Bosch e Tata Nano, insieme per il diesel

Bosch fornisce a Tata numerosi componenti per la piccola Nano, come alternatore, freni e sistema d'iniezione. Ora pure un Common Rail

Tata Nano

Altre foto »

Bosch ha intuito da tempo che la domanda di LPV (Low Price Vehicles) diesel in India (ma anche nel resto dei Paesi emergenti e dell'America) sarà sempre più elevata e vuole arrivare preparata al momento in cui sarà richiesta una certa conformità, a livello globale, sui consumi anche da parte di questo tipo di vetture.

Ecco perché Bosch punta sull'indiana Tata e lo fa progettando una nuova unità Common-Rail, denominata CRS 1.1, per fornire alla Nano un motore diesel coerente con le sue caratteristiche di veicolo a basso prezzo: costo contenuto e tecnologia adeguata alle nuove esigenze del mercato in termini di consumi.

Un mercato, quello indiano, che sembra non deludere i forti investimenti che la teutonica Bosch gli ha riservato e che riserverà anche per il futuro, giacché intende investire sul suolo asiatico oltre 430 milioni di dollari nel triennio 2010-2012 per le attività produttive e di ricerca e sviluppo.

Ecco dunque l'impegno nella realizzazione di questo concept modulare applicabile ai motori fino a tre cilindri, tipici delle piccole utilitarie. Gli ingegneri hanno lavorato sulle componenti meccaniche riducendo peso e dimensioni della pompa ad alta pressione, progettata per pressioni di iniezione che vanno dai 250 ai 1.450 bar, e semplificando il design dell'iniettore a solenoide che conta un minor numero di componenti.

Il felice connubio fra il Gruppo Bosch e la Tata si consolida ulteriormente, quindi, a seguito della scelta rivelatasi già vincente di dotare Tata con componenti made by Bosch quali freni anteriori e posteriori, alternatore, motorino di avviamento e sistema d'iniezione per il motore a benzina.

In occasione di una conferenza stampa per l'inaugurazione dell'Auto Expo 2010 di New Delhi, il Presidente del gruppo tedesco, Bernd Bohr, ha dunque dichiarato che tale collaborazione proseguirà. Altro punto a favore della partnership è che la manodopera del sistema common-rail CRS 1.1 rimarrà in India.

Se vuoi aggiornamenti su TATA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Altro su TATA

Tata Zica: cambio di nome per colpa del virus Zika
Curiosità

Tata Zica: cambio di nome per colpa del virus Zika

Tata sembra intenzionata a cambiare nome alla Zica, vettura compatta pronta al lancio ma troppo assonante al virus Zika.

Tata Hexa Concept 2015: nuovo SUV spazioso e versatile
Concept

Tata Hexa Concept 2015: nuovo SUV spazioso e versatile

Il colosso asiatico anticipa il suo prossimo SUV con un interessante concept che si distingue per le forme muscolose e la grande abitabilità interna.

Le novità Tata al Salone di Ginevra 2014
Anteprime

Le novità Tata al Salone di Ginevra 2014

Il costruttore indiano presenterà in occasione della manifestazione svizzera tre nuovi modelli chiamati a rappresentare il nuovo corso del Gruppo.