Il posteggio? Si paga con il cellulare

In 33 città italiane è già possibile utilizzare il proprio smartphone per pagare i posteggi.

Da oggi in 33 città italiane il posteggio si può pagare anche inviando un sms dal proprio telefono cellulare. Aumenta così il numero dei pagamenti "mobili" effettuati nella Penisola, che secondo i dati forniti da una ricerca della School of Management del Politecnico di Milano tocca quota 107 (contro i 78 del 2009).

Tutto si basa sulla tecnologia Nfc (Near Field Communication o trasmissione wireless sicura a corto raggio) inserita sia nel cellulare sia nel Pos, lo strumento che i commercianti utilizzano per leggere le carte di credito e i bancomat. Per poter funzionare, in realtà, ci vuole uno smartphone abilitato di tecnologia Near Field Communication (NFC) 

In Italia, un'iniziativa in tal senso viene dalla sim card PosteMobile e richiedere l'associazione allo strumento di pagamento BancoPosta (conto corrente o carta Postepay), trasformando così de facto il proprio smartphone in un "portafoglio elettronico". Poi occorrerà acquistare e ricaricare la tessera dei parcheggi Parkcard direttamente dal proprio cellulare.

Il cliente riceverà poi un sms contenente un codice di 10 cifre che ne consentirà l'utilizzo immediato ancor prima di ricevere a casa  l'adesivo con il codice identificativo della Parkcard da esporre nell'automobile e la tessera vera e propria, con relativo Pin. La tessera potrà essere utilizzata su un totale di 4 veicoli diversi.

Se vuoi aggiornamenti su IL POSTEGGIO? SI PAGA CON IL CELLULARE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 21 marzo 2011

Vedi anche

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.

Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Anche se la tecnologia sarà sempre più presente, le auto della casa di Zuffenhausen saranno auto da guidare.