Parcheggi facili con Bosch Parkpilot

Da Bosch un nuovo sistema aftermarket di assistenza al parcheggio che si può installare su qualsiasi auto. Così le manovre saranno più sicure

Sensori di Parcheggio Bosch

Altre foto »

Durante le manovre di parcheggio una piccolo contatto è sempre fastidiosa, oltre che spesso costoso. Con l'avvento dei sensori di parcheggio, anche gli automobilisti più distratti hanno a disposizione un valido aiuto contro gli ostacoli nascosti ma il mercato propone spesso l'assistenza al parcheggio come optional solo sulle auto di un certo livello e di ultima generazione.

Bosch invece presenta una soluzione aftermarket, il Parkpilot URF7. Si tratta di un sistema di nuova generazione che utilizza un'avanzata tecnologia a ultrasuoni in grado di rilevare anche gli ostacoli più piccoli a partire da una distanza di un metro e mezzo.

Il nuovo Parkpilot URF7 è installabile su tutti i veicoli convenzionali, anche se equipaggiati con gancio di traino ed è disponibile sia per il paraurti posteriore che anteriore. Il sensore ad ultrasuoni e il suo supporto, inoltre, sono quasi impercettibili alla vista se verniciati dello stesso colore dei paraurti.

I sensori di Parkpilot URF7 funzionano secondo il principio "pulse echo": il sistema emette delle onde sonore non udibili che si riflettono sull'ostacolo e sono catturate dai sensori con il suono riflesso. Viene quindi calcolata la distanza dall'ostacolo in base al tempo impiegato dal suono per andare e tornare dallo stesso. Nell'abitacolo dell'auto, segnali acustici e ottici a LED informano il conducente della distanza dall'ostacolo.

Molte vetture vengono equipaggiate di serie con un sistema Parkpilot posteriore, dato che Bosch è fornitore di componenti per molte casa automobilistiche. Qualora il proprietario volesse completare in after market il sistema, Bosch offre la possibilità di montare un sistema Parkpilot anche sul paraurti anteriore, che funziona indipendentemente da quello già presente.

Se vuoi aggiornamenti su PARCHEGGI FACILI CON BOSCH PARKPILOT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 25 febbraio 2010

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.