Mytaxi integrata in Google Maps su Android e iOS

Le funzioni di mytaxi sono integrate da oggi in Google Maps, l'applicazione di mappe digitali disponibile su Android e iOS.

I servizi di mytaxi arrivano sulla versione italiana di Google Maps, i cui utenti potranno adesso chiamare un taxi via smartphone direttamente dalla famosissima applicazione di  mappe digitali inclusa in tutti gli apparecchi Android e disponibile anche su iOS di Apple.

Da oggi l'Italia, insieme alla Polonia e all'Austria, si aggiunge a Germania e Spagna tra i paesi in cui il servizio mytaxi in Google Maps è attivo. Accedendo all'applicazione mobile di Google, gli utenti troveranno adesso nel Travel Planner un'icona "taxi" che, se attivata, fornirà informazioni riguardanti la durata e il costo stimato del viaggio verso la destinazione impostata.

Se l'utente avrà scaricato sul proprio smartphone anche l'app mytaxi, sarà possibile prenotare un taxi direttamente da Google Maps tramite un reindirizzamento tra applicazioni.

La novità è disponibile fin da subito su Android e iOS, mentre mytaxi fa capo a Daimler ed è un servizio pensato per facilitare l'utilizzo del trasporto pubblico non di linea sfruttando i moderni strumenti informatici e la connettività mobile oramai onnipresenti nella vita di tutti i giorni.

Se vuoi aggiornamenti su MYTAXI INTEGRATA IN GOOGLE MAPS SU ANDROID E IOS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 29 agosto 2016

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.