Chiavi wi-fi? Comode, anche per i ladri...

Una ricerca che sarà presentata a febbraio mostra che è possibile duplicare il segnale delle chiavi auto wi-fi e rubare un veicolo senza fatica.

Rubare un'auto restando comodamente seduti al caldo? Sempre meglio che "al fresco", si dirà. Ma intanto il risultato è lo stesso: i ladri d'auto potrebbero infatti essere in grado di sottrarre un veicolo, entrandovi e mettendosi alla guida senza bisogno di scassinare le portiere o di sporcarsi le mani per avviarlo.

Questo inquietante scenario è il frutto di una ricerca sulle chiavi wi-fi che sarà presentata a febbraio a San Diego, in California, quando i massimi esperti di sistemi di sicurezza si ritroveranno per un simposio.

In pratica, i ricercatori si sono trasformati in ladri occasionali e hanno attaccato i sistemi antifurto di 8 costruttori d'auto diversi, tutti progettati per aprire le portiere e avviare il motore nelle vicinanze di un apposito chip chiamato transpoder. Il segnale può essere intercettato e duplicato anche se codificato, e può essere utilizzato per aprire le portiere di un veicolo, traendo in inganno il ricevitore e decodificatore posto all'interno.

Il "trucco" è semplice e richiede solo di un investimento di 700-800 euro: disponendo di 2 antenne, il ladro può avvicinarsi a 10-20 metri dal proprietario dell'auto che ha preso di mira, in modo da captare il segnale proveniente dalla sua chiave e registrarlo mantenendolo in forma analogica nonostante abbia dati digitali. Avvicinandosi poi al veicolo, questo si apre e si mette in moto come se le "chiavi" fossero vere.

I rimedi per evitare brutte sorprese? Uno su tutti: una volta scesi, mettere la propria chiave-trasponder all'interno di una scatoletta metallica in modo da non essere registrabile.

"I costruttori - hanno detto i ricercatori - dovrebbero inserire nelle chiavi wi-fi un interruttore manuale che potrebbe bloccarne il funzionamento".

Se vuoi aggiornamenti su CHIAVI WI-FI? COMODE, ANCHE PER I LADRI... inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 10 gennaio 2011

Vedi anche

Audi, Nvidia e Mobileye: intelligenza artificiale per la guida autonoma

Audi, Nvidia e Mobileye: intelligenza artificiale per la guida autonoma

Audi in collaborazione con i partner NVIDIA e Mobileye prosegue il suo sviluppo relativo all’intelligenza artificiale applicata alla guida autonoma.

Il Gruppo PSA studia la connessione 5G

Il Gruppo PSA studia la connessione 5G

Siglato un accordo di collaborazione con Ericsson ed Orange per un nuovo progetto.

Ford e Toyota: insieme per uniformare le applicazioni bordo

Ford e Toyota: insieme per uniformare le applicazioni bordo

I due colossi collaborano per dar vita ad una piattaforma dedicata alle app.