Da Brembo un nuovo disco in carbonio

La società italiana specializzata in impianti frenanti sviluppa il CCM-R, un disco in carbonio-ceramica per il mondo delle competizioni

Brembo ha presentato ufficialmente il CCM-R, un nuovo disco in materiale carbonio ceramico destinato al mercato delle competizioni, che combina l'esperienza maturata dalla società sia nel campo dei materiali frenanti in carbonio utilizzati in Formula Uno, sia nelle applicazioni in materiale carbonio ceramico per uso stradale.

In questo senso quindi il CCM-R - cha va ad affiancarsi al tradizionale CCM - presenta da un lato un'elevata conducibilità termica e massimo potere frenante (caratteristiche richieste per l'uso in pista) e dall'altro la durata e versatilità, tipiche del materiale carbonio ceramico dedicato all'uso su strada.

Nello specifico il disco targato Brembo è stato studiato per applicazioni Endurance e ovunque sia richiesto un elevato smaltimento di energia e al contempo proprietà di durata e costanza di prestazioni; ottenute anche grazie a innovative tecniche di calcolo fluidodinamico (Computational Fluid Dynamics) che hanno permesso di mettere a punto un sistema di ventilazione che garantisce la massima efficienza nel controllo della temperatura di esercizio, in qualunque condizione.

Se vuoi aggiornamenti su DA BREMBO UN NUOVO DISCO IN CARBONIO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 15 gennaio 2010

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.