Nissan punta sulla connettività per i propri clienti

La connettività è al centro della strategia che Nissan vuole implementare al fine di migliorare l'esperienza dei propri clienti.

Nissan ha intenzione di modificare profondamente l'approccio post-vendita con la propria clientela. Per questo motivo, la casa giapponese ha lanciato in Europa una nuova strategia volta ad offrire a chi sceglie un veicolo Nissan una serie di servizi ottimizzati che fanno leva sulle più innovative funzioni di connettività

L'obiettivo del marchio è quello di far arrivare i ricavi del comparto post-vendita al 30% del fatturato totale europeo entro il 2022. Per centrarlo Nissan adotterà un approccio graduale, rendendo disponibili i servizi di connettività come opzione aftermarket presso le proprie concessionarie partendo dai mercati giapponese e indiano, per poi espanderne la disponibilità in tutti gli altri paesi. 

La connettività diventerà un servizio accessibile sia dai nuovi clienti, sia da quelli già acquisiti in passato. Anche per coloro che hanno acquistato una vettura senza sistemi infotelematici avanzati, infatti, sarà possibile acquistare delle tecnologie studiate per portare Internet a bordo e rendere pienamente compatibile i sistemi di bordo con le funzioni connesse. 

A spiegare meglio la strategia del gruppo è stato Vincent Wijnen, Vicepresidente After Sales, Customer Quality e Training della divisione europea di Nissan Europa, che ha dichiarato: "Ci impegniamo a sviluppare e trasformare i processi di progettazione e produzione delle auto, offrendo elementi ricercati e soluzioni su misura in linea con lo stile e le aspirazioni dei clienti moderni. L'obiettivo finale è ottenere un maggiore controllo e una forte personalizzazione". 

Tra le applicazioni che in futuro arriveranno sui modelli giapponesi ci saranno la capacità, da parte delle stesse vetture, di dialogare con il centro d'assistenza per ordinare eventuali pezzi di ricambio, nonché la possibilità di segnalare in anticipo la necessità di un intervento in officina. 

Gli effetti di tali interazioni dovrebbero portare, secondo Nissan, ad offrire un servizio migliore nelle concessionarie, a snellire la filiera produttiva e a fidelizzare il cliente con maggiore semplicità rispetto ad ora.

 

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 17 febbraio 2017

Altro su Nissan

Nissan Leaf: la prima elettrica ad affrontare i 16.000 km del Mongol Rally
Ecologiche

Nissan Leaf: la prima elettrica ad affrontare i 16.000 km del Mongol Rally

Il team irlandese Plug In Adventures ha allestito una Nissan Leaf 100% elettrica per affrontare l’impegnativo ed emozionante Mongol Rally.

Nissan Qashqai Black Edition 1.6 dCi: la prova su strada
Prove su strada

Nissan Qashqai Black Edition 1.6 dCi: la prova su strada

Abbiamo provato la serie speciale del crossover giapponese più venduto in Europa.

Nissan Leaf e As Roma all’aeroporto di Fiumicino
Curiosità

Nissan Leaf e As Roma all’aeroporto di Fiumicino

Un video vede protagonista la Nissan Leaf e i giocatori dell’As Roma a Fiumicino