Diesel o benzina? Mercedes fa il DiesOtto

L’innovativo propulsore unisce le caratteristiche del ciclo Diesel e del ciclo Otto, riducendo consumi ed emissioni. Il debutto sulla nuova Classe S

Diesel o benzina? Mercedes fa il DiesOtto

Tutto su: Mercedes-Benz

di Francesco Donnici

12 ottobre 2010

L’innovativo propulsore unisce le caratteristiche del ciclo Diesel e del ciclo Otto, riducendo consumi ed emissioni. Il debutto sulla nuova Classe S

Il futuristico propulsore DiesOtto che equipaggiava il Concept Mercedes F700 al Salone di Detroit 2007 arriverà alla produzione di serie. Questo innovativo motore sviluppato dai tecnici di Stoccarda unisce le principali caratteristiche del ciclo Diesel e del ciclo Otto tipico delle unità a benzina, promettendo così brillanti prestazioni unite a bassi consumi ed emissioni inquinanti.

Gli ingegneri della Casa tedesca per ottimizzare al meglio l’uso dei propulsori hanno realizzato un sistema che prevede il funzionamento a ciclo Otto (miscela di aria e benzina accesa dalla candela) durante le fasi di partenza e nei momenti in cui ci sia bisogno di più potenza, mentre quando la richiesta di cavalli diventa più bassa, l’accensione della miscela aria-combustibile nella camera di scoppio diventa spontanea (senza scintilla), proprio come avviene nei Diesel.[!BANNER]

La prima unità che impiegherà questa tecnologia è un quattro cilindri 1.8 litri alimentato a benzina e dotato di due turbo compressori che sviluppa la potenza di 238 CV e la coppia massima di 400 Nm. Secondo la Casa della stella a tre punte, il DiesOtto debutterà sull’ammiraglia Classe S, che nonostante la mole elevata sarà in grado di percorrere 100 km con soli 6 litri di carburante.