista nel corso di quest’anno. L’obiettivo da raggiungere entro il 2020 è quello di diffondere questo sistema anche sulle altre auto in listino, che subirebbero una cura dimagrante compresa fra i 100 e i 300 kg, in grado di compensare l’aumento di peso che i veicoli odierni stanno subendo a causa dell’aumento della tecnologia e delle dotazioni di bordo.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...