Bosch: guida autonoma e assistente personale al CES 2016

Il colosso tedesco svelerà al CES di Las Vegas le sue ultime tecnologie legate alla guida autonoma e ai sistemi di connettività.

Bosch: guida autonoma e assistente personale al CES 2016

Altre foto »

Internet in auto è ormai una realtà così consolidata che molti automobilisti non la considerano più come una semplice comodità, ma un mezzo per rendere il veicolo più sicuro ed efficiente. Con questa prospettiva, Bosch presenterà al CES di Las Vegas una serie di funzioni dedicate alla connettività, unite ai sistemi di assistenza per la guida autonoma.

Allo stand del Colosso americano presente a Las Vegas troveremo infatti un interessante prototipo capace di aprire una finestra sulla guida automatizzata e sulla connettività dei veicoli intelligenti. Il nuovo dispositivo di Bosch vanta un "touchscreen" che prende il posto del cruscotto e della consolle centrale e risulta capace di generare la sensazione dei tasti veri grazie a un feedback aptico. Quest'ultimo risulta in grado di generare diverse texture superficiali, consentendo di percepire i singoli elementi sullo schermo. Questo feedback aptico facilita l'utilizzo delle funzioni del sistema multimediale, come ad esempio la navigazione satellitare, la radio e le funzioni dello smartphone. In questo modo chi guida non avrà bisogno di osservare il display per controllare le sue funzioni, mantenendo così lo sguardo sulla strada e evitando pericolose distrazioni. Il display genera la sensazione di ruvido, di liscio e di superfici con una trama e per selezionare un tasto lo si dovrà premere con più intensità. Quello che rende speciale tutto ciò è che lo schermo tattile non sembra differente da un normale schermo comune, tuttavia dà l'impressione a chi lo utilizza di premere dei veri e propri pulsanti.

Lo schermo riporta numerose informazioni che cambiano in base a ciò che si muove nelle vicinanze del veicolo. Ad esempio, se un pedone si avvicina al lato destro della vettura, una sequenza luminosa avvertirà il conducente del pericolo, oppure se un appuntamento viene annullato, il sistema multimediale indicherà il percorso per l'appuntamento successivo, e vi dicendo. Come se non bastasse, l'utente può lasciare in qualsiasi momento la guida dell'auto attivando il pilota automatico, per poi dedicarsi a quello che più gli interessa.

Quando la guida automatizzata sarà operativa sui tratti stradali aperti alla circolazione, la sicurezza stradale aumenterà ulteriormente. L'utilizzo su strade normali è previsto nel 2020 e, secondo le previsioni effettuate dai ricercatori Bosch, l'utilizzo dei sistemi di guida autonoma ridurranno in modo significativo il numero di incidenti gravi, si parla in fatti di una diminuzione  fino a un terzo soltanto in Germania.

Se vuoi aggiornamenti su BOSCH: GUIDA AUTONOMA E ASSISTENTE PERSONALE AL CES 2016 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 22 dicembre 2015

Vedi anche

Renault-Nissan e Microsoft, insieme per l’auto connessa e la guida semi-autonoma

Renault-Nissan e Microsoft, insieme per l’auto connessa e la guida semi-autonoma

L’Alleanza Renault-Nissan e Microsoft hanno sottoscritto un accordo pluriennale per lo sviluppo di tecnologie di nuova generazione.

Crash test GlobalNcap per Renault Kwid e Honda Mobilio

Risultati negativi per le "global car"

Leggermente migliorata rispetto ai crash test di maggio, Kwid ha riportato una valutazione ancora piuttosto lontana dalla piena sufficienza.

Stampa 3D: accordo fra Psa e società californiana

Stampa 3D per l'automotive

Non soltanto singoli componenti, ma l'intero veicolo potrà essere stampato a tecnologia 3D: è l'obiettivo dell'accordo Psa - Divergent 3D.