Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Anche se la tecnologia sarà sempre più presente, le auto della casa di Zuffenhausen saranno auto da guidare.

Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Tutto su: Porsche 911

di Valerio Verdone

25 novembre 2016

Anche se la tecnologia sarà sempre più presente, le auto della casa di Zuffenhausen saranno auto da guidare.

Come ogni marchio che si rispetti, anche Porsche sta valutando l’opzione della guida autonoma, che, per i puristi, potrebbe stridere con l’immagine del Brand sportivo teutonico. Così, ci ha pensato il CEO Oliver Blume a far luce sulla questione.

“Quando si acquista una Porsche, potrete guidare da soli“, ha dichiarato l’uomo al vertice della Casa di Zuffenhausen, stroncando sul nascere gli eventuali timori degli appassionati. “Al momento non pensiamo a una guida autonoma completa, piuttosto, stiamo pensando a sviluppare delle funzionalità da combinare con il vero DNA di ogni Porsche”, ha continuato.

Bene, ma in che modo, vi chiederete? “Per esempio, quando si sta andando a lavorare al mattino e ci si trova in un ingorgo, nel traffico, ci sarà la possibilità di leggere il giornale. Quando ci si dirige al ristorante e non si può trovare un posto per parcheggiare, sarà la vettura che penserà a cercare un posto per parcheggiare”, spiega ancora Blume.

Detta in questo modo suona interessante, così come appare rassicurante la notizia che, per il momento, non è in cantiere la realizzazione di una 911 elettrica. “La Missione-E ha tutte le nostre attenzioni in questo momento. Ad oggi, non abbiano ancora pensato ad una 911 elettrica. Quale sarà in futuro non lo so, ma penso che, almeno per i prossimo 10 anni, avremo una convivenza tra le auto con motori a combustione interna ed i modelli elettrici. E ‘una buona idea per Porsche realizzare la classica 911 e la missione-E “.