Opel Eye Tracking: il sistema debutterà nel 2016

Telecamera e fotodiodi per controllare la direzione del fascio luminoso con gli occhi: un rivoluzionario dispositivo in fase di sviluppo da Opel.

Opel Eye Tracking

Altre foto »

La rivoluzione nella fanaleria secondo Opel: l'intensità luninosa viene controllata attraverso lo sguardo, mediante una telecamera e dei sensori. Ecco, in estrema sintesi, la filosofia progettuale dell'inedito sistema "Eye Tracking", innovativa tecnologia che vede i fari comandati dal movimento degli occhi, che viene comunicato in queste ore dai tecnici di Russelsheim: un dispositivo, attualmente in fase di sviluppo, atteso al debutto nella gamma Opel entro la seconda metà del 2016. Non è la prima volta che Opel si dimostra attenta alle nuove tecnologie in campo ottico. In questo senso, il marchio di Russelsheim offre il sistema Afl+ a fanaleria bi-xeno e l'Opel Eye (caratterizzato da dieci funzioni distinte fra loro) per Mokka, Astra, Cascada, Zafira Tourer e Insignia.

Per essere operativo, l'"Eye Tracking" di Opel (al cui sviluppo collaborano l'Itdc - International Technical Development Centre di Opel e il Politecnico di Darmstadt) necessita di quattro elementi: la fanaleria a Led, un sistema di videocamera puntata sul viso del conducente - un solo apparecchio: in pratica, una semplice webcam anziché, come sarebbe logico attendersi, una "batteria" di 10 videocamere come generalmente avviene nelle tecnologie che seguono i movimenti oculari -, un gruppo di sensori periferici a raggi infrarossi e una serie di attuatori a controllo elettronico (fotodiodi: nanotecnologie che consentono di effettuare scansioni degli occhi del conducente più di 50 volte al secondo al tramonto e durante la guida notturna), che hanno il compito di tradurre in pratica le informazioni captate dalla videocamera e dai sensori. L'estrema rapidità di esecuzione dell'intero processo costituisce la base della nuova tecnologia Opel "Eye Tracking": il movimento dei fari, in senso orizzontale e verticale, è istantaneo.

Non resta che trovare la soluzione a una difficoltà "fisiologica": in pratica, è noto che gli occhi vanno in maniera inconscia da un punto all'altro. Se il sistema in fase di sviluppo fra Opel e il Politecnico di Darmstadt si affidasse al naturale movimento degli occhi, ne risulterebbe un fascio luminoso in continuo movimento, rendendo di fatto inaccettabile l'adozione di questa tecnologia a bordo degli autoveicoli. Questo inconveniente, indicano gli ingegneri di Russelsheim, viene superato grazie a un complesso algoritmo che, attraverso un leggerissimo ritardo fra il movimento degli occhi e la traduzione nel fascio luminoso, assicura un movimento molto più fluido dei fari. Questo è importante, ad esempio, per garantire sempre l'ulluminazione davanti alla vettura anche nel caso che il conducente venga momentaneamente distratto: le luci anabbaglianti vengono programmate per consentire sempre un livello minimo di illuminazione.

Se vuoi aggiornamenti su OPEL inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 16 marzo 2015

Altro su Opel

Opel: le ammiraglie della Casa tedesca in mostra alla Bobensee Klassik
Eventi

Opel: le ammiraglie della Casa tedesca in mostra alla Bobensee Klassik

Durante Bodensee Klassik sarà possibile ammirare sei preziosi modelli di ammiraglie Opel che hanno scritto la storia del marchio tedesco.

Opel GrandLand X: le immagini ufficiali
Anteprime

Opel GrandLand X: le immagini ufficiali

Diffuse le prime foto ufficiali del nuovo SUV del Fulmine

Opel: un progetto pilota in Francia con BlaBlaCar
Attualità

Opel: un progetto pilota in Francia con BlaBlaCar

Auto a prezzi agevolati per i membri più attivi della community