Dal 2011 la F1 bandisce l'F-duct

Il sistema, inventato dalla McLaren, permette a un flusso d'aria di attraversare la monoposto sotto la scocca

Le scuderie di Formula Uno hanno deciso di rimuovere dalle monoposto del circuito internazionale l'F-duct, il sistema introdotto tempo dalla McLaren, e copiato da molti team, che permette a un flusso d'aria di attraversare l'automobile sotto la scocca e riemergere a livello dell'alettone posteriore, allo scopo di creare più aderenza e di aumentare la velocità in rettilineo.

Copiato in seguito dalle Case concorrenti, sarà vietato a partire dalla stagione 2011. In realtà il costruttore britannico era favorevole al mantenimento del dispositivo, cosa che invece ha trovato contrari quasi tutti i concorrenti, molti dei quali avevano cercato di copiarlo ma non erano riusciti.

Intanto la Ferrari ha fatto sapere che non utilizzerà tale dispositivo sulla sua F10 in occasione del Gran Premio di Monaco che si disputerà domenica prossima: il team principal dell'azienda di Maranello, Stefano Domenicali, ha motivato la scelta dicendo che il sistema poco si adatta al circuito del principato, che richiede piuttosto più downforce visto le numerose curve.

Se vuoi aggiornamenti su DAL 2011 LA F1 BANDISCE L'F-DUCT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 10 maggio 2010

Vedi anche

Mercedes: con C.A.S.E. l’auto è sempre più connessa

Mercedes: con C.A.S.E. l’auto è sempre più connessa

Le funzionalità "always on": Mercedes punta al futuro della mobilità con il digital brand Mercedes me, pioniere dell’Industry 4.0.

Nissan, protagonista al CeBIT con le tecnologie per la guida autonoma

Nissan, protagonista al CeBIT con le tecnologie per la guida autonoma

La Casa giapponese si presenta alla più grande fiera digitale del Vecchio Continente con le ultime novità dedicate alla guida autonoma.

Garmin Dash Cam 45 E 55, tecnologia al servizio della sicurezza

Garmin Dash Cam 45 E 55, tecnologia al servizio della sicurezza

Le nuove Garmin Dash Cam 45 E 55 vantano nuovi sistemi di allerta del conducente e una registrazione continua di quello che succede intorno l’auto.